Main Street

Exchange di criptovalute: cosa sono e come funzionano

Le criptovalute hanno rivoluzionato i mercati finanziari dal momento in cui la prima moneta digitale, il Bitcoin, è entrata nel mondo economico dei mercati finanziari. Successivamente, la loro evoluzione ha portato alla creazione di decine di monete virtuali che ormai vengono utilizzate sia per giocare in borsa, ma anche per effettuare acquisti e investimenti.

Ma come si ottiene una moneta virtuale? Ovviamente, la procedura più semplice è quella di trasformare del denaro contante in una delle versioni digitali. Lo strumento più utilizzato è quello degli Exchange. Ma perché queste piattaforme sono così importanti? Cosa sono esattamente e come funzionano? In questa guida andremo ad analizzare i singoli aspetti confrontando anche gli Exchange con le piattaforme di broker CFD.

Possiamo già dirvi che il modo migliore per speculare sulle criptovalute è quello di utilizzare le piattaforme di trading CFD, come ad esempio quella regolamentata e autorizzata di eToro (clicca qua per visitare il sito ufficiale).

Se desideri approfondire l’argomento del trading online sulle criptovalute, visita il seguente collegamento: https://www.transitionstrading.com/come-fare-trading-online-su-criptovalute/ 

Gli Exchange di criptovalute, Cosa sono

Il termine Exchange può essere tradotto in italiano come “scambio”, considerando quindi la possibilità di trasformare qualcosa in un altro prodotto finanziario. Nel caso delle criptomonete sarà quindi possibile ottenere Bitcoin, Ethereum o gli altri altcoin, utilizzando una piattaforma chiamata Exchange. La loro funzione primaria è quella di permettere l’acquisto e la vendita delle criptomonete.

All’inizio, gli Exchange sono stati visti in maniera molto negativa da parte dei traders amanti di questa nuova forma di valuta. Infatti erano considerati come dei mezzi utilizzati per poter liberarsi delle criptomonete e quindi, invece di rafforzare la loro diffusione, potevano rallentarla.

In realtà l’effetto è stato contrario. Infatti, per chi vuole acquistare una criptomoneta e quindi utilizzarla sia a fine di investimento, ma anche come moneta virtuale di scambio, lo strumento più semplice è proprio quello di registrarsi a un Exchange.

Come funzionano  – Le caratteristiche degli Exchange

Ma come funzionano queste piattaforme? Per prima cosa è importante scegliere l’Exchange che maggiormente si adatta alla propria operatività. Come nel caso delle piattaforme di trading CFD o per quelle del Forex, gli Exchange presenti sono tantissimi. Scegliere non è sempre facile dato che gran parte di essi permettono una registrazione senza obbligo di versamento e commissioni (almeno all’inizio) molto basse. È importante considerare che ogni Exchange si diversifica dagli altri sia per i prezzi imposti alle criptomonete che per il volume di scambi che vengono effettuati. Prima quindi di scegliere, può essere molto utile consultare i siti specializzati che confrontano le caratteristiche di ogni piattaforma.

Una volta considerato quale Exchange utilizzare, sarà necessario effettuare la registrazione. Le piattaforme prevedono dei passaggi molto rigidi nei quali, non solo sarà obbligatorio introdurre i propri dati e verificarli, ma anche eventualmente effettuare un deposito iniziale, o in criptovalute oppure in moneta reale. Quasi tutti gli Exchange accettano l’euro, il dollaro, la sterlina, ma anche altre tipologie di monete.

Una volta completata la registrazione, e ottenuto le credenziali, sarà possibile accedere alla piattaforma online attraverso i software che si interfacciano direttamente con il web.

Cosa si può fare con un Exchange – Non solo acquisto e vendita

Ma cosa si può fare con un Exchange? Attraverso la piattaforma sarà possibile effettuare una serie di attività che sono legate non solo all’acquisto e vendita delle monete virtuali, ma anche alla possibilità di scambiarle. Di seguito andiamo ad evidenziare quali sono gli aspetti principali:

  • Cambio delle valute: la funzione primaria di un Exchange è ovviamente quella del cambio delle criptovalute, utilizzandolo al fine di trasformare le differenti monete virtuali in denaro reale. Una volta ottenuto il contante, potrai trasferire il controvalore attraverso un bonifico su un conto corrente collegato in modo da prelevare i soldi;
  • Acquisto e vendita criptovalute: altro elemento da considerare è la possibilità di acquistare le monete digitali. La piattaforma Exchange è molto utile nel caso in cui hai deciso di credere nella crescita delle criptomonete e quindi utilizzarle come un investimento. In questo caso potrai decidere di versare un certo quantitativo di soldi reali in modo da poterli trasformare in Bitcoin, Ethereum o altcoin, acquistando le criptmonete in base ai prezzi scambiati nell’Exchange. In questo modo potrai conservare le tue criptomonete nel wallet virtuale presente nella piattaforma e utilizzarle per eventuali scambi oppure acquisti;
  • Trading su criptovalute: sarà possibile anche utilizzare l’Exchange per poter sfruttare le differenze di prezzo tra le coppie di criptovalute, in modo da poter generare un profitto. Il trading sulle criptovalute è possibile attraverso le piattaforme anche se non molto conveniente, dato che non sono presenti altri strumenti finanziari che possono ridurre l’investimento di capitale e aumentare i profitti come nel caso dei broker che permettono di operare con i CFD sulle criptomonete.

Broker CFD e Exchange, qual’è la differenza?

Spesso, quando si sente parlare di trading sulle criptovalute, si tende ad affiancare il concetto di Exchange con quello dei broker CFD. Le differenze sono sostanziali e anche la tipologia di operatività delle due piattaforme è completamente differente.

In primo luogo gli Exchange nascono per il cambio delle valute digitali e non per effettuare trading. Nel caso invece dei broker CFD su criptovalute, sono stati creati per permettere un’ampia operatività su questi prodotti, ma anche su altri asset finanziari.

Inoltre, quando si decide di investire nelle criptovalute attraverso gli Exchange, l’impegno economico è abbastanza sostanzioso, dato che il capitale da versare è direttamente proporzionale al valore della criptomoneta. Se per esempio si vuole acquistare un Bitcoin per un valore di 1.000 €, sarà necessario versare l’intero importo al fine di avere la relativa criptomoneta.

Nel caso invece dei broker CFD non si utilizzerà l’intero capitale, ma solo una percentuale ridotta in proporzione alla leva stabilita dalla piattaforma.

Altro aspetto da considerare è la tipologia di investimento che può essere effettuato attraverso l’Exchange. Queste piattaforme sono finalizzate principalmente ad acquistare o vendere le valute, in modo da poterle tenere nel proprio wallet, al fine di un investimento a lungo termine o per acquisti. Il processo risulta molto lungo e noioso.

Nel caso invece dei broker CFD è prevista la possibilità di effettuare il trading CFD con degli scambi a brevissimo termine e guadagni proporzionalmente molto alti.

Infine, negli Exchange sono presenti commissioni ingenti per lo scambio. Un eventuale guadagno nel trading avverrà solo una volta che il differenziale delle valute superi questo valore. Nel caso invece dei broker CFD, la commissione è legata allo spread ed è molto vantaggiosa.

Le piattaforme di CFD – Uno strumento più utile dell’Exchange

Le caratteristiche principali che rendono i broker CFD uno strumento nettamente migliore per poter fare trading sulle criptovalute sono: la leva finanziaria e i capitali bassi che si possono investire, il tutto massimizzando il profitto.

Ma cosa si intende con questi due termini?

CFD è l’acronimo per identificare i contracts for difference, prodotti derivati che prevedono la possibilità di poter operare sulle criptovalute senza però possederle. Inoltre, non sarà necessario investire l’intero capitale, ma solo la percentuale stabilita dal broker attraverso la leva finanziaria, strumento che permette di ricevere dalla piattaforma una forma di prestito in denaro al fine di aprire una posizione più ampia.

Nel caso delle criptovalute, immaginiamo una leva finanziaria di 2:1. Grazie ad essa se vogliamo acquistare 1000 € in Bitcoin, sarà necessario investire solo un capitale pari a 500 €.

Grazie a questi due aspetti e alle commissioni che vengono calcolate in base allo spread, il modo migliore per investire sulle criptovalute con un profitto maggiore è di sicuro quello di utilizzare una piattaforma di broker CFD.

Migliore Piattaforma CFD per Criptovalute: eToro

Concludiamo l’articolo menzionando una delle migliori piattaforme in assoluto per investire sul Bitcoin e le altre criptovalute con i CFD: eToro (clicca qua per visitare la home page).

La piattaforma CFD di eToro ha delle solide fondamenta, che mettono al primo posto la sicurezza. eToro è autorizzata dall’authority di controllo italiana della CONSOB e regolamentata dall’ente Europeo CySEC. La società rispetta appieno le leggi vigenti e le regolamentazioni europee MiFID.

Grazie alla tecnologia di questo broker fondato nel 2007, è possibile investire sia al rialzo che al ribasso su praticamente qualsiasi criptovaluta e tutte le altre tipologie di asset finanziari.

Con il termine “vendere allo scoperto” si intende l’apertura di una posizione di vendita, che consente all’investitore di guadagnare nel caso in cui il prezzo dell’asset dovesse muoversi al ribasso.

I vantaggi di eToro non finiscono qui. Questo broker, che è a tutti gli effetti un network di investimenti sociali, consente, a tutti i suoi clienti, di sfruttare gratuitamente un sistema di trading automatico a dir poco rivoluzionario: il CopyTrading (marchio registrato).

Il CopyTrading (o Social Trading/CopyTrader che dir si voglia) è una tecnologia che consente di copiare alla perfezione le operazioni degli investitori professionisti presenti sulla piattaforma di eToro.

Attraverso questo sistema, è possibile dunque cercare i trader migliori (quelli che guadagnano di più) e copiarli alla perfezione con il click di un bottone. Chi copia, guadagna in proporzione al rendimento del trader copiato ed il capitale investito su di lui. Clicca qua per ottenere un conto di trading gratuito su eToro.

Su eToro è inoltre disponibile un portafoglio per le criptovalute, ideale per chi preferisce mantenere le proprie criptovalute a lungo termine. Con l’eToro Blockchain Wallet, otterrai una blockchain personale per le transazioni on-chain e la tua chiave privata sarà salvata in modalità criptata, senza il pericolo di perderla.

eToro è veramente il miglior broker per le criptovalute, in quanto la sua offerta dedicata a questa nicchia di mercato in costante ascesa è veramente completa. È infatti presente anche il Crypto CopyPortfolio: un particolare fondo d’investimento interamente dedicato alle criptovalute.

Il Crypto CopyPortFolio consente di utilizzare un portafoglio diversificato e incentrato prevalentemente sulle criptovalute migliori, quelle più famose ed utilizzate. Il portafoglio viene aggiornato ogni mese, inserendo all’interno di esso le criptovalute con una capitalizzazione di mercato di almeno 1 miliardo ed un volume medio giornaliero superiore a 20 milioni di dollari durante il mese.

Clicca qua per visitare il sito ufficiale di eToro.

Il nostro punteggio
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Andrea Motta

Appassionato di finanza, economia, trading. Giornalista pubblicista dal 2001.

2 Commenti

  • Ottimo articolo, completo e ben fatto. Concordo sul fatto che gli exchange hanno dei prezzi che ormai sono andati alle stelle. Molto ma molto meglio le piattaforme di trading per i CFD.

Lascia un Commento