Investimenti

WACC: Cos’è, formula, calcolo, uso ed esempio [Guida 2022]

Pubblicato: 2 Marzo 2022 di Francesco

Il WACC è uno degli indicatori più utilizzati al mondo, sia da trader che da società, per poter ottenere informazioni e dati sul costo medio ponderato del capitale. Uno strumento storico, che abbiamo deciso di approfondire con parole semplici ed alla portata di tutti.

Sappiamo benissimo che nel settore del trading online qualsiasi analisi rappresenta un aspetto importante. Avviare strategie alla cieca è uno degli errori più comuni, commessi soprattutto da traders alle prime armi. D’altro canto, il WACC si presenta tuttavia abbastanza complesso da utilizzare sotto l’aspetto analitico.

Avremo modo di scoprire il suo calcolo (tramite la formula del WACC), come si usa, ma soprattutto a cosa serve. Vediamo subito alcune informazioni base sul WACC.

👍 WACC Scopri la nostra guida
👌 Difficoltà d’uso: ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️
🏷️ Cos’è? Indicatore aziendale
💻 Come si calcola? Formula WACC (disponibile a seguire)
🥇Alternative senza calcoli:  Copy Trading di eToro
😢 Esistono truffe Si, molte. Segui solo i siti affidabili

Come preannunciato, la complessità sul calcolo del WACC ci porterà ad analizzare e tenere a mente anche soluzioni che si basano sulla copia di altri utenti, come ad esempio il noto Copy Trading, proposto dal broker regolamentato eToro (che non necessita di alcun calcolo).

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Cos’è il WACC?

    Quando ci si trova ad analizzare per la prima volta un nuovo indicatore, è bene partire dal principio, parlando della sua definizione. Il WACC è semplicemente un indicatore matematico, basato quindi su una vera e propria formula, volto a mostrare specifiche informazioni su una determinata società.

    Fa riferimento anche alla componente del debito (presa poche volte in considerazione da altri indicatori) e permette di ottenere in modo analitico il valore di costo del capitale a disposizione di un determinato gruppo, o semplicemente di una piccola azienda, startup e così via.

    Il WACC può altresì essere utilizzato a livello settoriale, ossia prendendo in considerazione un intero settore. In questo caso i calcoli diventano ancora più complessi ed i parametri da tenere in considerazione sono più difficili da calcolare.

    WACC acronimo

    Così come RSI, anche il WACC è un acronimo a tutti gli effetti ed indicata precisamente: Weighted Average Cost of Capital. Lo stesso rappresenta un termine inglese, che può essere italianizzato con “costo ponderato del capitale”.

    L’acronimo WACC risulta ormai da anni molto più comodo da utilizzare e può essere individuato più facilmente all’interno delle formule matematiche.

    WACC: a cosa serve?

    Prima di approfondire l’uso del WACC, è bene ricordare come lo stesso possa essere utilizzato non soltanto da singoli investitori, così come trader, quanto anche dalla stessa società (in modo interno). In questo caso abbiamo:

    • L’uso del WACC da parte di un trader, che utilizza l’indicatore per andare alla ricerca di maggiori informazioni sulla società (in questo caso quotata e che rappresenta un titolo azionario). Tutto ciò in associazione all’analisi fondamentale, che a sua volta si intreccia con l’analisi tecnica.
    • L’uso del WACC da parte del management della società stessa, che in questo caso può analizzare la situazione interna per decidere se attuare specifiche strategie di finanziamento o meno, così come progetti di acquisizione/fusione e molto altro.

    Un indicatore che trova quindi diversi utilizzi, ma che in linea generale permette di constatare il valore di costo di tutte le fonti di finanziamento (ossia utilizzate per ottenere il capitale) di una società. Si escludono in questo caso eventuali finanziamenti privi di costi.

    Uso del WACC ed alternative

    Al di là del calcolo e della formula del WACC, che avremo modo di approfondire nel dettaglio nel corso delle righe successive, è possibile utilizzare lo stesso indicatore in associazione alle proprie strategie di trading?

    Entrando all’interno delle migliori piattaforme, nella sezione tecnica, è possibile costatare la presenza di tantissimi indicatori analitici, come ad esempio RSI, media mobile, supporti e resistenze, Bande di Bollinger e molto altro. Il WACC, rappresenta sì un indicatore chiave per analizzare la società sotto l’aspetto fondamentale e finanziario, tuttavia molto complesso sotto l’aspetto pratico.

    Richiede in effetti competenze in materia matematica ed informatica (nel caso del calcolo tramite Excel). Conoscenze che solitamente un trader alle prime esperienze non dispone. Per evitare calcoli ed indicatori, è quindi possibile approfondire soluzioni di mirroring trading, o di Copy Trading.

    Soluzioni che vengono messe a disposizione (così come per l’uso di indicatori di trading professionali) solamente da piattaforme di trading regolamentate e degne di nota, che avremo modo di approfondire nel dettaglio a seguire.

    eToro

    Il primo broker regolamentato che andiamo a presentare è eToro (qui la pagina ufficiale), sicuramente fra i principali punti di riferimento nel settore del trading online e delle negoziazioni sui mercati finanziari.

    Ricordiamo come lo stesso permetta (su decine di asset) sia di comprare l’asset sottostante (quindi lo strumento reale), sia di agire tramite contratti per differenza (ossia strumenti derivati). In questo caso è possibile attuare sia strategie al rialzo che strategie al ribasso.

    Per tutti gli strumenti di negoziazione, viene messo a disposizione un comodo grafico in tempo reale, che permette anche di utilizzare (nella sezione tecnica) tantissimi indicatori analitici, matematici e probabilistici. Un ottimo supporto per trader professionisti.

    Scopri qui eToro

    Per gli utenti alle prime esperienze, è invece disponibile una funzione del tutto rivoluzionaria, che permette di copiare trader reali e che prende il nome di Copy Trading.

    Copy Trading eToro

    È un sistema che non richiede alcun abbonamento specifico e che permette di evitare di fare analisi e calcoli (anche con WACC ed altri indicatori). Vediamo subito il suo funzionamento in pochi step:

    1. i trader registrati accedono alla sezione dei Popular Investor;
    2. a questo punto possono selezionare uno o più Popular Investor a propria discrezione;
    3. associandoli alla funzione, si riceveranno le loro stesse transazioni a mercato in modo speculare ed in tempo reale.

    Clicca qui per scoprire eToro ed il Copy Trading

    XTB

    XTB (qui la pagina ufficiale) rappresenta un broker autorizzato e regolamentato, anche all’interno del territorio europeo. Vanta migliaia di utenti registrati ed un volume considerevole sugli scambi.

    Il broker permette di negoziare con contratti per differenza su migliaia di strumenti di negoziazione (titoli azionari, materie prime, indici, cambi in valuta ed anche criptovalute). Tutto ciò senza alcun costo fisso sulla gestione, ricordando solamente bassissimi spread sulle operazioni effettuate.

    Per ogni asset, puoi visionare un pratico grafico in tempo reale, aggiornato attimo dopo attimo e fondamentale per poter avviare proprie analisi. Presente anche una sezione formativa a costo zero, con tantissime guide ed articoli sul mondo del trading online.

    Scopri qui il broker XTB

    Sia per trader esperti che per trader principianti, risultano altresì integrate numerose funzionalità e servizi aggiuntivi, come ad esempio:

    • conto demo gratuito, dalla durata di 30 giorni;
    • possibilità di gestire le attività anche con la MetaTrader, a sua volta ricca di strumenti ed indicatori analitici da poter utilizzare a propria discrezione;
    • possibilità di operare anche con applicazione per dispositivi mobili;
    • assistenza professionale a tutte le ore.

    Clicca qui per scoprire XTB

    WACC formula

    Dai paragrafi precedenti abbiamo avuto modo di ricordare come il calcolo del WACC non risulti immediato e di come sia abbastanza complesso da ottenere.

    La complessità della formula del WACC può essere individuata in due aspetti: da una parte la difficoltà nel calcolare tutti i dati e gli elementi che la compongono e dall’altra la difficoltà nell’interpretare il dato finale nel migliore dei modi.

    Dopo aver ottenuto il WACC, è quindi importante confrontare lo stesso dato con tutti gli altri elementi economici della società, cercando di interpretare il valore sulla base del periodo di vita dell’azienda (se agli inizi, se storica e così via), del settore di appartenenza e molto altro.

    Scendendo nel dettaglio, la formula del WACC è la seguente: WACC = (E/V * Ke) + ((D/V * Kd) * (1 – T)) ed i diversi dati indicano:

    • WACC è il valore di interesse ottenuto dal calcolo;
    • E rappresenta il valore di mercato del capitale proprio;
    • V rappresenta il valore del debito di mercato complessivo della società;
    • D rappresenta il valore di mercato associato al debito della società analizzata;
    • Ke è il primo costo presente nella formula, ossia sul capitale proprio;
    • Kd è il secondo costo presente nella formula, ossia sul debito;
    • 1 rappresenta un coefficiente fisso per il calcolo del WACC (in questa specifica formula);
    • T è infine l’aliquota fiscale, che viene espressa in percentuale.

    Costo del capitale proprio nel WACC

    Molti dei dati esposti all’interno della formula del WACC vengono erogati in modo diretto dalle stesse società al momento della redazione dei bilanci periodici. Soprattutto in caso di società quotate, reperire dati economici ed aziendali in modo pubblico risulta abbastanza semplice.

    Discorso differente, riguarda invece specifici parametri della formula, che devono invece essere calcolati separatamente. Uno dei primi, è proprio il costo del capitale proprio, che deve essere calcolato utilizzando ulteriori formule esterne.

    In questo caso, gli analisti utilizzano per l’esattezza il cosiddetto modello CAPM, ossia Capital Asset Pricing Model. La formula specifica è la seguente: Ke = Rf + Beta (Rm – Rf) ed i dati di composizione sono:

    • Ke è il risultato di interesse, ossia il costo;
    • Rf rappresenta il rendimento dei titoli (al netto), così come specifici ed eventuali investimenti scevri da rischi;
    • Beta rappresenta il livello di rischio della società in rapporto al livello di rischio medio all’interno del mercato in quel momento;
    • Rm – Rf si può indicare anche con “ERP” (ossia Equity Risk Premium) e rappresenta il premio di rischio di mercato.

    Costo del capitale di debito nel WACC

    Il secondo costo, che anche in questo caso non rappresenta un dato singolo, bensì deriva da diversi calcoli esterni, è quello sul debito.

    I parametri che compongono la formula sono di meno ed il dato può essere ottenuto applicando il tasso variabile privo di rischio + lo spread del credito * (1 – T), dove 1 rappresenta un parametro fisso, mentre T rappresenta l’aliquota fiscale.

    Quale informazione viene data dal costo del capitale di debito? Lo stesso va ad indicare il valore medio ponderato di ciò che viene essenzialmente pagato dalla società (quindi sotto forma di interessi richiesti da chi eroga i fondi) e può far riferimento a diverse fonti di finanziamento.

    Calcolo del WACC

    Arrivati a questo punto, dopo aver scoperto quali dati sono necessari per comporre la formula, è ora possibile approfondire (sempre in modo basilare) il calcolo del WACC sotto l’aspetto operativo.

    Vediamo quindi a seguire (utilizzando dati di esempio) quali fasi sono richieste per poter applicare la formula del WACC e procedere successivamente con il suo calcolo. Il valore finale, può essere trasformato anche in percentuale.

    1. Il primo valore da ottenere è capitale proprio di mercato, che le società quotate (quelle di interesse per i trader) espongono solitamente all’interno dei propri documenti di bilancio periodici. Nel nostro esempio, sarà pari a 500.000.
    2. Il secondo dato da ottenere, è quello dei debiti di mercato (anche in questo caso facilmente ottenibile). Nel nostro esempio, sarà pari a 100.000.
    3. Segue quindi il primo costo, ossia sul capitale, supposto nel nostro esempio al 5%;
    4. Si associa il secondo costo, ossia sul debito, supposto nel nostro esempio al 7%;
    5. È quindi possibile procedere al calcolo, considerando un’aliquota al 35%.

    Sviluppando la formula esposta in precedenza troviamo WACC = 5/6 * 0,05 + 1/6 * 0,07 * 0,65= 0,049, ossia il 4,9% (se tradotto in percentuale).

    Leggi anche: Trading algoritmico.

    Calcolo del WACC su Excel

    Vista la complessità di calcolo del WACC, molti esperti ed analisti (per agevolare anche la formulazione ed accelerare i tempi) decidono di impostare il tutto su uno dei software più potenti e facili da ottenere sul mercato, ossia Excel.

    La creazione della griglia rappresenta il primo passaggio e si basa sulla trascrizione sulla riga B del valore, della quota, del costo e della media ponderata. In colonna, partendo dalla prima e lasciando una sola casella nella parte sinistra, troviamo invece il debito complessivo, le risorse ed il totale.

    Si inserisce successivamente nella tabella TIO, tasso di interesse e tasse, ricordandosi di apporre in A9 (o la casella che si verrà a creare nella propria griglia) il costo del debito. Si continua con:

    • in C2 il rapporto B2/B4;
    • in C3 il rapporto B3/B4;
    • per il B9 si fa poi riferimento a B7*(1-B8), con B9 nella casella D2 e B6 in D3;
    • si procede con il comando “=C2 x D2”, trascinando le caselle per ottenere il WACC.

    WACC esempio pratico

    Al di là dei numeri e delle formule matematiche, è possibile esporre un caso pratico sull’utilizzo del WACC, così da comprendere a pieno per cosa venga utilizzato.

    Nell’esempio specifico, la società Beta rappresenta una startup, ossia un’azienda ancora sul nascere, con una forte componente tecnologica ed alla ricerca di nuove fonti di finanziamento per poter proseguire con le sue attività. Attività che possono riguardare:

    • l’avvio del progetto;
    • lo sviluppo dell’azienda stessa;
    • la nascita di un nuovo comparto operativo e molto altro.

    In questo caso, la società va alla ricerca della fonte di finanziamento (per ottenere capitali) meno costosa possibile ed allo stesso tempo i più efficiente. Tutto ciò considerando anche la situazione dei costi sul capitale in quel preciso momento.

    Ed è qui che entra in gioco l’analisi aziendale sul WACC, che permette al management della società Beta, di valutare il costo medio del capitale di rischio e di debito, in relazione a ciò che i finanziatori (chi presta i capitali) vuole ottenere come ritorno economico.

    WACC

    WACC vantaggi e limitazioni

    Alla luce di quanto esposto nel corso del nostro esposto, proponiamo a seguire una tabella chiara ed aggiornata, con alcuni dei principali vantaggi legati al calcolo ed all’uso del WACC, nonché alcune specifiche limitazioni sullo stesso.

    🟢 Vantaggi WACC 🔴Svantaggi WACC
    Utilizzabile su tutte le tipologie di società Formula complessa
    Utilizzabile anche su interi settori Richiede dati difficili da calcolare per un utente alle prime esperienze
    Indicatore chiave all’interno delle società  
    Eroga diverse informazioni   
    Utilizzabile in analisi fondamentale  

    Conclusioni

    In conclusione, il WACC rappresenta un indicatore storico, utilizzato in larga parte dalle società per potersi autoanalizzare sotto l’aspetto finanziario, ma tenuto in considerazione anche da trader ed investitori.

    Paragrafi iniziali, incentrati sul suo significato e sulla sua definizione, hanno successivamente lasciato posto a spiegazioni più approfondite sul calcolo del WACC, in riferimento alla sua formula. Formula che, come dedotto, risulta tuttavia abbastanza ostica e complessa.

    In alternativa, sono infatti stati proposti sistemi basati sulla copia di reali esperti nel settore e che quindi non richiedono alcun calcolo ed alcuna analisi complessa sul mercato. Fra le stesse funzionalità, abbiamo ricordato nello specifico quella del broker regolamentato eToro (ossia il Copy Trading).

    Piattaforma: etoro
    Deposito Minimo: 50€
    Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Domande Frequenti

    Qual è la definizione di WACC?

    WACC è l’acronimo di Weighted Average Cost of Capital, che rappresenta essenzialmente un indicatore volto a mostrare il costo medio ponderato del capitale di una determinata società, o azienda.

    Come si usa il WACC?

    Essendo il WACC un indicatore matematico, si basa su calcoli complessi tramite specifiche formule (semplificate o meno), che racchiudono al loro interno diversi dati aziendali.

    Quali dati servono per calcolare il WACC?

    Per calcolare il WACC sono necessari diversi dati (molti dei quali devono essere necessariamente calcolati a parte con altre formule specifiche). Maggiori dettagli all’interno del nostro approfondimento completo.

    Da chi è utilizzato il WACC?

    Il WACC viene ad oggi utilizzato prettamente dalle stesse società per effettuare studi approfonditi sui costi del proprio capitale, risultando abbastanza complesse per trader ed investitori comuni. Per evitare analisi, puoi approfondire funzionalità di Copy Trading, ricordate nel nostro articolo.

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Sull'autore

    Francesco