Trading sui mercati finanziari
Investimenti

Trading sui mercati finanziari

Sempre più persone vogliono fare trading online sui mercati finanziari, ma cosa significa esattamente questa parola? Cosa è il trading, e cosa sono i mercati finanziari? Proprio per risolvere questo dubbio di moltissimi utenti, abbiamo deciso di scrivere questa guida, che vi permetterà di capire come fare trading sui mercati finanziari.

Che cosa è un mercato finanziario

Un mercato, o meglio una borsa, è essenzialmente un luogo dove i broker e i trader possono comprare o vendere (o tutti e due) i titoli azionari, obbligazioni e altre tipologie di mercato. Per investire in una certa azione o mercato, l’azione in questione deve essere esplicitamente elencata nella borsa in questione. Solitamente, esiste una location centralizzata per permettere la registrazione di tutte le contrattazioni, ma è indubbio che ormai la borsa è in un momento di grande trasformazione, in quanto i mercati moderni utilizzano dei sistemi di comunicazione elettronici, che danno un vantaggio abbastanza importante in termini di velocità e costi di transazione ridotti. Per fare trading online in una borsa valori, è necessario essere broker, membro della borsa, quindi è ovvio che non è possibile presentarsi, ad esempio, alla Borsa di Milano, e iniziare a “fare trading” per conto proprio. Proprio per questo, i broker retail stanno spopolando, in quanto offrono un servizio impeccabile, a costi contenuti.

La Borsa è senza ombra di dubbio il più importante mercato finanziario, il mercato azionario è il mercato in cui vengono emessi e negoziati sulla borsa valori o over-the-counter, le azioni di società quotate in borsa. Conosciuto anche come “il mercato”, il mercato azionario è una delle componenti più vitali di un’economia di libero mercato, in quanto offre alle aziende l’accesso al capitale in cambio di dare agli investitori una fetta di proprietà della società. Il mercato azionario permette di crescere con piccole somme iniziali di denaro, ma anche con fette più grandi di fondi, e permettono di diventare ricchi senza correre il rischio di avvio di un’impresa o di fare i sacrifici che spesso portano ad avere una carriera altamente remunerativa. Essenzialmente, per iniziare a fare trading in borsa, o negli altri mercati finanziari, è sufficiente un computer e una connessione internet.

Il mercato azionario, consente agli investitori di partecipare agli obiettivi finanziari delle società, investendo in esse. Quando le aziende sono redditizie, gli investitori del mercato azionario fanno soldi attraverso i dividendi che le aziende pagano regolarmente, e con la vendita delle azioni che si sono apprezzate, facendo un profitto chiamato “plusvalenza”. Il lato negativo è che gli investitori possono rischiare di perdere denaro nel caso le aziende che stanno dietro alle azioni acquistate dovessero andare male economicamente, portando dunque i prezzi delle azioni al ribasso, costringendo l’investitore a chiudere la posizione in perdita.

Tuttavia, grazie all’avvento dei CFD (Contratti per Differenza) è possibile sia investire al ribasso, che al rialzo qualsiasi mercato (azionario, valute, materie prime e molto altro ancora). Questo significa che è possibile guadagnare sempre, sia se il mercato in questione dovesse andare al rialzo, oppure al ribasso.

Il mercato azionario può essere suddiviso in due sezioni principali: il mercato primario e il mercato secondario. Il mercato primario è dove le azioni, vengono prima vendute attraverso offerte pubbliche iniziali (IPO). Gli investitori istituzionali tipicamente acquistano la maggior parte di queste azioni da parte delle banche di investimento. Tutte le successive parti del trading continuano poi sul mercato secondario in cui i partecipanti sono sia investitori istituzionali, che individuali.

Mercati Finanziari

Il mercato finanziario delle azioni, ovvero la borsa, è senza dubbio quello più famoso. Ma quali sono gli altri mercati finanziari? È presto detto, continuate a leggerci, e vi spiegheremo quali sono gli altri mercati finanziari.

Mercato finanziario è un termine molto generalista, che viene utilizzato per descrivere un mercato dove gli acquirenti e i venditori si incontrano, per partecipare nello scambio (trading) di svariati mercati finanziari, come l’azionario, obbligazionario, valute, materie prime e derivati vari. I mercati finanziari hanno un sistema di prezzi trasparente, regolato e costi e commissioni che sono determinate in base alla tipologia di mercato offerta. Alcuni mercati finanziari, richiedono ai propri partecipanti di rispettare determinati criteri, come ad esempio il quantitativo di denaro posseduto, posizione geografica, conoscenza dei mercato e professione. Per quanto riguarda invece i broker CFD, il miglior modo, più economico, per fare trading online sui mercati finanziari, è necessario soltanto essere maggiorenni per iniziare ad investire.

I mercati finanziari possono essere trovati in quasi ogni nazione del mondo. Alcuni sono molto piccoli, con pochi partecipanti, mentre altri – come il New York Stock Exchange (NYSE) e i mercati forex – con migliaia di miliardi di dollari che vengono scambiati quotidianamente.

La maggior parte dei mercati finanziari hanno periodi di trading e di domanda dei titoli molto sopra la norma; in questi periodi, i prezzi possono salire sopra i massimi. Può però anche accadere il contrario, le flessioni possono causare una caduta nei prezzi oltre i livelli di valore intrinseco, a causa dei bassi livelli di domanda o di altre forze macroeconomiche in gioco, come le aliquote fiscali, la produzione nazionale o i livelli di occupazione.

La trasparenza delle informazioni è importante per aumentare la fiducia dei partecipanti e dunque promuovere un mercato finanziario molto efficiente.

Principali Mercati Finanziari

I mercati finanziari sono moltissimi, ma quando ci si appresta a fare trading sui mercati finanziari attraverso un broker che offre i contratti per differenza, i mercati finanziari che possiamo trovare sono essenzialmente quattro:

– Azionario
– Forex
– Indici
– Materie Prime

Azionario: il mercato azionario è il mercato delle azioni, che rappresentano una parte di una azienda. Un’azione, è un titolo che rappresenta una quota di una proprietà di una società per azioni. Il possessore che possiede quelle azioni è chiamato anche come azionista, mentre l’insieme delle azioni è anche chiamato “Capitale azionario”. Attraverso il mercato azionario, è possibile scambiare le azioni con grande facilità. Acquistando un titolo azionario, si diventa quindi proprietari, di una porzione della società (questo non avviene per i contratti di azioni CFD, che sono utilizzati soltanto per speculare e guadagnare sul cambio di prezzo).

Forex: il Forex è essenzialmente il mercato delle valute. Il mercato dei cambi (Forex, FX, o mercato valutario) è un mercato decentralizzato globale per la negoziazione di valute. Questo include tutti gli aspetti di acquisto, la vendita e lo scambio di valute a prezzi correnti o già stabiliti. In termini di volume di trading, è di gran lunga il più grande mercato del mondo. I principali partecipanti a questo mercato sono le banche internazionali più grandi, come Goldman Sachs. I centri finanziari in tutto il mondo funzionano essenzialmente come “ancore” di trading, all’interno di una vasta gamma di diversi tipi di acquirenti e venditori da tutto il mondo, il mercato forex è aperto sempre, con l’eccezione del fine settimana. Il mercato delle valute non determina i valori relativi delle diverse valute, ma fissa il prezzo di mercato attuale del valore di una valuta richiesto nei confronti di un’altra.

Indici: il mercato degli indici è essenzialmente molto simile a quello delle azioni, solo che investendo in un indice, si investe in in paniere diversificato di titoli azionari. Risulta quindi un modo molto economico e sicuro per investire in numerosi titoli azionari, senza dover comprare i titoli uno per uno. Uno degli indici italiani più famosi, è il FTSE MIB.

Materie Prime: le materie prime, sono uno dei mercati più antichi di sempre, considerando che prima, negli Stati Uniti, il sistema monetario era basato su una materia prima, l’Oro; la base monetaria era data da una quantità fissata d’Oro. Per non parlare del fatto che materie prime come l’Oro e il Petrolio sono presenti in quantità finita nel mondo, e quindi riceveranno sempre un interesse da parte degli investitori, interesse che aumenta durante i periodi ribassisti degli altri mercati. Fare trading online con le materie prime, è molto semplice, in quanto attraverso i CFD, è possibile scambiare le materie prime in maniera speculare rispetto agli altri mercati azionari, forex e indici.

Come fare trading sui mercati finanziari

Per fare trading sui mercati finanziari, è quindi necessario prima di tutto scoprire che tipo di trader siamo. Le tipologie di trading sono infatti moltissime, eccone alcune:

Day Trading: Si tratta di un tipo di compravendita di azioni, forex e molto altro ancora, in cui sia l’acquisto e la vendita di uno strumento finanziario viene effettuata nello stesso giorno e tutte le compravendite sono chiuse prima della chiusura del mercato, durante la giornata. I commercianti che partecipano al day trading, sono chiamati “Day Trader”. La negoziazione con il Day Trading, richiede delle decisioni veloci e una grande rapidità d’azione. Questo tipo di compravendita di azioni non è consigliabile per un principiante.

Trading a breve termine: un periodo di trading che dura più di un giorno, o un paio di settimane è considerato come trading a breve termine. Si considera “short term”, quando un titolo azionario, o una coppia forex, che è acquistato e tenuto aperto da un giorno a un paio di settimane. Una posizione di short, viene invece creata con l’apertura di una posizione di vendita.

Trading a medio termine: per trading a medio termine, si intende un tipo di trading che prevede che le posizioni rimangano aperte per un periodo che va da alcune settimane, fino ad alcuni mesi. Lo swing trading è molto utilizzato con questa tipologia di trading.

Trading a lungo termine: attraverso questa tipologia di trading, la posizione viene mantenuta aperta per diversi mesi, o anni. Le decisioni di trading vengono fatte essenzialmente in base all’analisi fondamentale e tecnica. I profitti arrivano in base alla crescita a lungo termine, bonus e dividendi (in caso di titoli azionari).

Sicuramente, uno dei migliori esempi di trading a lungo termine, sta nel Value Investing.

Si tratta di un metodo di compravendita di azioni, dove nel investimento viene effettuato in società sottovalutate, che hanno un alto valore intrinseco.

Il Value Investing, è essenzialmente una strategia di lungo periodo, un metodo di investimento “buy and hold”, sulla base dell’analisi fondamentale.

L’idea di investire in titoli di valore per lungo tempo, è stata fondata da Benjamin Graham e David Dodd. Entrambi erano i professori della Columbia Business School. Molti investitori famosi come Warren Buffett, sono loro studenti. Benjamin Graham ha introdotto il concetto importante di “margine di sicurezza”.

Graham raccomanda l’investimento difensivo, che prevede l’investimento in azioni, la negoziazione al di sotto del loro valore contabile tangibile, come una salvaguardia per i futuri sviluppi negativi che spesso si incontrano nel mercato azionario. Lo sconto del prezzo di mercato per il valore intrinseco è ciò che Benjamin Graham ha chiamato il “margine di sicurezza”. Il valore intrinseco è il valore scontato di tutte le distribuzioni future.

Senza dubbio, capire prima che tipologia di trading fare, vi aiuterà a decidere come investire al meglio, in quanto prima di iniziare ad investire in borsa, dovrete conoscere voi stessi.

Perché fare trading sui mercati finanziari

Perché-Fare-Trading

Sono ormai in centinaia di migliaia gli Italiani che ogni giorno fanno trading sui mercati finanziari. Lo scenario degli investimenti, sta cambiando profondamente in Italia: ormai investire i propri soldi in banca è sempre meno redditizio, stesso discorso per i buoni fruttiferi postali, che ormai rendono a malapena quanto l’inflazione. È diventata quindi una necessità, per l’investitore, di investire attraverso veicoli d’investimento redditizi, che permettono di sfruttare al massimo la leva finanziaria. Fare trading sui mercati finanziari, significa quindi entrare nei principali centri borsistici mondiali, dalla propria poltrona di casa. Per fare trading sui mercati finanziari, è sufficiente avere uno smartphone e una connessione internet, non bisogna essere dei maghi di finanza, ma semplicemente essere disposti ad iniziare a capire le basi di analisi tecnica e macroeconomica.

Fare trading sui mercati finanziari, può risultare estremamente redditizio, con guadagni percentuali spesso superiori al 100% del proprio investimento iniziale, nel migliore dei casi. Tuttavia, molti trader online si accontentano di un 30-50% annuale, raggiunto attraverso un rischio abbastanza basso. Il trading sui mercati finanziari professionale, è ormai diventato il lavoro di moltissimi trader, che un tempo avevano iniziato per pura curiosità, e adesso sono diventati dei trader a tutti gli effetti, e che sono in grado di portare a casa interessanti cifre ogni mese, trasformando un hobby, in un mestiere estremamente redditizio.

dicembre 19, 2016

About Author

LauradiBorromeo Giornalista pubblicista, appassionata di investimenti e mercati finanziari


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su Di Noi
e-conomy ti spiega l'economia come nessuno l'aveva fatto prima d'ora. Senza paroloni e senza timori reverenziali. Ti diciamo chiaro e tondo che cosa stanno facendo con i tuoi soldi. E quando possibile, ti diciamo anche come metterli in salvo. Senza promesse da marinaio e soprattutto senza costi. Informazione pulita, trasparente, senza conflitti di interessi, gratuita.