L’affare del trading online
Main Street

L’affare del trading online

Negli ultimi anni le notizie che parlano di persone che sono riuscite a guadagnare cifre significative tramite il trading online sono sempre più diffuse. Spesso leggendo queste notizie viene in effetti il dubbio che si tratti delle classiche bufale, mentre invece nella maggior parte dei casi c’è del vero.

Il successo del trading online

Quando si pensa ai metodi classici di investimenti vengono alla mente gli affari milionari di chi possiede grandi capitali, che riesce ad acquistare dei titoli azionari ad un prezzo stracciato, per poi rivenderli guadagnando rapidamente quantità di soldi che un comune mortale neppure riesce ad immaginare. Il trading di questo tipo non è adatto a chiunque, anche perché spesso per prendervi parte occorre avere a disposizione una buona quantità di soldi. Alcuni titoli azionari infatti costano parecchio anche più di 1.000 euro per una singola azione. Se poi si considera che, nella maggior parte dei casi, occorre conservare questi titoli per mesi prima di riuscire a venderli per guadagnare, allora si comprende ancora meglio come il piccolo risparmiatore sia quasi totalmente tagliato fuori da questo tipo di speculazione. Anche per questo motivo stanno avendo sempre maggiore successo gli affari con i prodotti finanziari derivati, ad esempio i cosiddetti CFD (acronimo di Contract For Difference) o le ormai rinomate opzioni binarie. In questo tipo di speculazione può entrare anche il piccolo risparmiatore, con cifre iniziali pari a poche centinaia di euro, se non poche decine. Il guadagno per la singola speculazione è molto elevato, fino anche al 90% di quanto investito. In pratica, investendo 100 euro se ne guadagnano 90 lordi, a volte in affari che hanno una durata molto breve.

Come funziona il trading con i prodotti derivati

Fare trading online con i prodotti derivati non comporta l’acquisto di un bene. Si tratta invece di speculare sull’andamento delle quotazioni di un asset qualsiasi, chiamato sottostante. Si fa trading osservando le quotazioni sul mercato reale, ma senza toccare effettivamente i beni trattati. Se le previsioni che si effettuano sono corrette, si guadagna, in caso contrario si perde quanto investito, o almeno una buona parte del capitale. Questo tipo di speculazione è molto semplice da effettuare, nel senso che le operazioni da svolgere sono praticamente basilari. Più complesso è imparare ad effettuare previsioni per lo più corrette. In linea generale un buon trader riesce a guadagnare, ogni giorno, circa il 15.20 % di quanto ha investito, considerando guadagni e perdite.

La pratica del trading online

Per poter iniziare a fare trading online ci si deve rivolgere ad un broker, citiamo come esempio xtrade, ma in rete se ne trovano vari altri. Il broker è l’intermediario, che ci consente effettivamente di svolgere la nostra attività di trader. Sul sito del broker troviamo un’interfaccia di trading, chiamata in gergo piattaforma, tramite la quale potremo aprire e chiudere le nostre speculazioni. La scelta del broker è un passo molto importante per l’attività di trading, perché le proposte delle società operanti in Italia sono molto variegate e diverse tra loro. Le caratteristiche che ci consentono di trovare un buon broker sono varie, tra cui la necessità di versare una cifra iniziale di una certa entità, la possibilità di iniziare un affare anche con investimenti molto bassi, talvolta anche inferiori ai 5-10 euro, la rapidità con cui si aprono e chiudono gli affari, la necessità di pagare una certa quota per ogni speculazione iniziata. Alcuni broker propongono tanti diversi tipi di asset su cui speculare, altri invece sono rivolti solo ad alcuni mercati in particolare, ad esempio al Forex. La scelta del broker migliore dipende in genere dal tipo di attività che vogliamo mettere in piedi.

Il social trading

La novità degli ultimi mesi è il social trading. Si tratta di piattaforme di trading che si sviluppano come i classici siti social, ad esempio facebook o twitter. Ogni utente può sfruttare la piattaforma per fare trading, e anche per conoscere altri trader, condividendo le sue attività quotidiane. Il neofita può cercare tra le pagine del social quali siano i trader di maggior successo, per poi copiarne, pari pari, l’attività quotidiana. Questo metodo di trade si chiama in gergo “copy trading”. In pratica scegliamo un trader e ne copiamo le speculazioni, sperando di seguirlo durante una giornata di guadagni elevati. Tale attività può essere interessante per chi comincia a fare trading, perché consente di comprendere appieno come funziona la mente di un trader con esperienza, evitando anche di prenderci troppi rischi: visto che si tratta di una persona di successo, possiamo presagire che le speculazioni che sceglie di iniziare andranno a buon fine. Un altro modo per iniziare il trading di successo consiste nello sfruttare i cosiddetti segnali di trading. Si tratta di avvisi che riguardano le speculazioni più interessanti nel corso di una giornata, o particolari movimenti del mercato. Seguendo i segnali si aumenta di molto la propria possibilità di prevedere cosa avverrà alle quotazioni di un certo asset, portandoci così a guadagnare con regolarità.

marzo 24, 2017

About Author

Gennaro Parisi Laureato in Economia e Commercio all'Università di Bari nel 2003, appassionato di finanza, di politica e di economia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su Di Noi
e-conomy ti spiega l'economia come nessuno l'aveva fatto prima d'ora. Senza paroloni e senza timori reverenziali. Ti diciamo chiaro e tondo che cosa stanno facendo con i tuoi soldi. E quando possibile, ti diciamo anche come metterli in salvo. Senza promesse da marinaio e soprattutto senza costi. Informazione pulita, trasparente, senza conflitti di interessi, gratuita.