Volkswagen è il leader dell’auto: superata Toyota
Main Street

Volkswagen è il leader dell’auto: superata Toyota

Un anno di scandali, e non sentirli. È questa, in estrema sintesi, la conclusione di un anno vissuto molto intensamente per Volkswagen, con la casa di Wolfsburg che è stata investita dalle difficoltà del “dieselgate” ma che, nonostante tutto, è riuscita a chiudere l’anno conquistando sul campo lo scettro di prima casa automobilistica al mondo per vendite, dopo cinque anni di inseguimento a Toyota. La compagnia giapponese ha infatti dovuto cedere il testimone alla rivale europea, con buona pace per il colosso di Nagoya che, comunque, può accontentarsi di un non disdegnabile secondo posto.

I dati di vendita

Per capire che cosa sia successo nel 2016, possiamo partire con i dati di sintesi finale: il gruppo tedesco (conteggiando i volumi di tutti i 12 marchi internazionali che detiene, come Audi, Porsche, Seat, Skoda e Bentley) ha infatti ottenuto vendite per 10,312 milioni di auto, in aumento del 3,8%, contro la quota di 10,175 milioni di auto vendute a livello globale dai giapponesi (all’interno del cui portafoglio sono presenti anche i marchi Daihatsu e Hino), in aumento dello 0,2%. Una differenza di circa 140 mila auto che ha permesso a Volkswagen di divenire il primo venditore al mondo di auto, malgrado le conseguenze del dieselgate.

Le reazioni

Differenti, come intuibile, sono state le reazioni nelle due case automobilistiche. Dopo l’annuncio dei dati ufficiali di vendita, infatti, il titolo Toyota ha comunque chiuso poco variato al termine delle contrattazioni a Tokyo. Era nell’aria già da tempo il fatto che per la prima volta in 5 anni la casa auto nipponica avrebbe dovuto cedere il primato, e pertanto i riscontri dei mercati finanziari – che avevano inglobato tale variazioni del ruolo di leadership – sono stati piuttosto limitati.

Più interessante è invece cercare di comprendere per quali motivazioni Toyota abbia ceduto il passo al rivale tedesco: la lettura dei dati geografici di vendita dimostra infatti che la cessione del ruolo di testa della classifica dei principali produttori mondiali di auto è dovuta al rallentamento delle vendite negli Stati Uniti, mentre – di contro – Volkswagen è riuscita ad accelerare il proprio ritmo di espansione in Cina. In tal senso, non è certo casuale l’incontro programmato nei prossimi giorni tra il presidente Akyo Toyoda e il premier giapponese Shinzo Abe, poco prima che quest’ultimo parta per Washington, il 10 febbraio, per il primo meeting con il nuovo presidente statunitense Donald Trump. Qualche settimana fa Donald Trump aveva esplicitamente annunciato l’applicazione di dazi doganali di grande impatto se Toyota avesse proseguito nei propri intenti di produrre i modelli Corolla per il mercato statunitense mediante impianti messicani, e negli scorsi giorni ha nuovamente accusato le case auto giapponesi di svolgere pratiche commerciali svantaggiose per il mercato auto statunitense. Non certo un buon inizio di amministrazione nell’ottica di Toyota, che ottiene circa il 30% delle proprie vendite globali dal mercato del Nord America.

E il dieselgate?

Infine, viene da domandarsi per quale motivo Volkswagen abbia potuto ottenere la leadership mondiale proprio nel periodo che – apparentemente – avrebbe dovuto rappresentare la sfida più grande. In altri termini, un anno dopo il dieselgate e un anno prima di quanto avesse pianificato il suo CEO, Martin Winterkorn, il gruppo di Wolfsburg è riuscito a dimostrare che in Europa e in Asia l’effetto che la vicenda dei software truccati ha avuto, è stato quasi irrisorio. Ben diverso è stato invece l’impatto negli Stati Uniti, dove tuttavia la posizione di Volkswagen è più “marginale”.

In aggiunta a ciò, si tenga anche conto che Volkswagen trae i propri dati di vendita non solamente dal marchio principale, bensì dal portafoglio di altri 11 marchi che la capogruppo è riuscita a tenere lontani dallo scandalo che ha invece colpito la casa madre.

E il futuro? Volkswagen ha già annunciato di voler consolidare il proprio primato investendo sulle auto del futuro: un’operazione tanto più semplice quanto maggiori saranno le vendite, e quanto maggiore sarà la capacità di fare cassa e superare le difficoltà legate ai super costi derivanti dai nuovi prodotti e dalle multe…

aprile 7, 2017

About Author

roberto


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su Di Noi
e-conomy ti spiega l'economia come nessuno l'aveva fatto prima d'ora. Senza paroloni e senza timori reverenziali. Ti diciamo chiaro e tondo che cosa stanno facendo con i tuoi soldi. E quando possibile, ti diciamo anche come metterli in salvo. Senza promesse da marinaio e soprattutto senza costi. Informazione pulita, trasparente, senza conflitti di interessi, gratuita.