Investimenti

Comprare Bitcoin online con PayPal o carta di credito: conviene? Come fare?

Avete mai pensato di comprare Bitcoin? Avete la necessità di reperire delle criptovalute per poter effettuare qualche operazione di acquisto, o volete semplicemente mettere da parte un po’ di soldi in questi asset digitali perché siete convinti che accresceranno il loro valore?

Qualsiasi sia la vostra ambizione, sappiate che al giorno d’oggi acquistare Bitcoin è molto semplice, e potrete fare tutte le operazioni da casa vostra in pochi minuti e in modo davvero conveniente.

Nelle prossime righe cercheremo di guidarvi passo dopo passo all’effettuazione di questa operazione, chiarendo ogni dubbio su una delle operazioni che nel corso dell’ultimo anno ha avuto i maggiori incrementi anche qui in Italia.

Vuoi acquistare Bitcoin? Con la piattaforma di eToro puoi (clicca qui per il sito ufficiale), questa piattaforma è considerata in assoluto come una delle più sicure (grazie alla regolamentazione CONSOB) piattaforme per comprare le migliori criptovalute. eToro (clicca qui per il sito ufficiale).

Comprare Bitcoin online

Prima di procedere oltre, compiamo una piccola premessa. Esistono numerosi metodi per poter comprare Bitcoin, ma la procedura è piuttosto simile. Nelle righe che seguiranno, faremo riferimento all’utilizzo di un exchange qualificato come Coinbase, ma niente vi vieta di scegliere altri operatori: l’iter da seguire non cambierà in modo rilevante.

Chiarito quanto sopra, per comprare Bitcoin online usando una carta di credito, un conto bancario o PayPal, vi serviranno principalmente 3 elementi di base:

  • un exchange, ovvero un operatore che vi permetta di convertire euro in Bitcoin (e viceversa);
  • un wallet, ovvero un portafoglio virtuale dove poter allocare la vostra moneta digitale;
  • del denaro da impiegare nella conversione degli euro in Bitcoin.

Se quanto sopra è chiaro, allora dovreste già aver intuito quale sarà l’iter che vi condurrà a comprare Bitcoin:

  1. trovate il miglior exchange di bitcoin sulla base del vostro Paese di residenza;
  2. iscrivetevi all’exchange completando il breve processo di registrazione;
  3. selezionate un metodo di pagamento che vi permetterà di convertire la vostra valuta locale (euro) in Bitcoin, e viceversa;
  4. completare alcuni passaggi di verifica che vi permetteranno di acquistare la criptovaluta;
  5. confermate l’acquisto mediante carta di credito, conto bancario, contanti o PayPal;
  6. indicate all’exchange dove allocare i vostri bitcoin (ovvero, in che wallet volete conservare i bitcoin).

Facile, no?

Comprare Bitcoin in un exchange

Se avete letto con attenzione le righe che precedono, dovreste aver compreso che uno degli elementi “centrali” nel compimento dell’operazione di acquisto Bitcoin è l’exchange, ovvero l’operatore che “materialmente” andrà a convertire i vostri euro in Bitcoin (o in altra criptovauta).

In tal senso, l’exchange si pone come una vera e propria Borsa, dove sono quotati (con prezzi non ufficiali, bensì calcolati dallo stesso operatore come se agisse da market maker) i prezzi dei singoli asset criptovalutari.

Tenete conto che scegliere l’exchange dove comprare Bitcoin non è sempre semplice. Al mondo si calcola che esistano centinaia di diversi operatori, ciascuno con le sue regole, le diverse aree territoriali di azione, e così via.

Come abbiamo già rammentato alcuni paragrafi fa, uno dei migliori (oltre che il più noto) è Coinbase. Tuttavia, niente vi vieta di optare per altri broker specializzati nel trading di bitcoin, con cui potreste scegliere di operare, a seconda delle vostre esigenze.

Considerate altresì che esistono anche alcuni broker forex, o broker CFD, che hanno inserito al proprio interno dei nuovi servizi di acquisto e vendita di criptovaluta. IQ Option è uno dei casi più evidenti ma… attenzione a non fare confusione: non sarà il broker a “vendervi” la criptovaluta, limitandosi invece a impartire a un exchange di proprio gradimento il vostro desiderio di entrare in possesso di Bitcoin.

Comprare Bitcoin senza documenti

Una delle domande più comuni sull’acquisto di Bitcoin è se sia possibile comprarli in modo anonimo. Ovvero: è possibile comprare Bitcoin senza documenti, andando così a incrementare il livello di privacy che desideri mantenere?

La risposta a questa domanda è piuttosto controversa. Un tempo erano piuttosto diffusi gli exchange che offrivano l’acquisto anonimo di Bitcoin senza una sostanziale verifica dell’identità dell’acquirente, a parte un numero di carta di credito o il collegamento ad altro servizio di pagamento.

Oggi questa possibilità è caduta in disuso, e i crescenti sistemi di regolamentazione e identificazione delle controparti hanno limitato l’acquisto di Bitcoin in modo anonimo solo ad alcuni exchange peer-to-peer. In alternativa, potete comprare Bitcoin dagli ATM che vi permettono l’acquisto in cambio di contanti: in Italia sono rari e non funzionano in modo completamente anonimo, ma nel resto del mondo non è difficile trovarli.

Insomma, oggi comprare Bitcoin senza documenti è quasi impossibile. L’exchange al quale vi rivolgerete per compiere questa operazione vi domanderà pur sempre di identificarvi con documenti in corso di validità, infrangendo almeno in parte il vostro desiderio di riservatezza.

Comprare Bitcoin: quanto tempo ci vuole?

Ma, una volta seguite le indicazioni di cui sopra, quanto tempo ci vuole per ricevere i bitcoin?

Diciamo che i tempi dipendono dal metodo scelto e dall’exchange con cui volete scambiare la vostra valuta. Generalmente, le transazioni di pagamento con carta di credito / PayPal vengono effettuate istantaneamente, così come l’acquisto di BTC tramite un bancomat. Tuttavia, nel caso in cui preferiate usare altri sistemi come i bonifici, i tempi potrebbero essere un po’ più lunghi.

Quanto costa comprare Bitcoin

Le commissioni per un’operazione di acquisto Bitcoin variano a seconda dell’exchange e dei metodi di acquisto individuati. Gli acquisti in contanti potrebbero portarvi via una commissione tra l’1% e il 2% se la transazione viene effettuata tramite peer-to-peer o dal 6% al 10% se acquistata direttamente dal broker.

Gli acquisti effettuati al bancomat potrebbero subire una commissione dal 6% al 10%, mentre gli acquisti con carte di credito e di debito variano dal 3% al 4%.

Ma cosa significa tutto ciò? Molto semplicemente, il fatto che comprare Bitcoin può essere molto più caro rispetto a quanto non siate abituati a fare con altri strumenti. Tenetelo bene a mente, e usate questo aspetto per confrontare le varie proposte degli exchange, poiché subire l’applicazione  di una commissione del 5% significa partire con un gap di -5% nel rendimento dell’operazione…

Comprare Bitcoin con PayPal, carta di credito e in contanti

Come abbiamo già avuto modo di riassumere nelle righe precedenti, è possibile comprare Bitcoin con PayPal, carta di credito, contanti e altri strumenti.

Molto dipende dalle vostre preferenze, e dalle vostre effettive disponibilità, oltre che dalle possibilità concesse dal broker. Spesso le carte di debito e di credito sono “tariffate” in maniera più onerosa rispetto ai pagamenti con bonifici bancari, ma possono garantirvi un’operatività immediata. Altre volte si preferisce invece usare PayPal, o altri portafogli elettronici.

Per scegliere quello che fa per voi, abbiate sempre cura di dare uno sguardo alle condizioni applicate dal broker: quanta è alta la tariffa per quel determinato strumento? Ci sono dei limiti minimi / massimi? Entro quanto tempo vi accrediterà la criptovaluta?

Comprare Bitcoin e metterli in un wallet

Una volta che avete scelto il vostro exchange di riferimento, e stabilito che metodo di pagamento utilizzare per comprare Bitcoin, non vi rimane che stabilire… dove metterli.

Ci sono diverse varianti di wallet tra cui potete scegliere. E ognuna vi garantirà diversi livelli di sicurezza contro furti e hacking, diversi prezzi, differente semplicità di utilizzo e ancora di accessibilità degli asset. Insomma, ognuna delle alternative ha i suoi pro e i suoi contro, che vi invitiamo a considerare quando si sceglie quale tipo di wallet BTC avere.

Schematizzando un universo davvero molto ampio, vi rammentiamo che attualmente esistono tre categorie di wallet Bitcoin sul mercato:

  • i wallet web based, che spesso vengono forniti dallo stesso exchange;
  • i wallet scaricabili sul vostro computer con un apposito software;
  • i wallet hardware, generalmente disponibili sotto forma di penna USB.

Ora, senza scendere troppo nel dettaglio, sappiate che i wallet basati su un servizio web vi offriranno la sicurezza che viene garantita dal provider con i propri strumenti di crittografia e sicurezza. Purtroppo, sebbene comodi da usare, sono anche i meno sicuri: comportano infatti il rischio che un hacker possa penetrarli, sottraendo le vostre valute, come più volte avvenuto anche nel recente passato. Se proprio volete riporre i vostri bitcoin in un wallet web based, vi suggeriamo di NON usare quelli forniti dallo stesso exchange, ma usare un servizio terzo, scelto tra i più noti e affidabili.

La seconda alternativa proposta è quella di un portafoglio offline, basato su un software. Anche in questo caso, giova rammentare come sul web ne esistano di decine di diverse tipologie. Il nostro suggerimento è, al di là della scelta del software tra quelli più noti e dalle positive recensioni, di installarlo in un PC che sia sconnesso dalla rete, in modo tale da incrementarne ulteriormente i livelli di sicurezza.

Infine, ci sono i wallet hardware, sicuramente l’alternativa più sicura contro hacking e furti, grazie a un’adeguata crittografia e alla possibilità di disporre di ambiente offline protetto. Il prodotto più qualificato in tal senso è probabilmente il Ledger Blue, ma se non volete spendere così tanto (circa 250 euro), potete ben riparare sull’ottimo Ledger Nano S (si può trovare intorno ai 50 euro). Buone alternative sono i prodotti di KeepKey e di Trezor, disponibili a prezzi tra 50 e 100 euro.

Comprare Bitcoin con carta di credito

L’uso della carta di credito su Internet continua a crescere con ritmi incoraggianti, tanto che questi strumenti di pagamento – anche nei Paesi più restii alla loro fruizione – stanno diventando sempre più comuni.

Alla luce di quanto sopra, non stupisce che, così come potete acquistare online il vostro libro preferito, così potete comprare Bitcoin con carta di credito! Il processo di acquisto è piuttosto semplice e, soprattutto, vi permetterà di disporre in wallet della vostra criptovaluta preferita in modo più rapido rispetto ad altri metodi di pagamento.

Di contro, il fatto che sia un metodo semplice e rapido da usare, non significa che sia economico: le tariffe variano da exchange e exchange, e sono generalmente comprese tra il 2% e il 6%, a seconda della quantità acquistata e del broker che offre BTC.

Fate inoltre attenzione al fatto che il broker al quale vi rivolgete sia realmente affidabile, visto e considerato che state comunicando i numeri della vostra carta di credito!

Comprare Bitcoin con carta di credito virtuale

La carta di credito virtuale è un ottimo modo per effettuare dei pagamenti online, e quindi anche sul vostro exchange di riferimento, senza però fornire informazioni sensibili sulla carta di credito.

Sempre più banche propongono infatti un servizi gratuito che vi permetterà di creare un numero fittizio di carte di credito (appunto, la carta di credito virtuale), che la banca stessa saprà poi ricollegare alla vostra “reale” carta di credito.

Considerato che i numeri di carta di credito virtuale possono essere utilizzati per un’unica operazione, per un importo limitato o per un periodo di tempo determinato, questi strumenti virtuali offrono una maggiore protezione dalle truffe.

Comprare Bitcoin con carta di credito Mastercard

L’acquisto di Bitcoin con carta di credito MasterCard può avere discreti vantaggi, considerato che – a seconda delle politiche scelte dall’emittente – potreste ottenere una cospicua protezione dalle truffe e dalle manipolazioni dei prezzi a cui sono soggetti alcuni exchange.

I broker potrebbero però addebitarvi un costo aggiuntivo se sceglierete di effettuare il pagamento tramite questa carta. Quindi, assicuratevi di leggere bene le loro condizioni di prezzo al fine di non rimanere sorpresi quando vi verrà presentato il “conto”.

Comprare Bitcoin con carta di credito Visa

Le carta credito Visa sono quelle che condividono più somiglianze con il circuito MasterCard e con quello Maestro. Così come quelle MasterCard, anche le Visa, a seconda dell’emittente, possono offrire come vantaggio principale la protezione 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Più raramente invece le carte Visa possono offrire una protezione del prezzo (sebbene alcuni provider la prevedano comunque).

Comprare Bitcoin con carta Maestro

Le carte Maestro possono essere utilizzate come carte collegate al proprio conto corrente. Non si tratta di un vero e proprio circuito di carte di credito, ma di una sorta di ibrido che, peraltro, molti exchange hanno scelto di non riconoscere. Di norma, invece, queste carte possono essere usate senza problemi nei punti vendita dotati di POS, visto e considerato che devono essere passate attraverso il terminale di pagamento che però molti exchange non possiedono.

Comprare Bitcoin con carte di debito

Il processo di acquisto di Bitcoin con una carta di debito è molto simile a quello che abbiamo già intuito accennando alle carte di credito. Molti exchange, peraltro, vi offriranno la possibilità di effettuare degli acquisti sia con carte di credito che con carte di debito. Attenzione, anche in questo caso, all’aspetto commissionale.

Comprare Bitcoin con PayPal

Considerato che l’attuale politica di PayPal vieta le transazioni con Bitcoin, molti si stanno chiedendo come sia possibile convertire il denaro contenuto nel portafoglio PayPal in Bitcoin. Effettivamente, potrebbe non esser facile trovare exchange che offrano PayPal come opzione di acquisto. E, coloro che lo fanno, di solito applicano tariffe elevate e richiedono di verificare il proprio account con i dettagli dell’ID.

Ad ogni modo, la situazione sta lentamente cambiando, e sempre più operatori hanno aperto con maggiore convinzione al mondo PayPal. Rimane fermo il suggerimento di dare uno sguardo all’aspetto commissionale, al fine di non farsi trovare impreparati al momento del pagamento del conto.

Comprare Bitcoin in contanti

Oltre ai metodi di acquisto con carte di credito e di debito, l’acquisto di Bitcoin può essere effettuato anche tramite acquisti in contanti. Gli acquisti in contanti potranno essere operati direttamente con il broker di riferimento o mediante piattaforme peer-to-peer. Il metodo più semplice è, in questo caso, quello del bonifico bancario tramite internet banking. Le commissioni tendono ad essere solitamente più basse.

Comprare Bitcoin in banca

Un altro metodo per acquistare Bitcoin è quello di procedere tramite bonifici bancari. Ovvero, andare fisicamente alla propria banca locale, effettuare qui un pagamento in contanti e inviare una ricevuta all’exchange di bitcoin come prova di acquisto. Molte piattaforme offrono questo metodo di pagamento (come Coinbase), mentre le transazioni peer-to-peer vengono generalmente effettuate anche tramite bonifico bancario.

Lo svantaggio di questo metodo di acquisto è il tempo necessario alla banca per elaborare il pagamento. Potrebbero essere necessari fino a 5 giorni lavorativi per completare la propria transazione. Assicuratevi di sapere a chi state inviando i vostri soldi, poiché i trasferimenti bancari non possono essere annullati una volta effettuati.

Altri modi per comprare Bitcoin

Quelli che ora abbiamo brevemente descritto non sono gli unici modi per poter comprare Bitcoin. Oltre alle carte di credito / debito, agli acquisti in contanti e a PayPal, potete infatti ottenere Bitcoin anche:

  • accettando i bitcoin come mezzo di pagamento (se avete un’attività online);
  • effettuando delle attività su alcuni siti web che vi ricompenseranno con Bitcoin gratuiti (ma occhio alle truffe);
  • effettuando delle attività di mining.

Quando conviene comprare Bitcoin

Molte persone si domandano quale sia il momento migliore per acquistare Bitcoin. In realtà, il prezzo di Bitcoin è una altamente fluttuante, il cui valore cambia di ora in ora, di minuto in minuto, di secondo in secondo.

In verità, ci sono molti fattori che decidono il valore del Bitcoin, considerando ad esempio che la criptovaluta non è centralizzata e nessuno può dire con certezza quale sia il momento migliore per comprare Bitcoin.

Una delle migliori piattaforme di trading per acquistare Bitcoin è quella di eToro (clicca qui per il sito ufficiale), considerata in assoluto come una delle più sicure (grazie alla regolamentazione CONSOB) piattaforme per comprare Bitcoin. eToro (clicca qui per il sito ufficiale).

È possibile comprare una frazione di Bitcoin?

Chi vuole comprare Bitcoin non deve necessariamente acquistare singole unità. È infatti possibile rilevarne una sola frazione, visto e considerato che i bit del BTC possono arrivare fino a 0,000000001. In altre parole, ogni BTC è diviso in 1 milione di unità, ognuna delle quali è chiamata “satoshi”, in onore del suo fondatore.

Il processo di acquisto di una frazione di BTC è praticamente lo stesso che potreste dover rispettare con l’acquisto dell’intero BTC: è sufficiente inserire l’importo che desiderate comprare e trovare l’exchange di BTC che è disposto a negoziare tale importo.

Di seguito, riportiamo il sistema di conversione utile per familiarizzare con il concetto delle frazioni Bitcoin:

  • 1 mBTC (milli-Bitcoin) = 0,001 bitcoin o 1/1000 di bitcoin (un millesimo di bitcoin);
  • 1 uBTC (micro-Bitcoin) o 1 bit = 0,0000001 bitcoin o 0,001 mBTC (un milionesimo di bitcoin);
  • 1 satoshi = 0,000000001 bitcoin o 0,01 uBTC (un satoshi è l’unità più piccola di bitcoin).

Sull'autore

Roberto Rossi

Perito Informatico ma appassionato del trading online con i CFD. Mi occupo di stesura articoli sul trading online, CFD e forex.

Lascia un Commento