Ripple

Ripple è la nuova criptovaluta che promette di rivoluzionare il mondo dei pagamenti. Vediamo quindi subito insieme che cosa è Ripple e come funziona, analizzando i vantaggi e gli svantaggi e le differenze sostanziali rispetto ai due grandi “Big” che sono Bitcoin ed Ethereum.

Che cos’è Ripple

Ripple, simbolo XRP, è una criptovaluta nata nel 2013, che rappresenta la prima vera grande alternativa al Bitcoin ed Ethereum. Come numerose altre monete digitali della solita categoria, anche la quotazione del Ripple è basata su una criptovaluta che “vive” su internet.

Con il termine Ripple si intende sia la valuta sia la rete Ripple. Cerchiamo quindi di vedere insieme tutte le caratteristiche del Ripple, cercando di capire nel dettaglio che cos’è e come funziona questa criptomoneta, analizzando approfonditamente cos’è e come funziona la criptovaluta Ripple e quali sono le principali differenze con il Bitcoin e l’Ethereum.

Il rally di Bitcoin, con conseguente grandissimo aumento della capitalizzazione di mercato, ha portato le altre criptovalute a riscuotere un grandissimo successo. Ethereum, Ripple e tutte le altri grandi criptovalute alternative hanno quindi avuto un grandissimo trampolino di lancio grazie alla crescente popolarità del Bitcoin.

Adesso tuttavia è in corso una vera e propria inversione di tendenza, in quanto quelli che erano “gli outsider” nelle criptovalute, stanno man mano erodendo quote di mercato al Bitcoin, considerato ormai come antiquato e privo di sviluppo da diversi anni.

Ripple: la storia e le origini

Ripple Chris Larsen

Ripple Chris Larsen

Come abbiamo già detto poco tempo fa, il Ripple è una criptomoneta non presente in forma cartacea, in quanto è basata completamente su internet. Fu fondata da Chris Larsen e Jed McCaleb. Si tratta di una criptomoneta nata nel 2013, che si basa sul protocollo denominato OpenCoin.

Lo scopo principale di Ripple, era quello di risolvere una volta gli svantaggi che erano sorti con l’utilizzo del Bitcoin.

Quindi l’intuizione degli inventori di Ripple era quello di cercare prima di tutto di abbassare le commissioni per le transazioni di criptovaluta.

Dal 2013, il protocollo di Ripple fu adottato da un numero crescente di istituzioni finanziarie per “offrire” un’opzione di rimborso alternativo ai consumatori. Ripple consente il pagamento per i clienti retail, le società e altre banche.

L’inventore di Ripple ha affermato che “Ripple semplifica il processo [di scambio] creando trasferimenti point-to-point trasparenti, in cui le banche non devono pagare le tasse bancarie.

Ripple è quindi qualcosa di più di una semplice alternativa al Bitcoin, ma una criptovaluta molto orientata al sistema bancario.

Ripple xrp

In maniera simile alla rete Bitcoin, la Rete di Ripple si basa su di una piattaforma di trading open source. Si tratta dunque di una rete che è liberamente modificale dai suoi creatori, secondo i limiti stabiliti dalle regole del network di questa criptovaluta.

La caratteristica principale della rete Ripple è la presenza di registri di transazioni denominati “Ledger” che consentono di effettuare un monitoraggio di tutte le transazioni in maniera estremamente veloce.

Una delle caratteristiche fondamentali della rete Ripple è anche la possibilità di trasferire i fondi all’interno della rete senza alcuna continuità di forma. È possibile dunque trasferire i propri dollari per inviarli ad un proprio amico che vuole ricevere euro. Penserà a tutto la rete Ripple.

La Rete Ripple è essenzialmente composta da 3 parti:

  • Un network di pagamenti
  • Una borsa
  • La Valuta Ripple (XRP)

È possibile considerare la rete Ripple come una versione più moderna dell’attuale sistema di banche ed intermediari finanziari, in quanto gran parte del sistema Ripple si basa essenzialmente sulla fiducia.

Essenzialmente Ripple funziona come un sistema bancario “medioevale”. Si tratta di un sistema per trasmettere denaro senza essenzialmente muoverlo.

Questo viene ottenuto essenzialmente fornendo l’aspetto di un pagamento istantaneo tra posizioni separate; per esempio, inviare denaro tra città o paesi diversi. Per spiegare come funziona Ripple, è necessario tornare alle basi:

Come Funziona Ripple

Come Funziona Ripple

Mettiamo caso che Andrea voglia inviare del denaro ad Elisabetta:

Andrea va al suo agente locale e gli dà un pò di soldi e una password, che lui ed Elisabetta condividono.
L’agente telefona all’agente locale di Elisabetta e gli dice di rilasciare fondi a qualcuno che può fornire la password richiesta.
Beth va dal suo agente, gli fornisce la password e riceve del denaro. Le commissioni possono essere richieste da uno o entrambi gli agenti.

Adesso è stato trasferito del denaro tra Andrea ed Elisabetta, ma i fondi fisici non si sono realmente mossi. Adesso siamo praticamente nella situazione dove l’agente di Alex deve dei soldi all’agente di Elisabetta.

I due agenti possono quindi decidere di saldare il debito in un secondo momento, oppure attendere che i due invertano le transazioni se altri clienti vogliono inviare il denaro nella direzione opposta.

Tornando al discorso precedente all’esempio, in una situazione come questa ci sono ben tre relazioni di fiducia:

  1. Alex deve fidarsi che il suo agente faccia la cosa giusta, dato che è lui che “muove” i soldi;
  2. Elisabetta deve fidarsi che il agente faccia la cosa giusta, in quanto è lei che sta aspettando i soldi;
  3. Gli agenti devono fidarsi l’uno con l’altro per il pagamento del debito IOU (I owe you, “ti devo”) – documento informale che attesta un debito).

Ovviamente l’esempio dell’agente è facilmente assimilabile nella realtà ad un sito internet oppure un negozio, in quanto gli IOU vengono comunicati elettronicamente.

Il modo in cui funziona Ripple è quindi estremamente semplice: Andrea si collega all’interno del suo gateway Ripple, deposita soldi e richiede al gateway di inviare fondi ad Elisabetta tramite il gateway. Successivamente poi Elisabetta procederà con il ritirare i fondi.

Tuttavia Ripple può funzionare non solo con il denaro contante, ma anche per l’Oro fisico. Questo significa che fino a che entrambi i gateway saranno disposti ad accettare e distribuire il metallo prezioso e avranno una relazione di fiducia che prevede IOU dell’oro (a differenza degli IOU di denaro contante nel primo esempio), la rete funzionerà ancora con gli stessi principi e sarà dunque possibile trasmettere oro all’interno del network. È possibile dunque inviare e ricevere qualsiasi altra cosa al posto di oro e dollari, come fiori, birra, vino e molte altre cose ancora. Con Ripple è essenzialmente possibile trasferire qualsiasi cosa.

Se il gateway prevede la conversione dei beni, è possibile anche scambiare oro per dollari, o fiori per birra. Di tutto un pò.

Ripple: differenze con il Bitcoin

Ripple e Bitcoin sono quindi delle criptovalute estremamente diverse. Prima di tutto il Bitcoin è soltanto una valuta, mentre il Ripple è una rete molto più complessa dove questa criptovaluta viene utilizzata.

Ripple è inoltre una criptovaluta estremamente più veloce, richiede infatti soltanto 2-3 secondi per inviare e ricevere il denaro, mentre con il Bitcoin sono necessari minuti, ore oppure molto di più a causa della saturazione del network negli ultimi mesi.

Si tratta di due criptovalute che raggiungono in modalità diverse il consensus, e quindi le operazioni per ottenere la totale sicurezza della transazioni sono totalmente diverse.

Come abbiamo già affermato precedentemente, con il Ripple è possibile tracciare essenzialmente qualsiasi valuta, mentre con il Bitcoin è possibile soltanto tracciare il BTC.

Inoltre è presente anche una profonda differenza sull’offerta della valuta: se da un lato il tetto massimo di Bitcoin è fissato a 21 milioni, quello di Ripple è a quota 100 miliardi.

Vantaggi e Svantaggi Ripple vs Bitcoin

Ripple è quindi migliore di Bitcoin? Questo non possiamo dirlo, ma possiamo sicuramente dire che apprezziamo il fatto che su Ripple inviare denaro è estremamente veloce. La possibilità inoltre di tracciare qualsiasi valuta è sicuramente uno dei motivi che stanno portando sempre più persone ad utilizzare il Ripple.

Gli esperti di criptovalute affermano tuttavia che il più grande vantaggio del Ripple è la mancanza di transazioni libere. Ripple è infatti un sistema centralizzato che si basa essenzialmente sulla fiducia. Si tratta quindi di un sistema totalmente opposto a quello del Bitcoin. Attualmente infatti, il Ripple deve gran parte della sua fama al grande interesse da parte delle banche.

Ripple Prezzo e Quotazione

Ripple Prezzo Quotazione

Ripple Prezzo Quotazione

Il prezzo di Ripple è aumentato enormemente nel 2017, superando il livello di 0.05 e spingendosi ben oltre gli 0.20 centesimi di dollaro per XRP.

Secondo gli analisti tuttavia, questo grande rally di Ripple è dovuto al supporto delle numerose banche che stanno investendo in questa criptovaluta e che ha contribuito enormemente nel recente rally di prezzo.

I grandi investitori stanno infatti scommettendo sul fatto che il Ripple possa dare forza ai trasferimenti di denaro internazionali tra banche e tra i consumatori e le banche nel futuro. L’invio e ricezione di pagamenti è un mercato da 500 miliardi di dollari all’anno e Ripple sta stringendo molti accordi di partnership con le grandi banche.

Come comprare Ripple

Come è possibile acquistare Ripple? Acquistare Ripple potrebbe verificarsi un’operazione alquanto difficile, in quanto gran parte dei siti internet che consentono di acquistare criptovalute si sono rivelate una truffa.

La storia del Ripple è infatti contornata da svariate truffe negli anni. Il segreto secondo gli esperti è quello di affidarsi a piattaforme di trading online assolutamente regolamentate ed affidabili. È necessario dunque scegliere piattaforme di trading online regolamentate che abbiamo come minimo il sigillo di regolamentazione della CySEC oppure della Consob.

Investire nel mercato acquistando Ripple deve essere dunque un’operazione da fare in completa serenità attraverso le migliori piattaforme di trading online per fare trading online con le criptovalute.

Per fare un esempio con una delle piattaforme testate (Plus500 clicca qui per aprire un conto gratuito) abbiamo notato che in questo caso non sono presenti costi di trading, in quanto le commissioni sono a zero.

Tramite Plus500, piattaforma di trading regolamentata, è possibile dunque acquistare e vendere Ripple.

Per iscriverti gratis a Plus500, clicca qui.

Ecco le migliori piattaforme di trading CFD con il Ripple:

Piattaforma Vantaggi Deposito min. Inizia
Demo gratis 100 € Apri un conto
Formazione, demo gratis 100 € Apri un conto
Social trading 200 € Apri un conto