Investimenti

Oscillatore Stocastico: come si usa, settaggi e strategie

Pubblicato: 3 Ottobre 2022 di Francesco

L’oscillatore Stocastico è uno degli indicatori tecnici più completi ed utilizzati nel settore del trading online. Questo perché permette al trader di ottenere indicazioni preziose sull’andamento di un determinato strumento finanziario.

Contrariamente da altri indicatori, che si basato su indicazioni fisse, su un preciso punto, l’Oscillatore Stocastico studia per l’appunto l’oscillazione di un dato strumento finanziario. Espone risultati in un range di valori che vanno da 0 a 100 (ossia i due estremi).

Ma cosa indica l’oscillatore Stocastico? Quali informazioni permette di ottenere nell’ottica del breve, medio e lungo termine? È difficile da utilizzare? È possibile utilizzare questo indicatore sui migliori broker online?

Domande che avremo modo di approfondire a breve, focalizzando l’attenzione sul funzionamento e sull’associazione dell’indicatore al trading online. Per adesso, ricordiamo come lo stesso sia utilizzabile direttamente con le migliori piattaforme di trading online, come ad esempio eToro.

Può essere impostato in modo rapido ed il suo calcolo avviene in automatico. Dovrai solamente leggere i risultati, interpretarli e piazzare successivamente la strategia di negoziazione, con la consapevolezza di utilizzare un operatore regolamentato e con tante funzionalità integrative.

Clicca qui per registrarti su eToro

Riepilogo – Oscillatore Stocastico

👍 Oscillatore stocastico Scopri la nostra guida
👌 Difficoltà d’uso: ⭐️⭐️⭐️
🏷️ Cos’è? Indicatore tecnico
💻 Come si calcola? Automatico sui migliori broker
🥇Migliori broker con Fibonacci: eToro
😢 Esistono truffe Si, molte. Segui solo i siti affidabili

Cos’è l’oscillatore Stocastico?

Come esposto in precedenza, l’oscillatore Stocastico permette al trader di ottenere informazioni chiave sull’andamento di un determinato asset finanziario, qualsiasi esso sia (materia prima, indice di Borsa, titolo azionario, criptovaluta e così via).

È stato ideato dal matematico George Lane, il quale ha intuito (grazie ad un’analisi algoritmica) alcuni aspetti interessanti sui trend di mercato. L’indicatore valuta nel dettaglio la chiusura di un determinato prezzo (quindi di una barra nel grafico), con il punto di massimo e di minimo.

Ciò in un determinato orizzonte temporale, che di norma è impostato di default e che è pari a 14 periodi (ma può essere variabile). Permette in altri termini di esaminare le oscillazioni del mercato sulla base del cosiddetto Momentum e di stimare possibili segnali di uscita e di ingresso.

Per semplificare il concetto di Momentum, potremmo definirlo come l’accelerazione del valore di un determinato asset finanziario, mostrata sul suo grafico di riferimento. Per molti trader, l’oscillatore Stocastico permette anche di ottenere info su zone di ipercomprato ed ipervenduto.

Dipende molto da come si decide di utilizzare questo indicatore, che può altresì essere settato a propria discrezione (anche variando il range temporale) sulla base dei propri interessi e delle proprie strategie di trading (se a breve, medio, o lungo termine).

Come funziona l’oscillatore Stocastico

Vediamo a questo punto di focalizzare l’attenzione sul funzionamento dell’oscillatore Stocastico, che risulta integrato all’interno dei migliori broker online. Come esposto, permette di ottenere dati rilevanti per comprendere fasi di ipercomprato, o ipervenduto.

indicatore stocastico

Oscillatore Stocastico su eToro

Per fare ciò, l’indicatore è formato da due linee, che si muovono fra valori compresi da 0 a 100 e dove ogni percentuale del range corrisponde ad un’indicazione dello stato di un trend. Il periodo di riferimento è pari a 14 periodi, ma cosa significa esattamente?

Prendendo due semplici esempi, impostando l’indicatore su base settimanale, allora verranno prese in considerazione 14 settimane. Prendendo invece in considerazione un grafico giornaliero, allora l’indicatore si baserà su 14 ore, studiando i relativi massimi e minimi.

Per ora tutto chiaro, ma come si leggono i dati esposti dall’indicatore? I risultati sullo studio dell’oscillazione possono ovviamente essere positivi o negativi e possiamo quindi ricordare (sulla base dei dati ottenuti) che:

  • se l’indicatore tende a zero, allora il prezzo dello strumento analizzato è scambiato ad un livello prossimo (o inferiore) al minimo decrescente in quel determinato range temporale di riferimento;
  • se l’indicatore tende a 100, allora il prezzo dello strumento analizzato è scambiato ad un livello prossimo (o superiore) al massimo decrescente in quel determinato range temporale.

In linea generale, può quindi considerarsi il livello dei 50 come punto centrale. Al di sopra il 50 (quindi tendente al 100), lo slancio può considerarsi positivo (seppur variabile), mentre al sotto i 50 (quindi tendente a 0), lo slancio può considerarsi negativo.

Oscillatore Stocastico: formula

Come ogni indicatore che si rispetti, anche in questo caso troviamo la formula dell’oscillatore Stocastico. Il matematico George Lane, dopo accurati studi, è riuscito a trasformare in numeri il calcolo del Momentum su un trend di mercato.

In che modo? Ecco la formula matematica dell’oscillatore Stocastico:

  • % k = (Ultimo prezzo di chiusura – Prezzo più basso) / (Prezzo più alto – Prezzo più basso) x 100
  • % D = SMA a 3 giorni di % K.

In questo caso, la K percentuale è il cosiddetto “Stocastico veloce”, mentre la D percentuale è il cosiddetto “Stocastico lento”. Fortunatamente, grazie alla presenza di software e sistemi integrati sui broker, non dovrai mai effettuare alcun calcolo complesso.

Le migliori piattaforme (come avremo modo di sottolineare a breve) effettuano il calcolo in modo automatico. Una volta ottenute le indicazioni, dovrai solamente interpretarle (sulla base di quanto esposto in precedenza) e piazzare la tua strategia.

Dove utilizzare l’Oscillatore Stocastico

Come intuito, contrariamente dal passato, quando l’oscillatore Stocastico richiedeva il calcolo manuale della formula elencata in precedenza, ad oggi tutto è cambiato. È sufficiente impostare l’indicatore tramite una delle migliori piattaforme di trading.

In questo caso, una volta scelto il broker, puoi selezionare lo strumento finanziario di tuo interesse (come ad esempio un indice azionario) ed accedere alla sezione tecnica. È quindi possibile selezionare l’indicatore Stocastico ed impostare il range temporale.

Ricorda ovviamente di optare solamente su broker professionali e che mettono in chiara luce tutte le licenze e le autorizzazioni. In questo modo hai la sicurezza di utilizzare un operatore degno di nota e che propone diversi servizi integrativi.

Uno dei più importanti è sicuramente il conto demo, poiché ti permette di provare tutte le tue strategie di trading (dopo aver letto le indicazioni dell’oscillatore), senza correre rischi sul tuo capitale reale. A seguire, ecco alcuni dei migliori broker di trading online.

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Azione Gratuita
  • Corso Gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capex
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Formazione gratuita
  • Consulente personale
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    eToro: seguire i trader più bravi

    Il primo broker professionale che teniamo a sottolineare è eToro (vai qui per registrarti). Si tratta di un intermediario di ultima generazione, con oltre 20 milioni di utenti registrati e con tutte le licenze per operare nel nostro territorio.

    Con una rapida registrazione hai la possibilità di accedere a tutti gli strumenti di negoziazione e di selezionare la comoda sezione tecnica. Hai quindi la possibilità di selezionare (nel vasto elenco) tutti gli indicatori tecnici più importanti, compreso lo Stocastico.

    Puoi quindi piazzare la tua strategia di trading, anche sfruttando le potenzialità dei contratti per differenza. Nel caso non avessi le competenze, o non volessi utilizzare alcun indicatore, puoi invece optare per il Copy Trading, che ti permette di:

    1. scegliere uno o più Popular Investor;
    2. valutarli sulla base di tanti parametri chiave;
    3. ottenere le loro stesse strategie a mercato.

    Clicca qui per ottenere un conto su eToro

    XTB: corso per imparare l’oscillatore Stocastico

    Un secondo broker degno di nota, anche in questo caso altamente professionale e con tutte le carte in regola, è XTB (vai qui per registrarti). Con lo stesso puoi sia agire in modo diretto sull’asset sottostante (per le azioni) sia negoziare con CFD.

    Per ogni strumento finanziario è messo a disposizione un pratico grafico in tempo reale, che puoi utilizzare per analizzare l’andamento e per ottenere indicazioni chiave con l’uso dei principali indicatori, proprio come l’oscillatore Stocastico.

    Se vuoi testare le tue strategie, senza correre alcun rischio reale, puoi optare sul conto demo, basato su fondi virtuali. Degno di nota anche il corso gratuito, con il quale puoi ottenere nozioni pratiche e teoriche, anche sui principali indicatori tecnici.

    Per ottenerlo è sufficiente accedere alla pagina ufficiale, cliccare sull’apposita sezione e scaricare lezioni, guide e molti altri contenuti, strutturati da un team di trader esperti.

    Clicca qui per XTB ed il suo corso gratuito

    Oscillatore Stocastico: strategie di trading

    Onde evitare di leggere le indicazioni dell’oscillatore Stocastico come falsi segnali, è bene conoscere nel dettaglio alcune delle strategie di trading più utilizzate dai trader esperti (comodamente sui migliori broker online).

    Divergenza Stocastico

    Parlare di divergenza Stocastico significa parlare di una strategia di trading focalizzata sullo scostamento dell’indicazione dell’oscillatore e l’effettivo trend del mercato. È possibile quindi focalizzare l’attenzione su due fattispecie:

    1. se l’oscillatore non evidenzia nel suo calcolo un nuovo massimo, ma il trend effettivo dell’asset si muove su nuovo massimo, allora si parla di divergenza ribassista (in questo caso è possibile che il trend segua una traiettoria calante, ossia al ribasso);
    2. se l’oscillatore non evidenzia nel suo calcolo un nuovo minimo, ma il trend effettivo dell’asset si muove su nuovo minimo, allora si parla di divergenza rialzista (in questo caso è possibile che il trend segua una traiettoria in aumento, ossia al rialzo).

    Movimento Stocastico: ipercomprato e ipervenduto

    Una seconda strategia interessante, tiene in considerazione le zone di ipercomprato e di ipervenduto (che indicano se l’asset è vicino al massimo, o a zone di minimo). Anche in questo caso gli eventi possono essere duplici:

    1. se la lettura dello Stocastico indica valori superiori alla linea dell’80, allora è ipotizzata una situazione di ipercomprato (in questo caso il segnale di vendita è associato al superamento della linea e ad una successiva correzione);
    2. se la lettura dello Stocastico indica valori inferiori alla linea dei 20, allora è ipotizzata una situazione di ipervenduto (in questo caso il segnale di acquisto è associato al superamento della linea e ad una successiva ripresa).

    Crossover

    Quando abbiamo esposto la formula dell’oscillatore Stocastico, ci siamo soffermati brevemente su due parametri fondamentali: da una parte lo Stocastico veloce (che indichiamo con %K) e dall’altra lo Stocastico lento (che indichiamo con %D).

    La strategia del Crossover su Stocastico studia l’intersezione (qualora avvenga) delle due linee. Nello specifico, i casi sono essenzialmente due:

    • Se la linea% K interseca la linea% D e la sorpassa, allora l’indicazione del trend potrebbe essere rialzista.
    • Se la linea% K attraversa dall’alto verso il basso la linea dello stocastico % D, allora il segnale del trend potrebbe essere ribassista.

    Tendenza dei prezzi

    In ultimo, non per importanza, sottolineiamo l’importanza dell’uso dell’oscillatore Stocastico con quello delle medie mobili. Anche in questo caso le indicazioni possono essere molteplici e devono essere interpretate sulla base dell’incontro delle linee.

    Se entrambi gli indicatori restano al di sotto la linea dei 20, allora lo slancio del trend di mercato può definirsi debole. Viceversa se gli indicatori restano al di sopra la linea degli 80, lo slancio del trend di mercato può definitisi molto forte.

    Come settare l’Oscillatore Stocastico

    Prima di procedere con le dovute conclusioni, vediamo come settare l’oscillatore Stocastico nel migliore dei modi, senza commettere errori. Da dove partire? Sicuramente dall’impostazione del periodo temporale (sempre su 14 periodi).

    In questo caso, per strategie di lungo termine (prettamente cassettiere), è possibile scegliere anche orizzonti temporali settimanali. Discorso differente è se invece hai interesse ad operare con strategie di scalping (è possibile settare periodi a 14 ore).

    I 3 dati più importanti da dover ricordare su questo indicatore, per il suo utilizzo, sono 3: %K (sulla base del range temporale usato nel calcolo), Rallentamento (dato di media mobile semplice su %K) ed infine %D (fattore di media mobile su %K).

    In linea generale, il valore di riferimento dell’oscillatore Stocastico (sul suo settaggio) è pari a 14,3,3, anche se può variare sulla base di diversi eventi, ma soprattutto in relazione a:

    • il livello di timeframe: se risultano brevi, allora è possibile settare l’indicatore su parametri più alti (ad esempio 20,5,5), se risultano alti, allora è possibile settare l’indicatore su parametri più bassi (ad esempio 5,3,3).
    • lo strumento analizzato: se risulta essere ampiamente volatile, i trader tendono a settare un’indicatore con parametri più alti (ad esempio 15,5,5);
    • la strategia scelta: sulla base delle tecniche esposte in precedenza, è possibile modificare tutti i parametri di base, anche in riferimento alla combinazione con altri indicatori.
    Oscillatore stocastico

    Conclusioni

    Con la guida odierna abbiamo conosciuto nel dettaglio uno degli indicatori più utilizzati in analisi tecnica: l’Oscillatore Stocastico. Ha rappresentato un indicatore chiave per lo studio del trend di mercato, al pari dei supporti e resistenze, RSI, Bande di Bollinger, Ritracciamenti di Fibonacci e molto altro.

    Può ovviamente essere utilizzato su tutte le tipologie di strumenti finanziari (in analisi tecnica) ed essere settato su diversi orizzonti temporali. Permette di ottenere informazioni aggiuntive interessanti sulle cosiddette zone di ipercomprato e di ipervenduto.

    Puoi utilizzarlo in modo diretto sui grafici in tempo reale messi a disposizione dai migliori broker online, come ad esempio eToro. Con lo stesso puoi anche iniziare con un pratico account demo illimitato e che può essere gestito comodamente anche tramite applicazione.

    Clicca qui per registrarti su eToro

    FAQ

    Come si calcola l’Oscillatore Stocastico?

    Come detto nel nostro articolo, l’Oscillatore Stocastico ha una formula ben definita, anche se viene ad oggi calcolato in modo automatico grazie alle migliori piattaforme di trading online.

    Come interpretare lo Stocastico?

    L’oscillatore Stocastico si muove su due linee, in un range di valori dallo 0 al 100. Se l’indicatore tende allo zero, allora lo slancio è negativo, se invece tende a 100, all’ora lo slancio è positivo.

    Come si usa l’Oscillatore Stocastico nel trading?

    L’Oscillatore Stocastico nel trading può essere impostato nelle sezioni tecniche dei migliori broker online, i quali ti permettono successivamente di piazzare la tua strategia a mercato.

    Come imparare ad usare l’Oscillatore Stocastico?

    Se vuoi imparare ad utilizzare l’Oscillatore Stocastico puoi fare pratica sui migliori broker online, i quali mettono a disposizione un comodo account demo per poter iniziare senza nessun vincolo.

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Sull'autore

    Francesco