Investimenti

Guida ai CFD

Se avete sentito parlare dei CFD come una “nuova” fonte di possibile guadagno per i vostri investimenti, ma non avete compreso esattamente cosa siano e come funzionino, è giunto il momento di rimediare. In questo nostro approfondimento troverete infatti una guida completa al trading sui CFD, con tutto ciò che dovete assolutamente conoscere per potervi avvicinare a questo comparto con la giusta consapevolezza.

Pronti?

CFD: cosa sono?

I CFD, o contratti per differenza (Contract for difference), rappresentano uno strumento sempre più diffuso nel trading online: scegliendo di acquistare un CFD, infatti, investirete in uno strumento finanziario il cui prezzo dipende da un asset sottostante, ovvero da un altro strumento finanziario (come, ad esempio, le azioni, i cambi valutari, le materie prime, ecc.), che tuttavia non si possiede, ma che viene esclusivamente assunto come riferimento per poterne calcolare il valore di fondo.

In altri termini, i CFD sono uno strumento finanziario derivato, utilizzabili per poter scambiare degli asset sottostanti senza doverli necessariamente possedere. Grazie ad essi è dunque possibile stipulare contratti di acquisto o di vendita con il proprio broker di fiducia, andando a replicare tutti i vantaggi che si potrebbero avere dal possesso del già ricordato asset, ma senza averne la titolarità.

In altre parole ancora, i contratti per differenza vi permetteranno di ottenere un utile (o una perdita) determinata dal valore di acquisto e di vendita del sottostante, esattamente come avverrebbe nei mercati regolamentati di Borsa, ma senza tutti gli svantaggi derivanti dal possesso diretto del titolo.

Se non vi è chiaro… nessuna paura: continuate a leggere quali sono i vantaggi dei CFD e, successivamente, da un’occhiata a un esempio che vi fornirà maggiori indicazioni.

CFD: quali sono i vantaggi

Introdotto quanto sopra, possiamo passare a occuparci dei vantaggi: noterete che i benefici acquisibili da un investimento in CFD sono davvero notevoli, e ben giustificano il fatto che tantissimi trader in tutto il mondo si stiano avvicinando con crescente convinzione a un comparto che può fornir loro importanti soddisfazioni finanziarie.

Riassumiamo i principali:

  • i CFD possono permettervi di massimizzare i rendimenti senza utilizzare importanti capitali (quelli che, in altri termini, sarebbero necessari da impiegare per acquistare direttamente il titolo di riferimento sottostante). In questo modo è dunque possibile impegnare solo una piccola percentuale, da usare con leva finanziaria per poter negoziare anche grandi quantità di titoli;
  • i CFD permettono di generare profitto sia nel momento in cui il mercato si trova in una fase di trend crescente, sia quando è in una fase di trend calante. Nella prima ipotesi sarà infatti possibile assumere posizioni long (buy), mentre nella seconda ipotesi sarà sufficiente assumere posizioni short (sell).
  • i CFD consentono di poter fare trading su tanti asset sottostanti: dalle azioni alle materie prime, dalle valute agli indici azionari, sono numerosi gli strumenti che potreste scegliere come beni cui vincolare il rendimento del CFD.

CFD: un esempio di investimento

A questo punto, dovrebbe essere sufficientemente chiaro quanto sia potenzialmente accattivante un investimento nei CFD. Se tuttavia così non fosse, o se fosse comunque gradito un esempio, non dovete far altro che leggere sotto.

Per poter chiarire in maniera ancora più trasparente quale sia il funzionamento di un CFD, possiamo ipotizzare un comodo esempio. Ipotizzate che da diverso tempo abbiate messo nel vostro “mirino” finanziario le azioni della società Alfa, oggi quotate 7,50 euro, e di ritenere che il valore di queste azioni tra breve andrà a crescere.

Il trader che desidera investire direttamente nelle azioni della società Alfa dovrebbe pagare 7,50 euro per titolo, al fine di detenere il titolo nel proprio portafoglio. Nell’ipotesi in cui l’azione Alfa dovesse apprezzarsi come da auspici dell’investitore, passando da 7,50 euro a 8,00 euro, il trader otterrà un profitto di 0,50 euro (moltiplicato per il numero di titoli che detiene in portafoglio), da cui sottrarre le commissioni per l’acquisto e per la vendita dell’azione. Ipotizzando che abbia voluto acquistare 100 azioni Alfa, questo sta a rappresentare un esborso iniziale (per l’apertura dell’investimento) pari a 750 euro, e un introito di 800 euro (per la chiusura dell’investimento), con profitto di 50 euro, da cui sottrarre le commissioni.

Fin qui, il funzionamento (ben noto) di un comune investimento azionario. Ma cosa succede se invece lo stesso trader decide di cercare maggiori soddisfazioni attraverso un investimento in CFD? Le cose cambiano, e di molto.

Immaginiamo ad esempio che lo stesso trader sia sempre convinto che le azioni Alfa subiranno un incremento passando da 7,50 euro a 8,00 euro. Per poter cavalcare questa convinzione non dovrà far altro che aprire una posizione long (acquisto) sul CFD Alfa, ponderando il tutto per le 100 azioni sulle quali desidererebbe ottenere un buon profitto.

Se ben rammentate quanto sopra abbiamo visto, nell’ipotesi in cui il trader procedesse con l’acquisto diretto dei titoli, dovrebbe sborsare 750 euro. Con i CFD, invece, la differenza è notevole: sebbene il valore di acquisto sia pari a 750 euro, al trader sarà richiesto solamente il versamento di una margine iniziale molto ridotto: ipotizzando un margin del 10%, il trader dovrà dunque versare al broker 75 euro.

Se l’evoluzione dei titoli dovesse essere quella nell’esempio, però, il trader non otterrà un beneficio calcolato su quanto effettivamente versato (75 euro) bensì sul valore dell’investimento sottostante (750 euro). Insomma, avrà ottenuto un profitto identico a quello che avrebbe potuto ottenere investendo cifre 10 volte maggiori! Naturalmente, lo stesso avverrà – purtroppo – in caso di perdita: il risultato negativo sarà infatti amplificato nella stessa proporzione della leva finanziaria utilizzata.

Cambiamo ora la prospettiva e immaginiamo che il trader sia piuttosto pessimista sulle azioni Alfa, ritenendo che il loro valore scenderà da 7,50 euro a 7 euro. Se si limitasse a un investimento sul mercato regolamentato, c’è ben poco che potrebbe fare, se non attendere che il prezzo scenda al proprio target price e poi riacquistare il titolo nell’attesa che il mercato cambi tendenza.

Con i CFD, invece, il trader potrà assumere posizioni short (sell) puntando sul deprezzamento del titolo. Per far ciò non dovrà far altro che agire in maniera inversa all’investimento long. Facile, no?

CFD: piattaforme di trading e software

A questo punto, potrebbe essere lecito domandarsi: ma in che modo poter investire in CFD? È possibile investire in contratti per differenza senza spostarsi da casa e senza dover necessariamente depositare grandi cifre?

Come potrete ben intuire, la risposta non può che essere positiva. Grazie alla presenza di broker seri e affidabili, innovativi e in grado di rispondere in maniera dedicata alle esigenze di tutte le classi di trader (dai più esperti a quelli neofiti) è oggi possibile cercare di investire in CFD da casa, dietro versamento di poche decine di euro, e senza dover necessariamente avere profonde conoscenze finanziarie.

Da Plus500 a Markets, passando per 24 Option e per tutti i più noti operatori di settore, sono numerosi i broker che oggi si rivolgono al pubblico italiano fornendo loro validissime piattaforme di trading con le quali poter impartire ogni ordine short o long relativo ai contratti per differenza.

Piattaforma forexVantaggiAutorizzataDeposito min.Inizia
Professionale100 €Apri un conto
notifiche di trading250 €Apri un conto
Facilissima, corsi di trading CFD100 €Apri un conto

Plus500

Plus500 è considerata una delle migliori piattaforme per fare trading online di CFD a livello mondiale. E’ una piattaforma completamente gratuita, senza commissioni e senza nessun tipo di costo. Plus500 è una piattaforma di trading CFD veramente professionale ma così facile da utilizzare che è aperta a tutti. Plus500, inoltre, mette a disposizione gratuitamente un conto demo gratuito illimitato. Basta iscriversi gratis e si può cominciare da subito a sperimentare il trading CFD senza nessun rischio. Puoi iscriverti gratis a Plus500 cliccando qui.

Per saperne di più su questa piattaforma di trading CFD, puoi consultare la nostra recensione di Plus500.

Markets.com

Markets.com è una delle più antiche e prestigiose piattaforme per fare trading di CFD. Markets.com offre i suoi servizi da più di 10 anni ed è sempre stata una delle piattaforme più apprezzate dai trader. I punti di forza di Markets.com stanno nella sua semplicità, nella convenienza (è gratis e non applica alcun tipo di commissione di trading) e nella grande quantità di materiale didattico che mette a disposizione dei suoi clienti.

Tutti gli iscritti a Markets.com possono partecipare gratuitamente a corsi online di trading CFD e anche a seminari dal vivo che si tengono periodicamente nelle principali città italiane. Questi corsi sono particolarmente apprezzate dai principianti perché non sono teorici (come la maggior parte degli altri corsi) ma estremamente pratici e orientati a far guadagnare da subito il trader.

Anche Markets.com garantisce a tutti gli iscritti la possibilità di operare con un conto demo, senza vincoli e senza necessità di effettuare alcun deposito.

Puoi iscriverti gratis a Markets.com cliccando qui.

24option

Di 24option possiamo dire che è una piattaforma che ha fatto la storia del trading online. La sua semplicità è tale che anche un principiante può iniziare a fare trading di CFD senza problemi. 24option è una piattaforma gratuita, senza nessun tipo di costo né implicito né esplicito e soprattutto senza commissioni sull’eseguito.

24option è famosa tra coloro che operano con i CFD anche per le sue notifiche di trading. Si tratta di un servizio assolutamente gratuito per tutti gli iscritti a 24option. Che cosa è una notifica di trading? E’ l’indicazione su un’operazione di mercato con un’elevatissima probabilità di chiudere in profitto. Le notifiche di 24option, elaborate da famosi centri di analisi finanziaria, hanno dimostrato nel tempo di essere particolarmente affidabili. Puoi scoprire tutti i dettagli sulle notifiche di 24option cliccando qui.

Puoi iscriverti gratis a 24option cliccando qui.

Per approfondire, leggi la nostra recensione di 24option.

Guadagnare con i CFD: consigli

La prima cosa che vi consigliamo di fare è, naturalmente, studiare il vostro oggetto del desiderio. Anche se è vero e risaputo che oramai si può investire in prodotti finanziari derivati anche senza dover essere necessariamente dei grandi esperti di finanza, è anche vero che cedere alla facile tentazione di investire il prima possibile poiché ingolositi dagli importanti guadagni conseguibili non è certamente il passo più saggio da compiere per poter ottenere le giuste soddisfazioni. Ritagliatevi pertanto del tempo utile per poter comprendere come funzionano i mercati, come funzionano gli strumenti finanziari derivati, come funzionano gli asset di riferimento, e così via.

In secondo luogo, vi suggeriamo di realizzare una vera e propria strategia di attacco ai mercati finanziari, che tenga in considerazione le vostre specifiche caratteristiche di conoscenza e di competenza, le vostre finalità, i vostri orizzonti temporali e tutti quegli elementi che dovrebbero rendere unica la strategia di gestione finanziaria degli investimenti.

Fatto ciò, potete passare alla fase di valutazione dei broker CFD. Vi renderete conto che avrete tantissime opportunità alternative, e che ciascuna di esse sarà in grado di rappresentare un ideale sbocco per le vostre esigenze. Anche in questo caso, il nostro consiglio è quello di non avere alcuna fretta: acquisite tutte le informazioni disponibili su tali broker e, successivamente, aprite un conto dimostrativo con il quale cercare di comprendere se effettivamente l’offerta del broker possa fare o meno al caso vostro. L’uso di un conto demo vi permetterà inoltre non solamente di valutare la bontà delle proposte di servizio dell’operatore in modo più attendibile e in “prima persona”, quanto anche mettere alla prova la vostra strategia di trading in un contesto reale, ma utilizzando il plafond di denaro virtuale che il broker vi avrà messo a disposizione.

Una volta che avrete superato tutte queste fasi, potete individuare il broker che ritenete possa fare maggiormente al caso vostro e aprire con esso un primo conto di trading: le procedure di accensione dell’account sono facili e guidate, e alla fine delle stesse vi sarà domandato di effettuare un primo versamento, generalmente a partire da poche decine di euro.

Scaricate quindi la piattaforma di trading CFD (o utilizzate quella web based o quella mobile, se preferite) e mantenete fede alla strategia che avete scelto di adottare.

Termina qui la nostra guida introduttiva al mondo dei CFD. Se avete domande o perplessità, o ritenete di volerne sapere di più su qualche specifico argomento, potete scriverci o inserire un commento: saremo lieti di fornirvi ogni riscontro!

aprile 24, 2017

About Author

roberto


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su Di Noi
e-conomy ti spiega l'economia come nessuno l'aveva fatto prima d'ora. Senza paroloni e senza timori reverenziali. Ti diciamo chiaro e tondo che cosa stanno facendo con i tuoi soldi. E quando possibile, ti diciamo anche come metterli in salvo. Senza promesse da marinaio e soprattutto senza costi. Informazione pulita, trasparente, senza conflitti di interessi, gratuita.