Investimenti

Cosa sono le Criptovalute e come investire

Sicuramente quest’anno verrà ricordato come l’anno della definitiva consacrazione delle Criptovalute. Il prezzo del Bitcoin ha raggiunto il livello dei 3000 dollari, stabilendo un nuovo massimo storico, possiamo dire lo stesso di Ethereum, Litecoin e la stragrande maggioranza delle altre criptovalute.

Il grandissimo afflusso di investitori all’interno del mercato delle criptovalute ha consentito la crescita “parallela” del Bitcoin e delle altre Criptovalute (le cosiddette “alt currencies”). Il mondo del Bitcoin sta crescendo ad un ritmo forsennato, e si può dire che anche quello delle criptovalute alternative sta andando di pari passo, se non ad un livello ben maggiore.

Ma che cosa sono le Criptovalute e come è possibile trarre vantaggio da questo (relativamente) nuovo Business? Il mondo delle criptovalute è alquanto semplice, in quanto trattasi di un mercato “valutario” a tutti gli effetti. Possiamo tuttavia affermare che all’inizio potrebbe sembrare “intimidatorio” iniziare con il Bitcoin, Litecoin e altri termini non proprio conosciuti; vediamo quindi di fare al 100% chiarezza spiegando tutto sulle criptovalute, cosa sono e come funzionano. Tramite questa nostra mini-guida, osserveremo cosa sono e come possono essere utilizzate le criptovalute per l’accrescimento economico, oppure per comprare beni e servizi e per fare tutte quelle altre operazioni che ogni giorno milioni di persone fanno.

Che cosa sono le Criptovalute?

Le criptovalute sono un gruppo di valute completamente digitali che vengono utilizzate come modalità di scambio tramite crittografia per consentire l’invio e la ricezione in completa sicurezza e la creazione di nuova valuta.

Bitcoin

Bitcoin

La Criptovaluta più diffusa è senza dubbio il Bitcoin. I vantaggi principali di questo business sono la grande sicurezza per inviare e ricevere denaro e la velocità con la quale è possibile inviare e ricevere il denaro. I rischi in casi come questo sono le possibili frodi (oggi tuttavia in forte diminuzione); ricordiamo infatti il caso di MT. Gox.

La piattaforma Mt. Gox era un exchange di Bitcoin basato a Shibuya, a Tokyo in Giappone. Fu lanciato nel luglio del 201o, e nel 2013 e 2014 gestiva più del 70% di tutte le transazioni mondiali essendo il più grande centro di scambio mondiale.

Nel Febbraio 2014 però successe un fatto gravissimo, che gettò nello sconforto tutto il mondo di Bitcoin. Mt. Gox sospese tutte le attività di trading, chiudendo il sito internet e l’exchange, dichiarando la bancarotta per proteggersi dai creditori. Nell’Aprile del 2014, l’azienda iniziò i procedimenti di liquidazioni.

Mt. Gox affermò che all’incirca 850 mila Bitcoin dei clienti mancavano ed erano stati molto probabilmente rubati, un ammontare che al tempo valeva all’incirca 450 milioni di dollari (e oggi molto di più). Nonostante tutto questo, negli anni successivi furono ritrovati circa 200 mila Bitcoin e l’azienda esperta in sicurezza WizSec giunse alla conclusione che gran parte o tutti i Bitcoin persi vennero sottratti dal portafoglio di Mt. Gox a partire dalla fine del 2011.

Bitcoin: la criptovaluta principale

Non sappiamo se il Bitcoin sarà nei prossimi anni la criptovaluta principale, ma possiamo dire con grandissima sicurezza che oggi lo è.

Bitcoin è stata la primissima criptovaluta e oggi è sicuramente quella più famosa in assoluto. Fu ideata dal genio di Satoshi Nakamoto nel 2009 e portò ad una vera e propria “invasione di criptovalute” (chiamate in gergo “altcoins”) che rappresentano l’alternativa e la diversificazione al Bitcoin.

Negli anni successivi il Bitcoin ha continuato a mantenere il suo status di Criptovaluta più importante, arrivando persino a toccare picchi massimi di 3000 dollari per un solo Bitcoin. Si tratta di un innalzamento molto importante e che lascia ben sperare per una continua crescita (non sono pochi gli analisti che considerano che il Bitcoin possa avere un potenziale da oltre 100.000 dollari per un singolo Bitcoin nel futuro prossimo).

Il Bitcoin può essere confrontato con mercati simili come le valute Euro, Dollaro, Yen anche se la peculiarità del Bitcoin è quello di essere una criptovaluta che si basa essenzialmente sulla crittografia. La crittografia è quindi estremamente importante per il Bitcoin, in quanto viene sfruttare per controllare e regolare la creazione dei nuove monete.

Se da un lato valute come Euro e Dollaro vengono stampate e controllate da un ente, come può essere la Banca Centrale Europea o la Federal Reserve, il Bitcoin non è regolato da un ente centrale ma bensì da una rete di computer collegati tra di loro che garantiscono il corretto funzionamento delle transazioni nel mondo. Inoltre, il Bitcoin è presente in quantità finita e non potranno mai essere creati più di 21 milioni circa di Bitcoin. Questo significa che la manipolazione del prezzo di Bitcoin è estremamente difficile, consentendo al Bitcoin di essere una metodologia di investimento estremamente più semplice.

Quindi se da un lato le valute “classiche” sono estremamente “vulnerabili”, il Bitcoin è molto sicuro in quanto non può subire momenti di inflazione o manipolazione di qualsiasi altro tipo.

Ci sono svariate criptovalute, tutte diverse tra loro in base alla caratteristiche intrinseche e peculiarità. Gran parte di queste criptovalute funzionano in base a due protocolli: Proof-of-work oppure proof-of-quota. Le criptovalute funzionano in base ad una community di “miners” che consentono alla rete di funzionare grazie alla potenza computazionale dei propri terminali.

La criptovaluta con più capitalizzazione di mercato è senza dubbio il Bitcoin, seguito successivamente da Ethereum e poi da una serie di criptovalute “minori” come Ripple oppure il Litecoin.

Sicurezza Criptovalute

Vogliamo sottolineare la grande sicurezza delle Criptovalute, in quanto è garantita dall’ampia rete di “miners” che grazia alla loro potenza di calcolo, sono incaricati di risolvere complicate formule matematiche, rafforzando quindi l’ecosistema di Bitcoin.

La grande sicurezza che sta dietro alle criptovalute è anche ovviamente l’anonimato che è possibile raggiungere. Grazie al fatto che le criptovalute hanno un grande livello di anonimato, è possibile inviare e ricevere i Bitcoin senza dover fornire il proprio nome. Questo significa che è presente un grande livello di sicurezza ed anonimato per chi utilizza il Bitcoin.

Come si guadagna con le Criptovalute

Veniamo quindi al punto più interessante: come si guadagna con il Bitcoin e con le altre criptovalute?

Per guadagnare con il Bitcoin e con le altre criptovalute è molto semplice, in quanto trattasi di una grandissima opportunità per monetizzare al più possibile anche per chi non è molto esperto in materia.

Adesso che il Bitcoin è entrato finalmente a far parte dei metodi di investimento e pagamento più famosi, è senza dubbio estremamente più semplice acquistare e vendere, così come investire con il Bitcoin e le altre criptovalute.

Iniziare ad investire con il Bitcoin è estremamente semplice e può essere fatto direttamente dalla propria poltrona di casa in pochi minuti, grazie alla piattaforma di trading online eToro.

eToro è una piattaforma di trading online pluripremiata, famosa in tutto il mondo per la sua grandissima affidabilità e sicurezza, garantita dal sigillo CySEC n°109/10.

La piattaforma di trading eToro, consente dal 2007 di investire in una moltitudine di mercati finanziari diversi tra loro, come Materie Prime, Forex, Azioni e molto altro ancora.

Con eToro non solo è possibile investire singolarmente in Bitcoin, Ethereum, Ripple e molte altre criptovalute diverse tra loro ma sono anche disponibili anche i fondi d’investimento.

Dato che eToro è alla costante ricerca di soluzioni d’investimento e tecniche ancora sconosciute agli investitori, ha recentemente presentato dei prodotti finanziari molto interessanti, che sanno rivoluzionando il mercato delle criptovalute digitali.

Attraverso la piattaforma di trading online eToro, è possibile investire nei primi Fondi d’Investimento incentrati completamente sulle criptovalute. Si chiamano “CopyFund eToro per le Criptovalute” e sono dei Fondi Investimento Bitcoin ed Ethereum completamente dedicati.

eToro aveva già presentato tempo fa i suoi copy funds, che consentivano di investire in modalità estremamente efficace e con grandissima semplicità e diversificazione in un ventaglio di mercati finanziari diversi tra di loro all’interno di un solo fondo d’investimento. È possibile investire nei Top Trader CopyFund e nei Market Copyfund.

Per iniziare ad investire nelle criptovalute, noi consigliamo proprio questa soluzione di eToro, che reputiamo la più professionale. Fare trading online con la piattaforma di trading di eToro è estremamente semplice. Se hai a disposizione almeno 5000 euro per iniziare consigliamo i Copy Fund delle criptovalute, altrimenti è possibile investire nelle criptovalute singole anche con soli 100 euroClicca QUA per aprire un conto GRATIS e SUBITO con eToro.

Fare trading con la piattaforma di trading di eToro è molto semplice, basta infatti un solo click. Per incominciare ad investire nei Copy Fund di eToro basta seguire i seguenti step:

  • Scegli il CopyFund dove vuoi investire. L’offerta di eToro è molto completa, in quanto i Copyfund spaziano da azioni, indici, criptovalute, trader e molto altro ancora.
  • Decidi l’importo che vuoi investire all’interno del mercato selezionato.
  • Premi sul bottone Investi ed il proprio investimento verrà aperto dopo pochi istanti.

Clicca qua per iniziare oggi con eToro ed i Copy Funds >>

 

Sull'autore

Giuseppe Motta

Appassionato di finanza, economia, trading. Giornalista pubblicista dal 2001.

Lascia un Commento