Investimenti

Comprare Azioni Vivendi [2020] Migliori Piattaforme, Previsioni, Quotazioni

Comprare azioni Vivendi conviene? Vivendi SA è una società che opera nel settore delle comunicazioni e dei media e che durante gli ultimi mesi è balzata agli onori della cronaca per il caso Mediaset. Vediamo più nel dettaglio tutte le informazioni su questa società nata in Francia e che gestisce colossi del calibro di Universal Music Grup, Editis, Canal + e Havas.

Vivendi è inoltre azionista di Tim (Telecom Italia) di cui possiede oltre il 23,68% delle azioni del gruppo Mediaset, di cui detiene circa il 28,8% delle azioni.

Gli investitori si interessano nelle azioni di Vivendi in quanto questo colosso è diventato, anno dopo anno, un player sempre più importante nel panorama mondiale della musica e della televisione.

Nonostante il predominio di Vivendi, è comunque necessario fare attenzione quando si investe, in quanto è necessario scegliere piattaforme che siano autorizzate e regolamentate con le quali operare in sicurezza e tranquillità.

A proposito di eToro: questo broker di trading online è molto celebre grazie alla sua tecnologia denominata “copy-trading”.
Si tratta di uno strumento eccellente per iniziare ad investire sui mercati anche per chi non ha le dovute conoscenze del settore.

Le migliori piattaforme per comprare azioni Vivendi

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: ubrokers
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Formazione Gratuita
  • Zero Commissioni
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Storia di Vivendi

    Promuovere la creazione in tutta la sua diversità e la ricerca continua del talento sono al centro della strategia di Vivendi. Tutte le loro attività contribuiscono a questo obiettivo, in particolare musica (Universal Music Group), televisione e cinema (Canal + Group), editoria (Editis) e videogiochi (Gameloft). Le sue piattaforme di distribuzione (Dailymotion e myCanal), gli accordi siglati con numerosi operatori di telecomunicazioni e aggregatori di contenuti assicurano un’ampia distribuzione di contenuti.

    Il Gruppo Havas possiede un’esperienza creativa unica per fare una differenza significativa per marchi, aziende e persone. Inoltre, attraverso Vivendi Village, Vivendi sviluppa attività complementari in spettacoli dal vivo, biglietteria e sviluppi in franchising.

    Le diverse attività di Vivendi e i loro 44.000 dipendenti lavorano insieme come un gruppo integrato per generare maggior valore.

    Le origini di Vivendi

    Vivendi Storia

    Vivendi Storia

    Vivendi nasce dalla Compagnie Générale des Eaux (CGE), società fondata a metà del XIX secolo. Creato per decreto imperiale il 14 dicembre 1853, CGE originariamente forniva acqua a Lione, Nantes e Parigi, poi successivamente a Venezia (1880), Costantinopoli (1882) e Porto (1883).

    L’azienda si è poi diversificata in numerose attività quali gestione dei rifiuti, servizi ambientali, energia, trasporti, edilizia, proprietà e comunicazioni. In particolare, nel 1983, in collaborazione con Havas, ha istituito Canal + che è stato lanciato un anno dopo. Poi vennero SFR nel 1987 e Cegetel nel 1996.

    Guy Dejouany, che divenne l’ottavo presidente della società nel 1976, portò a termine con successo questa espansione e internazionalizzazione di CGE. Nel 1990, con 1.600 filiali e 173.000 dipendenti, il fatturato ha superato i 100 miliardi di FFr, di cui oltre il 25% è stato generato all’estero.

    Nel 1996, Jean-Marie Messier è diventato presidente e amministratore delegato e ha sviluppato in particolare le attività di comunicazione.

    Nel 1998 l’azienda, che voleva disfarsi del vecchio nome legato al business dell’acqua, cambia nome in Vivendi. Allora aveva due divisioni principali: comunicazioni e ambiente.

    Vivendi: analisi delle azioni

    Il trading online non può essere preso sottogamba, l’impegno e lo studio sono alla base del successo nel mondo degli investimenti. Questo vale sopratutto se si procede con l’analisi di un titolo specifico.

    Per studiare nel modo più completo possibile l’andamento di un titolo azionario, è prima di tutto necessario essere a conoscenza del fatto che esistono due tipologie differenti di analisi:

    • Analisi tecnica;
    • Analisi fondamentale;

    La prima analizza i grafici e gli indicatori di trading, così come l’andamento di un titolo azionario nel tempo, in modo da poter fornire le giuste previsioni.

    Attraverso la seconda è possibile invece ottenere tutte le informazioni economiche definiscono il prezzo di un titolo.

    Il suggerimento più importante che possiamo fornire a chi desidera avere successo sui propri investimenti è quello di utilizzare congiuntamente queste due tipologie di analisi in modo da avere un’idea più precisa sul titolo su cui si desidera puntare.

    Quotazioni azioni Vivendi in tempo reale

    Azioni Vivendi: analisi fondamentale

    Il gruppo Vivendi si trova ai primi posti tra i gruppi d’intrattenimento in Europa ed in Francia. La sede del gruppo di trova invece a Parigi.

    La società di Vivendi si trova tra le prime nel paese d’Oltralpe in termini di fatturato e capitalizzazione ed è anche tra le prime in termini di quota di mercato.

    Come ha reagito Vivendi all’emergenza Coronavirus?

    Le azioni di Vivendi erano scambiate a € 20,78 l’11 marzo 2020 quando il Coronavirus ha raggiunto lo stato di pandemia secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Da allora, le azioni VIV sono aumentate del 20,0% e ora vengono scambiate a 24,93 €.

    Azioni Vivendi Previsioni: Target Price

    Qual è il prezzo consigliato per le azioni Vivendi da parte degli analisti finanziari? Qui di seguito troverai il prezzo obiettivo per un certo periodo da parte degli analisti finanziari, che monitorano il titolo, partecipano alla pubblicazione dei risultati e rilasciano report finanziari.

    Ovviamente, sconsigliamo l’acquisto di azioni sulla base delle raccomandazioni degli analisti, in quanto si basano solo su modelli matematici che non tengono conto di altre influenze che hanno effetto anche sul prezzo. È più un modello indicativo del prezzo in modo che il trader sappia se, ad esempio, sta acquistando una quota sopravvalutata. Prima di investire, il trader dovrebbe studiare il titolo piuttosto che acquistarlo a un prezzo elevato.

    10 analisti di Wall Street hanno emesso valutazioni di “acquisto”, “sospensione” e “vendita” per Vivendi nell’ultimo anno. Attualmente ci sono 1 rating hold e 9 rating buy per il titolo, con conseguente raccomandazione consensuale di “Buy”.

    Gli stessi 10 analisti hanno emesso prezzi obiettivo di dodici mesi per le azioni di Vivendi. Le loro previsioni vanno da € 24,00 a € 38,00. In media, si aspettano che il prezzo delle azioni di Vivendi raggiunga i 29,94 € nel prossimo anno. Ciò suggerisce un possibile rialzo del 20,1% rispetto al prezzo corrente del titolo.

    Vivendi Dividendi

    Le azioni Vivendi pagano un dividendo? Attualmente, il dividendo di Vivendi è pari a 0,60 euro, con un rendimento pari al 2,41%.

    Comprare Azioni Vivendi conviene?

    Dopo aver visto i dati principali sulle azioni di Vivendi, possiamo iniziare ad analizzare i vari vantaggi e svantaggi di quest’azienda.

    Quest’azienda è riuscita a reinventarsi come poche altre, diventando una delle più importanti sia in Francia che in tutto il mondo, diventando un modello per gli altri grandi gruppi dell’intrattenimento.

    Le numerose acquisizioni e gli investimenti effettuati negli ultimi anni confermano che Vivendi continua ad avere intenzione di espandersi. Ma per fare questo dovrà essere molto brava a gestire un aumento di gestione e delle conseguenti responsabilità.

    Dopo che abbiamo visto ciò, è importante rispondere ad una delle domande più importanti degli investitori che si stanno affacciando a questo titolo: come comprare le azioni vivendi?

    Azioni Vivendi: come investire?

    Se si desidera investire nelle azioni di Vivendi, sono presenti svariate modalità per approcciarsi a questo mercato. Segnaliamo le due principali: investimento diretto (in banca) oppure l’utilizzo dei CFD nel trading online.

    Attraverso l’investimento diretto sarà possibile acquistare direttamente i titoli di una società che ci interessa. Uno dei vantaggi più importanti di questa tipologia d’investimento è la possibilità di partecipare direttamente alle riunioni degli azionisti.

    Tuttavia, esistono anche degli svantaggi per questa tipologia d’investimento. Per prima cosa possiamo riscontrare che generalmente le persone che usano l’acquisto diretto possono utilizzare capitali molto grandi.

    Infatti, è anche grazie a queste risorse che i più grandi traders possono anche sedere alle riunioni degli azionisti.

    Inoltre, l’investimento diretto è generalmente impostato su un periodo di tempo molto grande.

    A causa a queste caratteristiche ci sentiamo di non consigliare a chi si trova alle prime armi oppure non ha grandi capitali da investire.

    Questo tipo di trader preferisce, di solito, effettuare operazioni molto veloci, con capitali esigui a disposizione e che consentano di ottenere il maggior beneficio in poco tempo. Tutte queste ragioni ci portano ad illustra l’utilizzo dei CFD tramite una piattaforma autorizzata come eToro.

    Comprare azioni Vivendi senza commissioni tramite i CFD

    In questa sezione ci occuperemo di analizzare il funzionamento dei già menzionati CFD.

    La parola CFD (Contracts For Difference) rappresenta l’acronimo dei Contratti per Differenza. Con questo sistema s’intende uno strumento derivato con il quale è possibile investire attraverso la mediazione di una piattaforma certificata come ad esempio esempio eToro.

    I Contratti per Differenza risultano essere estremamente versatili in quanto consentono di utilizzarli per investire in azioni, sia quando si sposta con un trend al ribasso, sia quando si muove al rialzo.

    Così facendo, quindi, attraverso i CFD sarà possibile trarre vantaggio da tutte quelle situazioni che potrebbero risultare rischiose per il classico investimento “Buy” al rialzo.

    Attraverso i CFD, diversamente rispetto all’investimento diretto, non si effettua l’acquisto “reale” delle azioni di un titolo. Questo, quindi, può essere visto come il loro maggiore svantaggio, in quanto non potremmo partecipare alle riunioni degli azionisti o godere dei dividendi di una società.

    I CFD sono scambiati principalmente sui mercati OTC (Over The Counter). Questo tipo di mercati si caratterizza per non avere un vero e proprio riferimento fisico, come ad esempio Piazza Affari.

    Inoltre, questi tipi di mercati hanno una scadenza solitamente fissata sulle 24 ore. Se decidessimo di prolungare la nostra posizione oltre questo tempo, dovremmo pagare il Tasso di Overnight.

    Concludendo, questo tipo d’investimento, è particolarmente adatto ai piccoli investitori e da chi è alle prime armi per la sua rapidità di esecuzione, la versatilità e i costi contenuti.

    Dove comprare Azioni Vivendi

    Dopo che abbiamo visto le tipologie principali d’investimento, diamo un’occhiata per capire dove comprare le azioni Vivendi. Come abbiamo visto in precedenza, questa opzione non rappresenta un sistema favorevole per i piccoli risparmiatori oppure gli utenti che si trovano ancora alle prime armi. Le motivazioni principali sono le commissioni elevate e la difficoltà d’utilizzo.

    Le banche, a differenza di piattaforme next-gen come eToro, hanno alti costi e sono principalmente riservate ai grandi investitori.

    Per chi ha esigui capitali a disposizione e vuole farli fruttare in poco tempo è più conveniente operare su azioni Vivendi con i CFD tramite un broker affidabile come eToro.

    Infatti, le piattaforme di trading online regolamentate consentono di operare con commissioni molto basse e con strumenti e servizi moderni ed adatti agli utenti alle prime armi.

    Dopo che abbiamo visto i principali vantaggi delle piattaforme di trading online sulle banche grazie al trading online, iniziamo a descrivere una delle migliori del settore: eToro.

    eToro

    Piattaforma: etoro
    Deposito Minimo: 200€
    Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    La piattaforma di cui vogliamo parlare oggi si chiama eToro (clicca qua per visitare il sito ufficiale). Si tratta di un broker presente in tutta europa dal 2006 e che anno dopo anno è riuscito a diventare la prima scelta di milioni di utenti.

    Ad oggi infatti, questa piattaforma può contare su una base utenti pari a 10 milioni sparsi per tutto il mondo.

    eToro può vantare della certificazione e autorizzazione CONSOB e CySEC, che consente agli utenti di operare legalmente su tutto il territorio italiano e dell’Unione Europea.

    Ecco alcuni esempi di operazioni disponibili sul broker eToro che si possono effettuare:

    Uno dei principali motivi del successo di questa piattaforma sono da ricercarsi negli strumenti che fornisce gratuitamente ai suoi clienti, nello specifico il Copy Trading e i Real Stock.

    Il Copy Trading è un rivoluzionario sistema di trading automatico tanto semplice ed intuitivo quanto efficace, specialmente per chi è alle prime armi e non ha ancora le conoscenze adatte per operare in autonomia.

    Infatti, attraverso questo strumento è possibile scegliere il profilo di uno degli utenti più esperti e replicarne le operazioni in maniera automatica. In questo modo, quindi, non si rischierà di perdere il proprio investimento.

    Se vuoi avere più informazioni sul Copy Trading di eToro, fai click qui. Se invece preferisci non utilizzare i CFD, ma preferisci investire in maniera diretta, eToro lo permette. Infatti, con l’investimento denominato “Real Stock” è possibile acquistare per davvero alcuni tipi di asset. In questo modo, quindi, si potrà godere, tra i tanti vantaggi, dei dividendi erogati con il titolo acquistato.

    Per registrarti gratuitamente adesso su eToro, clicca qui.

    Comprare Azioni Vivendi

    In conclusione

    In questa mini-guida abbiamo visto nel dettaglio come il gruppo Vivendi sia uno dei più importanti colossi nel settore dell’intrattenimento, non solo in Francia.

    Investire nelle azioni Vivendi può essere quindi un’ottima scelta sia per chi investe sul breve che sul brevissimo periodo attraverso i CFD. Ma anche per chi investe sul lungo periodo attraverso l’acquisto diretto di titoli azionari.

    Leggi anche:

    Domande frequenti

    Conviene acquistare azioni Vivendi?

    Le azioni Vivendi sono sicuramente molto convenienti in quanto trattasi di un’azienda che è tra i leader indiscussi del settore. Se si opera utilizzando i CFD è possibile ottenere dei profitti interessanti.

    Perché usare i Contratti CFD per azioni Vivendi?

    Questa tipologia di strumento finanziario consentono di operare senza commissioni e di investire sulle azioni investendo sia al rialzo che al ribasso.

    Come operare con le azioni Vivendi?

    Utilizzando le piattaforme di investimento e brokeraggio che hanno tutti gli strumenti adatti per investire consapevolmente.

    Chi è l’azionista di maggioranza di Vivendi?

    Bolloré (27% di capitale, 30% di potere di voto).Vincent Bolloré

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Sull'autore

    Andrea Motta

    Appassionato di finanza, economia, trading. Giornalista pubblicista dal 2001.

    Lascia un Commento