Investimenti

ETF petrolio: cosa sono, come investire e scegliere. Guida 2020.

Lo sapevi che puoi investire in ETF petrolio? Il petrolio è una delle più grandi industrie del mondo. L’economia globale ha consumato oltre 99 milioni di barili di greggio al giorno nel 2018. Un prezzo medio di circa $ 70 al barile quell’anno pone il mercato mondiale del petrolio a oltre $ 2,5 trilioni. In prospettiva, l’economia globale ha speso più denaro per il petrolio rispetto a tutte le altre materie prime, come oro, minerale di ferro e carbone, messe insieme.

Date le sue dimensioni e l’importanza per l’economia globale, molti investitori desiderano una certa esposizione al mercato petrolifero nel proprio portafoglio. Tuttavia, può essere molto difficile scegliere le giuste scorte petrolifere a causa della complessità e della volatilità del settore. Infatti, i prezzi del petrolio possono essere soggetti a forti volatilità.

Pertanto, è importante riuscire ad investire in ETF petrolio per effettuare negoziazioni più efficaci. Per farlo, ci siamo affidati a due piattaforme di trading online come eToro e ForexTB.

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Social Trading (Copia i migliori)
  • Semplice ed intuitivo
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Corso trading gratis
  • Segnali di trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Cosa sono gli ETF sul petrolio?

    etf-petrolio

    Un fondo negoziato in borsa, o ETF, è simile ad un titolo che tiene traccia di un determinato segmento del mercato o dell’indice ed è facilmente accessibile agli investitori perché negozia su una grande borsa. Gli ETF condividono somiglianze sia con i titoli che con i fondi comuni di investimento.

    Infatti, risultano essere negoziabili come titoli ma detengono un ampio paniere di azioni, obbligazioni o materie prime come un fondo comune.

    Alcuni ETF detengono centinaia e persino migliaia di titoli azionari, offrendo un’esposizione completa all’intero mercato azionario. L’ETF SPDR S&P 500, ad esempio, replica l’indice S&P 500, un ampio indice di mercato di 500 titoli. Pertanto, l’acquisto dell’ETF SPDR S&P 500 consente agli investitori di possedere una partecipazione in tutte le 500 società.

    Altri ETF, nel frattempo, seguiranno un indice che si concentra su un certo segmento del mercato. Gli ETF sul petrolio seguono le prestazioni di diverse serie di scorte di petrolio o il prezzo di un barile di petrolio. Per questo motivo, consentono agli investitori di beneficiare potenzialmente dei guadagni nel mercato petrolifero.

    La sfida per gli investitori consiste nel trovare aziende che possano orientare proficuamente il mercato petrolifero. Ciò può essere difficile a causa di una serie di fattori, tra cui:

    • Volatilità del prezzo del petrolio
    • Costi in aumento
    • Problemi di gestione del progetto
    • Accesso al capitale
    • Regolamenti governativi

    Queste problematiche hanno influito sulla capacità di alcune compagnie petrolifere di fare soldi anche durante periodi di aumento dei prezzi del petrolio. Di conseguenza, alcuni investitori hanno avuto ragione nel ritenere che l’industria petrolifera avrebbe continuato ad espandersi, ma hanno comunque perso denaro perché hanno acquistato azioni petrolifere sbagliate, che hanno sottoperformato a causa di alcuni problemi specifici.

    Perché investire su un ETF anziché sul petrolio?

    Perché investire in un ETF petrolio? Investire in un ETF elimina i pensieri su quale sia il migliore titolo delle compagnie petrolifere su cui investire.

    Tale diversificazione aiuta a mitigare i rischi specifici della compagnia di investire in una compagnia petrolifera mal gestita che perde denaro quando tutti i suoi pari prosperano. Pertanto, gli ETF sul petrolio consentono agli investitori di esprimere una loro previsione di mercato, ad esempio, che le scorte di petrolio aumenteranno nei prossimi anni – senza dover scegliere i titoli di petrolio corretti per poter trarre profitti.

    Quella visione ottimistica del mercato petrolifero non è inverosimile. Nonostante le crescenti preoccupazioni per i cambiamenti climatici, il mondo dipende ancora dal petrolio, che non dovrebbe finire presto. Le compagnie petrolifere dovranno produrre altri 7,5 milioni di BPD dal livello del 2017 entro il 2025, secondo l’Agenzia internazionale dell’energia (AIE).

    Il settore affronta, quindi, una domanda crescente di petrolio. Secondo quanto riferito dall’Agenzia Internazionale dell’Energia, le società coinvolte nel settore devono colmare un gap di 35 milioni di BPD per gli anni a venire.

    A quanto ammontano 35 milioni di BPD? Per farti una idea, considera che questo volume è superiore all’attuale produzione di paesi come Stati Uniti, Russia e Arabia Saudita.

    Da ciò deriva che i prezzi del petrolio dovranno essere necessariamente alti per poter spingere le compagnie petrolifere a continuare a trovare nuovi giacimenti petroliferi che andranno sicuramente a loro vantaggio.

    Come investire su ETF petrolio?

    Hai deciso di investire in ETF petrolio? Per poterlo fare in totale sicurezza è necessario rivolgersi a piattaforme di trading online che ti sappiano guidare attraverso un percorso di formazione e vogliano rendere i tuoi investimenti più efficaci.

    Scegliere una piattaforma di trading online è una delle decisioni più difficili che un trader può fare all’inizio della sua storia. Decine di realtà competono tra di loro nel tentativo di accaparrarsi gli utenti. Altre, invece, hanno come unico obiettivo quello di truffare il malcapitato in cerca di facili guadagni milionari.

    Ecco perché abbiamo deciso di parlarti di due piattaforme celebri nel settore del trading online come eToro e ForexTB. Entrambi i broker sono regolamentati da autorità di vigilanza finanziaria come CySEC, FCA e Consob. Questo aspetto è fondamentale perché consente agli utenti come te di essere tutelati e protetti durante le transazioni e in caso di fallimento delle società.

    Regolamentazioni-CONSOB-CySEC-FCA-e-MIFID

    Regolamentazioni-CONSOB CySEC FCA MIFID

    Investire in ETF petrolio non richiede una grande esperienza alle spalle, considerando che investirai su più società. Tuttavia, è bene che le piattaforme a cui ti rivolgi siano in grado di fornirti tutti gli strumenti per rendere la tua attività di investimento quanto più efficace possibile.

    Vediamo nel dettaglio cosa offrono eToro e ForexTB.

    Piattaforma: etoro
    Deposito Minimo: 200€
    Licenza: Cysec
  • Social Trading (Copia i migliori)
  • Semplice ed intuitivo
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Corso trading gratis
  • Segnali di trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    eToro

    Su eToro investire in ETF petrolio è davvero semplice. Dopo esserti registrato gratuitamente sulla piattaforma e aver verificato il tuo account, non dovrai far altro che cercare all’interno della barra di ricerca uno degli ETF petrolio più famosi.

    Il passo successivo? Clicca su investi e scegli quanto denaro allocare per questa negoziazione. Oltre alla semplicità di utilizzo, eToro è celebre per la sua vasta offerta di strumenti finanziari. Infatti, potrai investire in asset come azioni, materie prime, criptovalute, indici di Borsa e fondi comuni di investimento. Tra le azioni, ci sono alcune società come Eni che sono impegnate nel settore del petrolio. Se, invece, vuoi diversificare il tuo investimento, ecco altri consigli: Aviva, Ambev, Advance Auto e Accenture.

    La funzione principale di eToro è rappresentata dal Copy Trading, uno strumento esclusivo della piattaforma. Attraverso il Copy Trading hai l’opportunità di replicare gli investimenti effettuati da altri utenti e guadagnare come loro scegliendo la tipologia di investimento.

    Prova gratuitamente eToro cliccando qui

    ForexTB

    Sulla base della nostra esperienza, un’altra piattaforma che ti consigliamo di provare è ForexTB. A discapito del suo nome, ForexTB non offre solamente coppie di valute come strumenti finanziari.

    In verità, le alternative sono varie e come eToro consente di accedere ad azioni, criptovalute e materie prime. Ovviamente rientrano anche gli ETF petrolio e azioni come Aecom, Alcoa, Abbvie, Aarons e Agilent.

    Come ha fatto ForexTB ha diffondersi nel settore del trading online?

    Essendo una piattaforma relativamente recente, molto si chiedono come sia stato possibile che il broker abbia ottenuto questo riconoscimento.

    In verità, la spiegazione è molto semplice: i segnali di trading. Lo strumento dei segnali di trading consente agli utenti di ricevere gratuitamente dei veri e propri suggerimenti da parte degli esperti della piattaforma su investimenti che potenzialmente potrebbero essere profittevoli.

    Prova gratuitamente ForexTB cliccando qui

    Come scegliere un ETF sul petrolio?

    Come hai potuto leggere, la scelta sugli ETF petrolio è veramente vasta. Nelle prossime righe abbiamo deciso di raccogliere alcuni suggerimenti che sicuramente potranno darti una mano nel tuo percorso di consapevolezza. Vediamo tre criteri che puoi applicare fin da subito per scegliere un ETF petrolio:

    • Un basso coefficiente di spesa: gli investitori pagano ai gestori di ETF una commissione per la gestione del fondo. Più queste commissioni sono basse, meglio è, perché a lungo termine manterranno il rendimento di un investitore.
    • Almeno diverse centinaia di milioni di dollari in attività gestite: il trading di liquidità può essere un problema con ETF più piccoli, motivo per cui è meglio scegliere un fondo più grande, in modo che questo non diventi un problema durante i periodi di turbolenza del mercato.
    • Una solida storia di monitoraggio del suo benchmark: la maggior parte degli ETF traccia un benchmark, che sia il prezzo del petrolio o un indice di mercato. Cercare ETF che hanno rispecchiato da vicino i loro negli ultimi anni.

    ETF Petrolio più scambiati

    Quali sono gli ETF petrolio più scambiati? Possiamo definire 3 categorie di base: ETF sul prezzo del petrolio, sul mercato ampio e mirati al settore specifico.

    Il primo ETF si pone l’obiettivo di seguire il prezzo del petrolio e consente agli investitori di guadagnare in merito alla variazione di questo fattore. Lo United States Oil Fund LP è un esempio di ETF sul prezzo del petrolio, con l’obiettivo di tracciare il prezzo del petrolio prodotto negli Stati Uniti.

    L’ETF del petrolio sul mercato ampio interessa, invece, un paniere di azioni di società che sono coinvolte nel settore energetico. Generalmente, gli ETF sul petrolio raggruppano le 100 aziende più performanti di tutto il settore petrolifero. In questo modo, gli investitori possono sfruttare la crescita prevista in tutti i segmenti di mercato del settore del petrolio.

    Invece, l’ETF mirato a settori specifici si concentra sulle tre fasi principali dell’industria petrolifera: a monte, a metà e a valle.

    La fase a monte prevede tutte quelle realtà impegnate nelle fasi di ricerca, perforazione e produzione del petrolio. A metà processo, ci si occupa di tutte quelle attività di logistica nonché di lavorazione, stoccaggio, commercializzazione di prodotti come petrolio, gas naturale e NGL.

    Infine, il segmento a valle si concentra sulla trasformazione di petrolio, gas naturale e NGL in prodotti di maggior valore come la benzina.

    Conclusione

    Il prezzo del petrolio ha un impatto significativo sulla performance degli ETF sul petrolio. Durante i periodi di aumento dei prezzi del greggio, gli ETF sul petrolio possono sovraperformare significativamente rispetto all’S & P 500.

    Tuttavia, gli ETF petrolio hanno sottoperformato il mercato tra la fine del 2014 e il 2018. Gli investitori, quindi, sono tenuti a scegliere il moment migliore per acquistare e ottenere buoni ritorni dagli ETF. Di solito, il momento ideale arriva proprio quando il greggio inizia a stabilizzarsi a seguito di un crollo del mercato.

    In definitiva, gli ETF sono considerati come un modo efficace per direzionare il proprio investimento nel settore petrolifero senza essere costretti a scegliere le azioni migliori. Questo perché all’interno degli ETF sono presenti tutte le migliori aziende di un determinato settore o segmento.

    Investire in questa maniera protegge l’investitore da eventuali variazioni repentine del prezzo delle azioni di una singola società. Ecco perché gli investitori dovrebbero considerare se un ETF sul petrolio potrebbe essere un’opzione migliore per il proprio portafoglio.

    Se hai deciso di investire in ETF petrolio, il nostro consiglio è di rivolgerti a broker di fiducia come eToro e ForexTB. Registrati gratuitamente alle piattaforme e inizia a fare trading online in sicurezza.

    ETF Petrolio

    Domande Frequenti su ETF petrolio?

    Cosa è un ETF petrolio?

    Un ETF petrolio è un asset finanziario che ti consente contemporaneamente di investire in società impegnate nel settore del petrolio.

    Quali sono i più importanti ETF petrolio?

    I più importanti ETF petrolio sono quelli che si concentrano sul prezzo, sul segmento di mercato specifico e sul mercato ampio.

    Perché investire in ETF petrolio?

    Investire in ETF petrolio è conveniente per le commissioni basse e perché puoi acquistare posizioni su quasi 100 titoli.

    Come investire in ETF petrolio?

    Se vuoi investire in ETF petrolio, il nostro consiglio è di rivolgerti a piattaforme di traduzione come eToro e ForexTB.

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Sull'autore

    Francesco

    Lascia un Commento