Investimenti

Trading Online Caffè: come investire, quotazione e previsioni prezzo

Il caffè è sicuramente una di quelle materie prime più importanti per l’uomo, e non solo. Infatti questa materia prima è estremamente importante sui mercati finanziari in quanto dopo il petrolio ed i metalli, il caffè è la terza materia prima che viene più scambiata all’interno dei mercati finanziari. Si tratta quindi di un bene estremamente prezioso e che viene considerato moltissimo dagli investitori.

Decidere di fare il trading online nel mercato del caffè è quindi un’ottima scelta per ottenere un portafoglio estremamente diversificato, investendo al contempo in un settore che negli ultimi anni ha visto sempre crescere il proprio prezzo. Noi di E-Conomy vogliamo quindi fare chiarezza su questo mercato finanziario, riportandovi una guida per investire nel caffè, massimizzando i profitti e minimizzando le perdite grazie ai consigli del nostro Trading Central.

Nonostante sia un mercato finanziario estremamente scambiato, quello del caffè è un mercato finanziario estremamente volatile e che quindi può essere soggetto a svariate oscillazioni a causa delle speculazioni da parte degli investitori oppure alle condizioni meteorologiche in corso.

Ponderare bene quindi il proprio investimento nel caffè è certamente un imperativo. Prima di decidere di investire nel mercato del caffè con il proprio trading online è prima di tutto conoscere a menadito il mercato finanziario in questo approfondendo tutte le tematiche correlate, osservando in maniera completa le analisi a breve, medio e lungo periodo.

Quotazione prezzo grafico caffè

Per capire a colpo d’occhio lo stato di salute del mercato finanziario del caffè, non c’è niente di meglio di dare uno sguardo alla quotazione nel tempo, rappresentata solitamente da un grafico e linee.

Se i massimi e minimi sono decrescenti, significa che siamo di fronte ad un movimento ribassista. Se i massimi e minimi sono crescenti significa che il mercato è in fase rialzista. Se invece i prezzi sono incerti e rimangono in un range senza andare in una direzione precisa, significa sostanzialmente che il mercato è in fase laterale.

Come è possibile vedere, il grafico qua sopra rappresenta l’andamento del caffè e riporta il suo prezzo attuale, in tempo reale. Clicca su visualizza i dettagli completi per saperne di più sul Caffè ed iniziare ad investire in questa materia prima.

Investire nel Caffè

Molti credono che investire nel caffè sia come investire in Starbucks o Espresso. È vero che i semi della pianta del caffè vengono utilizzati per produrre la pianta del caffè, ma nonostante ciò è comunque importante considerare che il caffè è comunque la terza materia prima più contrattata sui mercati finanziari, dopo il metallo e petrolio. Si tratta quindi di una materia prima di rilievo a livello globale.

Il caffè viene ottenuto essenzialmente tostando e macinando i semi di alberi tropicali che fanno parte della famiglia delle Coffea. Ci sono centinaia e centinaia di alberi delle Coffea. Tuttavia nel mondo vengono solitamente vendute le tipologie Arabica e Robusta.

Sicuramente ne avrete sentito parlare prima d’ora dell’Arabica, che è una tipologia di caffè molto diffusa, la cui pianta ha le proprie radici in Etiopia nel 1400. Si tratta di una delle tipologie di piante più rare, in quanto cresce solo a 1000-2000 metri di altitudine. Attualmente la tipologia dell’Arabica può vantare una percentuale altissima del mercato globale del caffè: circa il 70%.

Esiste poi invece la specie robusta, che è una varietà che può invece adattarsi in maniera migliore a più climi, ed è quindi estremamente più economica rispetto alla tipologia arabica. Questa specie attualmente vale circa il 29% del mercato totale del caffè.

Il caffè non è soltanto quindi un mercato finanziario estremamente importante dal punto di vista alimentare, ma bensì è estremamente importante anche dal punto di vista culturale. Le persone più abbienti in passato si riunivano per consumarlo e stare insieme, rendendolo quindi un vero e proprio rito.

Fare trading online con il caffè

È possibile fare trading online con il caffè, dove viene scambiato essenzialmente in “sacchi”, che corrispondono a 60 kg di caffè.

Attraverso le piattaforme di trading online di Plus500 e Markets (clicca qua per registrarti intanto anche tu gratuitamente e provare il conto demo) è possibile fare trading con i CFD dei mercati del caffè.

Su piattaforme come Plus500Markets (clicca qui per aprire un conto gratuitamente e provare il conto demo) è possibile vendere oppure acquistare i CFD a seconda delle proprie analisi su come il mercato del caffè si potrà muovere in futuro. Se secondo le proprie previsioni il mercato crollerà, sarà necessario investire al ribasso. Se invece secondo le proprie previsioni il mercato salirà, sarà necessario investire al rialzo.

Le piattaforme di trading online di Plus500Markets sono sicuramente le migliori piattaforme per investire nelle materie prime come il caffè. Clicca qua per iscriverti su Plus500 oppure su Markets.

Caffè Previsioni

Caffè Andamento Quotazione Prezzo

Caffè Andamento Quotazione Prezzo

Il mercato del caffè è associato a 3 grandi paesi produttori che praticamente si spartiscono all’incirca la metà di tutto il caffè che viene prodotto nel mondo.

Il Brasile è essenzialmente il primo produttore al mondo di caffè, con un raccolto medio oltre i 30 milioni di sacchi. Successivamente sono presenti la Colombia, Vietnam ed Indonesia.

Fino alla fine degli anni 80 il mercato del caffè è rimasto sempre estremamente stabile, grazie agli Accordi Internazionali sul Caffè, che hanno sempre garantito la massima stabilità anche in caso di condizioni meteorologiche non favorevoli. Gli accordi infatti avevano dei tetti massimi sulla produzione nel caso in cui il prezzo fosse infatti sceso troppo rispetto al livello prestabilito. Tuttavia le trattative si arenarono proprio verso la fine degli anni 90, rendendo quindi il mercato del caffè “fluttuante” e quindi tecnicamente “fuori controllo” e non più ancorato ad un livello predeterminato.

Il caffè oggi si muove secondo ragionamenti alquanto semplici: se il prezzo del caffè sale, è un incentivo per i produttori che aumentano la produzione. Se invece però l’offerta aumenta in maniera spropositata, anche il prezzo ne risentirà nel tempo.

Sull'autore

Andrea Motta

Appassionato di finanza, economia, trading. Giornalista pubblicista dal 2001.

Lascia un Commento