Investimenti

Trading online, come riconoscere le truffe

Tra le tante opportunità che Internet ci ha concesso, c’è anche quella di poter fare del trading online in modo semplice e intuitivo.

La conseguenza? Persone che fino a pochi secondi prima non avevano chiara la differenza tra un’azione e un’obbligazione, hanno improvvisamente iniziato a investire in strumenti finanziari derivati, Forex, commodity, c e tanto altro ancora!

24Option Migliore Piattaforma per Evitare le Truffe

24Option Migliore Piattaforma per Evitare le Truffe

La migliore piattaforma per evitare le truffe è quella di 24Option. Perché? Per il semplice motivo che 24option è un broker di trading online che fa business con i suoi clienti da oltre 10 anni, è regolamentato CySEC e registrato CONSOB.

Iscriviti su 24Option cliccando su questo link >>

Inoltre, sono presenti inoltre svariate piattaforme di trading tutte molto simili a 24Option:

Piattaforma Inizia Caratteristiche Deposito min
Iscriviti Notifiche di trading, corso di trading gratis 250 €
Iscriviti Demo gratis, spread bassi 100 €
Iscriviti Sicura e affidabile 100 €
Iscriviti Social trading 200 €
Iscriviti Deposito minimo 10 euro 10 €

Certo, non è sempre un male. Anzi, la possibilità che sempre più persone siano interessate al mondo della finanza e degli investimenti è sicuramente positivo. A patto, naturalmente, di compiere la giusta accortezza: sfortunatamente, infatti, così come il mercato del trading online è ricco di opportunità di investimento, è altresì ricco di operatori senza scrupoli che abusano della fiducia degli investitori generando vere e proprie truffe e frodi.

Ma come riconoscerle e tenersi alla larga dalle cattive sorprese? In che modo investire in sicurezza?

Quali sono le truffe nel trading online

A rendere particolarmente arduo il compito del trader neofita che vuole difendersi dalle truffe nel trading online, c’è l’evidenza del fatto che la creatività dei truffatori è sempre un passo più avanti da coloro che vogliono difendersi dalle frodi.

Ad ogni modo, una delle truffe ancora oggi più comuni è quella dello schema Ponzi, divenuto uno degli schemi di investimento più utilizzati… per il semplice motivo che è anche uno dei più redditizi. Ma come funziona?

Con questo schema, il truffatore prende contatti con un numero relativamente piccolo di trader nella comunità di investitori, offrendo loro l’opportunità di investire con un rendimento elevato garantito, in un programma di trading che generalmente si basa su sofisticati algoritmi.

Naturalmente, gli algoritmi erano delle scatole vuote, create ad hoc solo per dare un tono sofisticato a una vecchia struttura di truffa. Di fatti, entro breve tempo, il truffatore si avvicina ad altri investitori, raccogliendo nuovi fondi da loro e usando una parte del denaro investito da queste persone per pagare i grandi profitti promessi al gruppo originale di investitori.

Man mano che lo schema cresce, il truffatore ha necessità di altri investitori dai quali ottenere fondi, e con i quali pagare profitti ai trader esistenti. Il processo di reperimento di fondi freschi per effettuare i pagamenti fittizi degli utili cresce, fino a quando il truffatore non riesce a reperire più soldi a sufficienza. A quel punto sparisce, con i fondi sottratti agli incolpevoli investitori.

Come immaginabile, lo schema Ponzi è solo una delle tante tecniche di investimento ad alto rendimento che sono state poste in essere dai truffatori con il passare degli anni. Il senso è sempre il medesimo: i programmi ad alto rendimento frodano gli investitori promettendo un ritorno sul trading estremamente elevato. Intuibilmente, queste promesse sono fasulle, e molti investitori possono considerarsi fortunati se riescono a recuperare una piccola parte del denaro impiegato in questo tipo di truffe.

Che poi i truffatori riescano a convincere il potenziale investitore che i rendimenti sono generati dalle loro ineguagliabili capacità di investimento o dallo sfruttamento di un innovativo algoritmo, poco cambia: il modello di business del truffatore è molto semplice, e le conseguenze saranno comunque nefaste per i trader.

Oggi giorno, questi schemi non si basano più sulla prevalente presenza di investitori esperti che garantiscono miracoli attraverso incontri dal vivo, bensì su più comodi robot automatizzati di trading che vi prometteranno dei rendimenti certi e interessanti. O, magari, su generatori di segnali, ovvero algoritmi in grado di intercettare delle situazioni di mercato alle quali ricollegare delle raccomandazioni di investimento attendibili.

Tutto qui? No di certo! Considerato che per fare trading online avrete bisogno di un broker… purtroppo alcuni di questi non saranno affatto affidabili come sembrano.

Insomma, un bel guaio per tutti coloro che vorrebbero fare del trading in serenità. Ma c’è un modo per poter evitare di andare incontro a tutti questi pregiudizi potenziali? Come possiamo difenderci dalle truffe nel trading online?

Truffe nel trading online: tutti siamo a rischio!

Generalmente il trader è portato a pensare di non essere mai a rischio truffa. Ebbene, proprio questa sicurezza è uno dei grandi vantaggi che sono in mano ai truffatori!

Le frodi sugli investimenti finanziari generalmente accadono proprio alle persone che ritengono che una simile situazione non possa accadere proprio a loro. Tuttavia, così come non esiste un profilo tipico per i truffatori, così non ne esiste uno per le loro vittime!

Per esempio, molti piccoli trader pensano che le truffe non potranno mai toccarli per il semplice motivo che sono in possesso di piccoli patrimoni, e ritengono invece che i truffatori puntino solamente a grandi ricchezze. Ebbene, non è così: semplicemente, ci vogliono più piccoli investitori per finanziare una grande frode.

Non è certo un caso che alcuni truffatori cercano deliberatamente i piccoli investitori, oppure le famiglie che potrebbero avere mezzi limitati o difficoltà finanziarie, immaginando che tali persone siano anche quelle più ricettive a una proposta che può offrire profitti rapidi e significativi.

Per esempio, in questo ambito, molto redditizie sono (purtroppo) le truffe che inculcano nei piccoli investitori il pensiero che possono diventare ricchi solo se apprendono e utilizzano le strategie di investimento utilizzate dalle persone più facoltose. Naturalmente, il truffatore si renderà disponibile a insegnar loro questi trucchi!

Ad ogni modo, piuttosto che concentrarsi nel prevedere quali possano essere le varie sfaccettature delle truffe del trading, è bene tenere a mente che – sebbene le vittime delle frodi sugli investimenti possano differire l’una dall’altra in molti modi – sfortunatamente hanno un tratto in comune: la loro avidità supera la loro prudenza.

Truffe trading su Internet

Come abbiamo avuto modo di rammentare, l’accesso a Internet ha favorito un incremento drastico del numero degli investitori. Così facendo, ha anche alimentato un crescente ricorso a nuove tecniche di truffa online, con i criminali che – riconoscendo il potenziale del cyberspazio – hanno potuto amplificare la portata delle loro azioni truffatrici.

In altri termini, le stesse truffe che fino a poco tempo prima erano condotte per posta o per telefono, ora possono essere gestite interamente su Internet grazie alle nuove tecnologie. Ma come intercettarle?

Vediamo subito in che modo si possono manifestare le truffe sul trading online, e come evitarle!

Referenti

Uno dei “trucchi” più vecchi per poter perpetrare delle truffe sul trading online prevede il pagamento di profitti rapidi e consistenti agli investitori iniziali (che, come abbiamo visto, sono in realtà provenienti da investimenti propri o di altre persone) sapendo che è probabile che raccomandino lo stesso servizio ai propri amici. E questi amici diranno ai loro amici. Il risultato? Il truffatore non avrà più bisogno di trovare nuove vittime, poiché saranno loro a correre da lui.

Rispettabilità

Alcuni truffatori sanno molto bene quale sia l’importanza dell’immagine. Usando spesso i profitti delle truffe precedenti, affittano uffici lussuosi, assumono un decoratore d’interni e una receptionist professionale e avviano ciò che ha l’aspetto (ma non la realtà) di una società di investimento rispettabile. Potresti anche dover telefonare per un appuntamento, e – una volta lì – potresti anche esser costretto ad aspettare un po’: insomma, un bell’inganno in capo a incolpevoli investitori che saranno portati a pensare di avere a che fare con un partner d’affari di grande affidabilità.

Aspettativa di grandi profitti

I grandi profitti di cui generalmente parla un truffatore sono generalmente abbastanza importanti da renderti interessato e desideroso di investire. Tuttavia, non sono nemmeno troppo elevati da renderti eccessivamente scettico. Per esempio, per poter trovare la giusta via di mezzo, il truffatore potrebbe menzionare una cifra di profitto che pensa che considererai credibile e poi, come ulteriore abbellimento, suggerirà anche che il profitto potenziale è in realtà molto più grande di quello. Tieni conto che in generale se una proposta di investimento sembra troppo bella per essere vera, probabilmente è una truffa.

Bassi rischi

Alcuni truffatori sono così espliciti da spingersi a suggerire che non vi è alcun rischio in quel che fanno, e cioè che l’investimento nel quale verrete coinvolti andrà a produrre denaro in modo sicuro. Ovviamente, l’ultima cosa che un truffatore vuole che tu pensi è la possibilità che tu perda i tuoi soldi! Per rendere più credibile la sua presentazione, il truffatore potrebbe anche riconoscere che ci potrebbe essere qualche rischio, ma che in realtà è minimo in relazione ai profitti che quasi certamente farai. Prova sempre a sollevare la questione del rischio: il truffatore inizialmente ti darà delle grandi rassicurazioni, ma alla lunga potrebbe diventare impaziente o addirittura aggressivo se viene sollevato questo aspetto con troppa insistenza, arrivando forse a suggerirti che ha cose migliori da fare che perdere tempo con persone che non hanno il coraggio e la lungimiranza necessarie per fare soldi!

Urgenza di investire

Di solito il truffatore solleva qualche motivo convincente per cui diventa essenziale per te investire in questo momento. Forse perché l’opportunità di investimento può “essere offerta solo a un numero limitato di persone”. O perché ritardare l’investimento potrebbe significare perdere un grande profitto. In realtà, l’urgenza non è certo tua ma… del truffatore, che vorrà i tuoi soldi il più rapidamente possibile, in maniera tale che tu non abbia il tempo di pensarci su e discutere di questo con un esperto.

Cosa fare se sospetti una truffa

ricorda che la prima linea di difesa contro le frodi del trading online è il tuo diritto di porre domande finché non ottieni le risposte giuste. Ma quali sono le domande che dovresti fare?

Abbiamo voluto riassumere 15 domande che probabilmente ti permetteranno di distinguere un buon progetto da una truffa.

Dove hai preso il mio nome? Se la risposta è che sei stato scelto da un “elenco selezionato di investitori intelligenti e prudenti”… è molto probabile che in realtà non sia affatto così, e che il tuo nome sia stato semplicemente preso da un forum, da una community sui social media, e così via.

Quali rischi sono coinvolti nell’investimento proposto? Ad eccezione dei Titoli di Stato (o quasi!), che sono considerati privi di rischio, tutti gli investimenti comportano un certo grado di pericolo di perdita del tuo capitale. E alcuni investimenti, per loro natura, comportano rischi maggiori di altri (pensa ad esempio a quelli in strumenti finanziari derivati). Tieni presente che se il venditore avesse la conoscenza di un’opportunità di investimento sicuro e di grande profitto, non sarebbe certamente disposto a pubblicizzarlo ai quattro venti.

Puoi inviarmi una spiegazione scritta del tuo investimento in modo da poterlo considerare con calma? La maggior parte dei truffatori è riluttante a mettere qualcosa per iscritto. Sia sufficiente dare uno sguardo a quanto scrivono (poco) sul web: pochi slogan, e poco altro. D’altronde, tutto ciò che è scritto potrebbe essere materiale per la Guardia di Finanza. In aggiunta a ciò, i truffatori non vogliono perdere il loro tempo. L’unica cosa che vogliono sono i tuoi soldi, ed è per questo che qualsiasi investimento ti propongano, dovrà essere “fatto immediatamente”.

Potresti spiegare la tua proposta al mio avvocato / commercialista / consulente per gli investimenti? Se la risposta dovesse essere sulla falsariga di “normalmente sarei lieto di farlo, ma ora non c’è tempo per quello”, o se il venditore risponde con “non puoi prendere da solo le tue decisioni di investimento?”, stai certo che questi sono indizi praticamente sicuri che la tua risposta finale dovrebbe essere un enfatico “no”.

Puoi darmi i nomi dei dirigenti della tua società? Anche se alcune persone che fondano e gestiscono imprese disoneste cambiano il proprio nome tanto spesso quanto cambiano i nomi delle loro aziende, l’indizio che tu sei il tipo di investitore che controlla cose del genere può essere una chiave di lettura “pericolosa” per il truffatore.

Puoi fornirmi dei riferimenti? Non solo un altro elenco di altri investitori che presumibilmente sono diventati favolosamente ricchi grazie al truffatore, quanto raccomandazioni affidabili come quelle condivise da una banca o da una nota società di intermediazione, che si può facilmente contattare.

Hai documenti come un prospetto o una dichiarazione di divulgazione del rischio che puoi fornire? Questo potrebbe non essere disponibile in relazione a tutti i tipi di investimenti, ma in molte aree di investimento – come titoli, futures e trading di opzioni – è richiesto ed è obbligatorio.

Gli investimenti che offri sono negoziati su una borsa valori regolamentata o no? Alcuni investimenti sono in buona fede e alcuni no. Tuttavia, una cosa è solida: gli investimenti fraudolenti non lo sono mai! I mercati regolamentati hanno regole severe volte a garantire il fair dealing e la determinazione del prezzo competitivo. Esistono anche meccanismi per garantire l’applicazione delle regole e imporre severe sanzioni contro coloro che non rispettano le norme.

A quale controllo è assoggettata la tua impresa? Se il venditore snocciola un elenco che va dalla Consob all’FBI, probabilmente è bene dirgli che vorresti controllare la buona reputazione dell’azienda prima di prendere una decisione importante sugli investimenti. Verifica la sua risposta. Poche cose scoraggiano un truffatore più del pensiero che il suo primo visitatore la mattina dopo possa essere da un’agenzia di regolamentazione come la Consob.

Da quanto tempo lavora la tua azienda? In qualsiasi tipo di attività di trading, ci possono essere vantaggi nel trattare con un’azienda nota e consolidata. Questo non vuol dire che nuove imprese non possano essere particolarmente allettanti, ma la stragrande maggioranza degli ottimi operatori è sul mercato da diverso tempo.

Quali sono stati i successi conseguiti dal progetto? Prima di accettare sulla parola la garanzia di quel che l’operatore può fare per te, hai il diritto di sapere qual è stata la sua prestazione nel fare soldi per gli altri. Chiedi dunque di avere tutte le informazioni (se ne ha) per iscritto. Non perdere comunque di vista il fatto che le performance passate non garantiscono di per sé prestazioni future.

Quando e dove posso incontrarmi con un rappresentante della tua azienda? Le probabilità che un truffatore accetti di esporsi non sono alte. Dunque, se dichiara di non potere, di non avere intenzione di prendere tempo e non vuole che tu vada nella sua sede, c’è qualcosa che non va.

Dove verranno investiti i miei soldi con precisione? Indaga sulle aree di investimento, sugli asset, sulle policy di gestione, sui benchmark e così via. Più entrerai nel dettaglio, e più avrai l’opportunità di mettere in difficoltà la tua controparte.

A quanto ammontano le commissioni di gestione e simili? Indaga sui costi e su quali sono gli oneri che dovrai affrontare. Insisti su risposte specifiche, e non su risposte disinvolte e evasive.

Come posso riavere indietro i miei soldi? Scopri quanto è illiquido o meno l’investimento, quanti costi ci sono per il disinvestimento, e cerca sempre di ottenere risposte dirette e solide.

E tu che pensi? Come pensi di scoprire una potenziale truffa?

Sull'autore

Roberto Rossi

Perito Informatico ma appassionato del trading online con i CFD. Mi occupo di stesura articoli sul trading online, CFD e forex.

Lascia un Commento