Investimenti

Commodities Trading: Guida completa e aggiornata 2022

Pubblicato: 18 Marzo 2022 di Francesco

Il commodities trading è una delle attività più note nel settore degli investimenti in Borsa. Si basa essenzialmente su negoziazioni (quindi scambi) sul comparto delle materie prime, che comprendono a loro volta tantissimi strumenti storici, come ad esempio il petrolio, di cui avrai sicuramente sentito parlare.

Contrariamente dal passato, quando per investire su materie prime era necessario possedere fisicamente le stesse, andando alla ricerca di soluzioni per conservarle, ad oggi risulta tutto molto più agevole. I migliori broker di CFD, permettono di fare trading su commodities senza possederle fisicamente.

Avremo modo di scoprire in che modo nel corso dei prossimi paragrafi, non prima di aver visionato una tabella di riepilogo su commodities trading.

👍 Commodities trading Scopri la nostra guida
👌 Ci sono rischi? Sì, devono sempre essere considerati
🏷️ Cos’è? Negoziazioni su materie prime
💻 Come si fa? Sulle migliori piattaforme
🥇Miglior broker commodities: eToro e XTB
😢 Esistono truffe Si, molte. Segui solo i siti affidabili

Prima di iniziare, ricordiamo inoltre come attualmente tantissimi broker, come ad esempio eToro, permettano di investire con CFD su tantissime materie prime.

Ecco altre piattaforme di trading per commodities autorizzate.

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Corso Gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capex
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Formazione gratuita
  • Consulente personale
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: markets
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Trend dei Traders
  • Sicura e affidabile
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    72,30% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Commodities Trading: Cos’è?

    Prima di soffermarci nel dettaglio sui sistemi attualmente disponibili per investire su materie prime, cerchiamo di approfondire il significato di commodities trading. Il tutto si compone di due termini:

    • Commodities, che è il plurale di commodity, ossia di materie prime. Una materia prima è un bene esistente in natura, che può essere trasportato con facilità, non deperibile e che ha sempre un prezzo standard (o variabile di poco) indipendentemente da chi lo produca.
    • Trading, che è invece l’attività di negoziazione sui mercati, basata essenzialmente sull’acquisto e sulla vendita (utilizzando in questo caso strumenti derivati), per speculare sulle variazioni dei prezzi di un dato asset finanziario.

    Alcuni esempi di commodities, che mostrano quindi le caratteristiche evidenziate in precedenza, sono il petrolio, il caffè, il grano, il gas naturale e così via. Prendendo in considerazione il petrolio (in questo caso quello WTI), si evince come lo stesso sia:

    1. trasportabile;
    2. non deperibile (quindi può essenzialmente essere conservato);
    3. con un prezzo standard al barile indipendentemente dalla società petrolifera che lo estraete dal sottosuolo. Le materie prime dispongono in altri termini della caratteristica delle fungibilità.

    Ogni materia prima risulta quotata e dispone di un proprio andamento (al rialzo ed al ribasso). Lo scopo di chi fa commodities trading è quindi quello di speculare sulle variazioni dei prezzi delle marinerie prime, cercando di ottenere profitto.

    Come fare commodities trading

    Come ricordato in precedenza, parlare di commodities trading non significa comprare una determinata quantità di materia prima, ipotizzando successivamente di poterla vendere ad un prezzo superiore.

    Ad oggi, l’attività risulta molto più semplificata grazie alla presenza di piattaforme di trading, più nello specifico basate su contratti per differenza. I contratti per differenza sono strumenti derivati, che vanno essenzialmente a creare repliche fedeli dell’andamento di un asset sottostante (di qualsiasi materia prima).

    In questo modo, il trader investitore non va mai ad acquistare il possesso fisico della commodity (non acquista essenzialmente barili di petrolio, o lingotti d’oro), puntando solamente sul rialzo o sul ribasso dei prezzi. Tutto ciò potendo aprire due posizioni specifiche:

    • posizione al rialzo, quindi definita di tipo long, andando ad ipotizzare aumenti sul valore della materia prima di interesse;
    • posizione al ribasso, quindi definita di short selling, andando ad ipotizzare diminuzioni sul valore della materia prima di interesse.

    Un sistema che risulta quindi agevole sotto l’aspetto operativo, ma che permette soprattutto di poter speculare anche sulle discese di prezzo. Il commodities trading può ovviamente essere associato a decine di materie prime, alcune delle quali avremo modo di richiamare a breve.

    Dove fare commodities trading

    Arrivati a questo punto, è possibile chiedersi quali piattaforme di trading CFD permettano di fare commodities trading. È bene tenere a mente, come data la presenza di centinaia di operatori online, la scelta della giusta piattaforma vada affrontata con le dovute attenzioni.

    In primo luogo, ricorda di fare affidamento su un broker che integri al suo interno il comparto delle materie prime. Lo stesso comparto deve inoltre disporre di più commodities, così da poter maggiormente diversificare il proprio portafoglio. Seguono a ruota una serie di verifiche quali:

    • la presenza di reali licenze, che vengono in questo caso erogate da Authority dal calibro di CySEC (o similari);
    • facilità nella gestione delle operazioni;
    • lingua italiana disponibile;
    • possibilità di iniziare comodamente con un account demo a costo zero;
    • altri servizi integrativi e di supporto per gli utenti registrati sul broker;
    • presenza dei contratti per differenza (ossia CFD).

    Considerando ciò, ecco subito due broker professionali, autorizzati e semplici da gestire, che permettono entrambi di fare commodities trading in modo del tutto autonomo, potendo iniziare anche da un conto demo gratuito.

    eToro per fare trading commodities

    Il broker eToro è ormai da diversi anni un dei principali leader nel settore del commodities trading, mettendo a disposizione una sezione con decine di materie prime negoziabili, quotate su reali mercati mondiali regolamentati.

    Come esposto in precedenza, i migliori broker permettono di utilizzare negoziazioni con contratti per differenza. Ciò significa che dopo aver effettuato un rapido accesso sulla piattaforma, puoi selezionare la materia prima di tuo interesse ed agire sia al rialzo che al ribasso (con vendita allo scoperto).

    La sezione commodities risulta sempre costantemente aggiornata e ti permette di visionare sempre pratici grafici in tempo reale su ogni singolo asset supportato. Ecco come si mostra il CFD sull’oro all’interno della piattaforma regolamentata eToro.

    Commodities trading eToro

    Scopri qui eToro ed il comparto commodities

    Oltre alla possibilità di poter aprire posizioni in modo autonomo, il broker propone anche un sistema rivoluzionario, brevettato dalla stessa società, che prende il nome di Copy Trading e sfrutta la presenza di reali top trader all’interno della comunità. Ecco alcuni passaggi:

    1. I trader registrati possono selezionare uno o più Popular Investor iscritti all’apposito programma;
    2. A questo punto, dopo averli selezionati, si associano al sistema Copy Trading dando avvio.
    3. Così facendo, si otterranno le stesse transazioni aperte dai Popular Investor, in modo istantaneo e speculare.

    Clicca qui per scoprire eToro ed il Copy Trading

    XTB per fare trading commodities

    Un secondo broker professionale, che ha avuto la capacità di ritagliarsi una quota di mercato importante nel settore, è XTB (qui la pagina ufficiale). Per chi non lo conoscesse, rappresenta un operatore pienamente regolamentato (anche con licenze europee).

    Anche in questo caso troviamo una sezione commodities molto aggiornata, contenente decine di materie prime, come ad esempio oro, petrolio, gas naturale e così via. Essendo il broker specializzato in contratti per differenza, permette di operare con CFD sia al rialzo (opzione di acquisto) sia al ribasso (posizione di vendita).

    Puoi sempre visionare un pratico grafico in tempo reale, che ti permette di constatare il valore degli asset attimo dopo attimo. A seguire, ecco come si mostra il CFD sulla materia prima “oro” all’interno del broker regolamentato XTB.

    Commodities trading XTB

    Scopri qui XTB ed il comparto commodities

    Fare commodities trading con XTB non richiede alcun costo fisso sulla gestione. Si ricordano solamente bassissimi spread sugli scambi, fra i più bassi nel settore. Completano il tutto la presenza di altri servizi e funzionalità, come ad esempio:

    • possibilità di iniziare con un conto demo gratuito e dalla durata di 30 giorni;
    • possibilità di fare trading commodities anche tramite applicazione per smartphone;
    • assistenza professionale;
    • integrazione della MetaTrader (da poter scaricare su tutti i sistemi operativi);
    • sezione formativa, con guide ed articoli specifici sul settore delle materie prime.

    Clicca qui per scoprire il broker XTB

    Spread trading commodities

    Prima di continuare, è bene aprire una piccola parentesi su una delle strategie più note nel settore delle materie prime, chiamata spread trading commodities. Il termine “spread” significa scarto/scostamento e non è in questo caso inteso come differenziale di commissione.

    Lo spread trading commodities si basa infatti sull’apertura di più posizioni, su materie prime molto simili fra di loro (appartenenti ad esempio alla stessa natura). Un tipico esempio, riguarda le due tipologie di petrolio quotate in Borsa, ossia il petrolio Brent ed il petrolio WTI.

    Le due materie prime, pur facendo riferimento alla stessa commodity, dispongono sempre di un prezzo (seppur di poco) differente. Altri esempi di spread trading, possono poi riguardare altri comparti, come ad esempio quello dei cambi in valuta (ossia del forex).

    Ciò che il trader cerca di fare, è quindi sfruttare in modo specifico il differenziale dei prezzi, ossia dei valori mostrati dalle due posizioni aperte sugli asset simili. Strategia che richiede tuttavia conoscenze e competenze specifiche nel saper analizzare gli andamenti sul mercato di due asset contemporaneamente.

    Quando fare commodities trading

    Arrivati a questo punto, è possibile chiedersi quando fare commodities trading. Al pari di tutti gli altri strumenti finanziari, anche le materie prime seguono andamenti al rialzo ed al ribasso. Con il trading CFD, abbiamo ricordato in merito alla possibilità di poter agire sia su aumenti che su diminuzioni di prezzo.

    Il quando risulta quindi abbastanza relativo e dipende dagli studi effettuati sul mercato, nonché dai fattori di influenza che potrebbero far propendere l’asset verso aumenti, o verso diminuzioni di prezzi. Sulla base delle diverse tipologie di materie prime, si può ad esempio ricordare che:

    • le commodities agricole, sono molto spesso associate ad andamenti temporali ciclici, ossia ai periodi di raccolta, di semina e così via;
    • le commodities energetiche, sono molto spesso associate ai periodi di nuove esplorazioni, che permettono di scoprire giacimenti ed avviare nuove estrazioni.

    Al di là di questi aspetti prettamente legati alla materia prima, gli esperti ed analisti considerano sempre tantissimi altri fattori esterni, fra i quali i rapporti fra gli scambi dei grandi Paesi produttori, le tensioni politiche ed economiche (si pensi alla guerra in Ucraina) e molto altro, combinando analisi fondamentale ed analisi tecnica.

    Commodities trading: Materie prime più conosciute

    Procediamo quindi con la presentazione di alcune delle materie prime più conosciute nel comparto commodities. Prima di iniziare, precisiamo come lo stesso comparto mostri la presenza di più sezioni. In altri termini, le materie prime possono suddividersi in:

    • Commodities energetiche, integranti materie prime rilevanti per il sostentamento energetico (come ad esempio il petrolio, o il gas naturale);
    • Commodities agricole, integranti materie prime commestibili, ossia rilevanti per il sostentamento nutrizionale della popolazione (come ad esempio il grano, il caffè e così via);
    • Le Commodities metal, integranti in questo caso materie prime basate su leghe, come ad esempio l’oro, il rame e così via.

    Segue subito un elenco con le 6 materie prime più conosciute (due per ogni categoria citata in precedenza), analizzate nel dettaglio nel corso dei paragrafi successivi.

    Trading commodity petrolio

    La prima materia prima che possiamo brevemente esporre all’interno del nostro approfondimento su commodities trading è il petrolio. Lo stesso è presente nelle sue due quotazioni più importanti, ossia da una parte il petrolio Brent e dall’altra il petrolio WTI.

    Entrambe le varianti sono disponibili all’interno dei migliori broker online, che permettono quindi di fare trading sul greggio senza possedere alcun barile di petrolio in modo fisico, utilizzando i contratti per differenza. Il petrolio è una delle materie prime più analizzate al mondo.

    Può ad esempio ricordarsi il pesante crollo dei prezzi, anche al di sotto i 60 dollari al barile durante i periodi del Covid 19, fino ad arrivare alle impennate di prezzo (anche al di sopra i 100 dollari) durante gli scontri fra Russia ed Ucraina.

    Approfondisci sul Trading petrolio.

    Trading commodity gas naturale

    Così come per il petrolio, anche il gas naturale ha subito pesanti aumenti in concomitanza con gli scontri avvenuti in Ucraina. Fin dalle prime giornate di bombardamento da parte della Russia, i valori del gas naturale avevano iniziato a crescere in modo esponenziale.

    Il gas rappresenta quindi una seconda commodity molto analizzata nel settore ed appartenente alla categoria delle commodities energetiche. Una materia prima che viene estratta molte volte assieme al petrolio e che quindi risente molto dell’influenza estrattiva e di ricerca di giacimenti.

    Anche in questo caso, sempre tramite l’uso dei contratti per differenza, hai la possibilità puntare sia al rialzo che al ribasso (tramite vendita allo scoperto). Il gas naturale risulta presente su entrambi i broker esposti in precedenza.

    Trading commodity oro

    Passando alla seconda categoria, vediamo una prima materia prima metal, ossia l’oro. Nel corso degli anni è stata spesso considerata una materia prima di riserva, o meglio un bene rifugio per eccellenza.

    Per chi non lo conoscesse, un bene rifugio è un bene che mantiene potenzialmente stabile il proprio valore, senza farsi troppo influenzare dall’andamento di altri mercati esteri. Rappresenta una delle materie prime metal più analizzate, anche da banche prestigiose, dal calibro di Goldman Sachs.

    Soffermandoci sul concetto di commodities trading, l’oro è una delle materie prime più listate all’interno di piattaforme professionali ed autorizzate, che permettono di negoziare in autonomia (sempre con CFD), al rialzo o al ribasso.

    Leggi trading su oro.

    Trading commodity argento

    Le proprietà e le caratteristiche strutturali dell’argento fanno di questa materia prima una delle più importanti al mondo.

    Nel corso del 2021 migliaia di tonnellate di argento hanno avuto modo di essere prodotte e la commodity risulta importante in molti settori, come ad esempio in quello della componentistica per dispositivi. L’asset risulta presente solamente sui migliori broker CFD.

    Leggi: trading argento.

    Trading commodity caffè

    Passando alla terza categoria proposta in precedenza, ossia attinente il commodities trading su materie prime agricole, troviamo il caffè.

    Una materia prima fondamentale per la produzione dell’omonima bevanda e che viene prodotta nello specifico in alcuni territori. La produzione limitata (non è possibile produrre caffè in tutto il mondo), fa di questo bene uno dei più ricercati, anche in riferimento alla sua scarsità.

    Le due tipologie di caffè più note sono la Robusta e l’Arabica. Anche il caffè mostra una propria quotazione e può essere negoziato (al pari di tutti gli altri asset esposti in precedenza) all’interno delle migliori piattaforme di trading online.

    Trading commodity grano

    In ultimo, chiudiamo con il grano, ossia una delle tante materie prime agricole, abbondantemente sotto i riflettori nel corso degli ultimi tempi. Tutto ciò soprattutto in riferimento alle tensioni politiche ed economiche in Ucraina.

    La stessa Ucraina, rappresenta infatti una delle terre leader nell’esportazione di grano. Squilibri a livello di produzione e di approvvigionamento, hanno portato numerose instabilità sul valore della materia prima. La stessa risulta da anni una delle più importanti per il sostentamento della popolazione.

    Puoi individuare la commodity grano all’interno dei migliori broker online, i quali permettono di aprire posizioni long (quindi di acquisto sul CFD del grano), o posizioni short (quindi di vendita sul CFD del grano) sulla base delle proprie analisi e strategie.

    Leggi anche: trading Nickel.

    Commodities trading libri

    Prima di procedere con le dovute conclusioni, ricordiamo come uno dei sistemi formativi più utilizzati da trader per reperire informazioni sul mondo delle materie prime, riguardi l’utilizzo dei libri di commodities trading.

    A tal riguardo, al di là dei testi che possono essere acquistati online, ad esempio su Amazon, e scritti da reali professionisti del settore, è bene focalizzare l’attenzione anche sulle risorse gratuite proposte dai migliori broker online.

    Un utente alle prime armi, si trova molto spesso a voler iniziare senza troppe pretese e senza dover spendere capitali per la sua formazione (che in ogni caso risulta sempre rilevante). I migliori broker online, proprio come eToro e XTB, metto a tal riguardo a disposizione una serie di servizi degni di nota.

    Puoi ad esempio accedere ad articoli che espongono in modo rapido ed intuitivo il significato di commodities trading, così come vere e proprie guide, basate non soltanto su informazioni teoriche, bensì anche su informazioni pratiche.

    Commodities trading

    Commodities trading: conclusioni

    Alla luce di quanto esposto, il commodities trading ha rappresentato un’attività di negoziazione specifica su materie prime. Una soluzione che permette ai trader di poter maggiormente diversificare il proprio portafoglio, al di là dei tipici asset finanziari.

    Paragrafi iniziali, ci hanno permesso di conoscere il significato del termine trading commodities, lasciando successivamente posto ai principali sistemi attualmente presenti sul mercato per poter investire su materie prime.

    Alcuni esempi di commodities noti sono stati l’oro, il petrolio, il gas naturale e così via. Tutti asset che hai la possibilità di individuare all’interno di broker professionali e regolamentati, i quali permettono anche di iniziare con pratici account demo senza nessun costo iniziale e senza obbligo di deposito.

    Piattaforma: etoro
    Deposito Minimo: 50€
    Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Corso Gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    FAQ

    Cos’è il commodities trading?

    Il commodities trading è un’attività basata sulla negoziazione (scambio tramite strumenti derivati) di materie prime, che in inglese vengono chiamate proprio commodities.

    Come funziona il commodities trading?

    Tramite l’uso dei contratti per differenza con il commodities trading si ha la possibilità di aprire posizioni di acquisto (ossia al rialzo) e posizioni di vendita allo scoperto (ossia al ribasso).

    Quali sono le commodities più importanti?

    Come ricordato all’interno del nostro articolo, fra le commodities più note citiamo il petrolio, il gas naturale, l’oro, il caffè, il palladio, il rame, il grano e molto altro ancora.

    Come e dove fare commodities trading?

    Nel nostro approfondimento trovi una guida chiara e dettagliata con alcuni dei migliori broker online che permettono di fare commodities trading in modo autonomo e professionale, anche iniziando con account demo.

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Sull'autore

    Francesco