Investimenti

Value Investing: Come funziona e come guadagnare soldi

Pubblicato: 16 Febbraio 2021 di Sara Nicoli

Il Value Investing è una tecnica di investimento finanziario che consiste nel comprare azioni di società che presentano una quotazione significativamente più bassa rispetto al loro effettivo valore di mercato. Si contrappone quindi ad un’altra tecnica, quella del Growth Investing, che si focalizza invece sull’apprezzamento del capitale. 

È, quindi, un modo di investire in borsa sicuramente molto vantaggioso, ma che incontra dei rischi in quanto occorre avere molte conoscenze tecniche che quasi mai l’investitore che ha appena iniziato a fare trading ha. Ecco perché,nel caso di trader in erba ma non solo, la soluzione migliore per fare Value Investing è quella di affidarsi a piattaforme di trading online regolamentate, affidabil e sicure quali  eToro, OBRinvest e IQ Option.

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: obrinvest
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Questi broker online hanno il vantaggio di disporre di:

    • Licenza ad operare  rilasciata da organismi di  certificazione internazionale;
    •  Meccanismi di investimento automatico;
    • Conto demo gratuito;
    • In più consentono di scegliere entro varie tipologie di investimento fra cui l’investimento in CFD che permette di guadagnare sia che il titolo salga di prezzo, sia che scenda. 

    Prima di conoscere più nel dettaglio come guadagnare con Value Investing, andiamo subito a vedere qual è la storia e come funziona il Value Investing.

    Storia del Value Investing

    Il Value Investing nasce dalle idee di investimento che Benjamin Graham e David Dodd iniziarono a insegnare alla Columbia Business School nel 1928. In seguito, queste idee vennero formalizzate in una teoria economica vera e propria all’interno del libro “Security analysis” pubblicato nel 1934. In questo saggio, l’economista americano sosteneva che il vero valore di un titolo non fosse quello visibile e disponibile nel momento attuale sul mercato, ma che questo potesse essere determinato solo da uno studio approfondito.

    Come è facile intuire, questa riflessione non ha influenzato solo l’approccio degli investitori value, ma di tutti coloro che decidono di effettuare un investimento in borsa. Molti investitori di Wall Street sono stati, infatti, in quegli anni allievi di Graham e hanno appreso da lui le regole dell’investimento in titoli ed azioni.

    Le elevate performance ottenute in quegli anni grazie agli insegnamenti di Graham sono state sottolineante da un suo stesso seguace, Warren Buffet,  nel discorso del 17 maggio 1984, conosciuto col nome di “The superinvestors of Graham-and-Doddsville”. Ed è stato proprio Buffet a a portare avanti le teorie di Graham e Dodd.  Rispetto ai sue predecessori, l’approccio del presidente e amministratore delegato di Berkshire Hathaway, è però molto più qualitativo e meno quantitativo, in quanto non si pone come obiettivo principale dell’investimento la rivendita delle azioni allo scopo di realizzo.

    In tutti i casi, è bene sottolineare che il Value Investing è un tipo di investimento valido nel lungo periodo, tanto che una delle battute più note di Warren è: “L’investimento è come il matrimonio per un cattolico: dura tutta la vita”.

    Come funziona il Value Investing

    Dopo aver raccontato la storia del Value Investing, vediamo meglio come funziona. Abbiamo detto che si tratta di un tipo di investimento finanziario in cui si comprano titoli di società che hanno attualmente un prezzo di mercato più basso rispetto a quello che, invece dovrebbe avere.

    Per quale motivo, però, delle azioni dovrebbero essere scambiate ad una quotazione inferiore ? I motivi possono essere tanti, il più comune è il raggiungimento di un profitto inferiore alle aspettative che si traduce, nel breve periodo, in un calo del prezzo delle azioni.  Apprendere che la società sta perdendo soldi può, infatti, indurre i suoi soci a cedere i loro stock per la paura di ulteriori perdite.

    Il meccanismo di funzionamento del Value Investing si basa, quindi, su due considerazioni principali:

    • Le aziende non crescono nel breve ma nel lungo periodo, quindi delle perdite di profitto momentanee non dicono nulla circa la solidità della società;
    • Nella maggior parte dei casi, l’andamento degli utili di una società si comporta in modo ciclico, cioè anche se nel breve periodo dovessero diminuire, questi poi torneranno a crescere nel periodo successivo e viceversa.

    Possiamo, quindi, affermare che il Value Investing non fa altro che sfruttare il comportamento irrazionale degli investitori che, quando una società di cui detengono le azioni attraversa un periodo di calo di profitto, questi sono più portati a pensare che la situazione peggiorerà. È quindi la paura, insieme all’avidità, e non l’analisi accurata dei dati finanziari, a convincerli che sia arrivato il momento opportuno di cedere i loro stock!

    Come fare Value Investing 

    Ora che abbiamo compreso che per effettuare il Value Investing occorre effettuare un’attenta analisi, cerchiamo di capire quali sono i fattori da prendere in considerazione. Iniziamo col dire che tutte le azioni possiedono in valore intrinseco che non cambia anche in presenza di oscillazioni. Questo valore intrinseco è quello che tenderà ad affermarsi nel lungo periodo, tempo in cui i comportamenti irrazionali del breve periodo non sono in grado di influenzare le decisioni di investimento.

    Il primo fattore da considerare, per comprendere se un titolo con una quotazione più bassa rispetto al suo valore effettivo sia davvero un buon investimento, sono prima di tutto gli utili dell’azienda, che dovranno essere almeno doppi ai debiti indipendentemente dal fatto se siano in crescita o meno.

    Il Value Investor punta, in genere, su aziende meno popolari, con segnali di crescita ma per lo più sottovalutate, scegliendo di fare quello che la maggior parte degli altri investitori decide di non fare: comprare anziché cedere.

    Altri fattori da prendere in considerazione sono:

    • Dimensioni dell’investimento, che dovrà essere adeguato al proprio budget. Tuttavia, queste sono in genere più grandi rispetto a quelle effettive. Graham parla a tal proposito di “margine di sicurezza”, in quanto l’acquisto ad un prezzo minore non solo rappresenta una garanzia in caso di cattive prestazioni, ma garantisce anche un maggior profitto nel caso di un rialzo del titolo;
    • Guadagni della società, che dovranno essere in crescita da almeno 5 o 10 anni;
    • Trasparenza delle operazioni condotte dall’azienda;
    • Andamento del titolo sostanzialmente stabile nel lungo periodo.

    Tutti questi fattori, che come abbiamo visto riguardano più il passato che il presente dell’azienda, rappresentano le valutazioni principali che l’investitore Value deve fare prima di decidere se investire o meno in quel titolo. Alcuni “casi di successo” nel Value Investing sono state aziende come Coca Cola, American Express, Walt DisneyMcDonald’s  .

    Value Investing

    Come guadagnare soldi col Value Investing

    Iniziamo col dire che investire con questa tecnica non è semplice e non tutti quindi lo possono fare. Questo prima di tutto perché si tratta di un tipo di investimento che funziona solo nel lungo periodo, quindi nell’attesa è possibile che qualche investitore possa essere costretto a vendere per coprire un bisogno di liquidità improvviso.

    Può inoltre accadere che le azioni comprate con la tecnica del value investing siano rivendute troppo tardi, quando ormai il titolo ha iniziato a decrescere e la società non è più solida e stabile come lo era inizialmente.

    Ciò detto, anche se è possibile affermare che col Value Investing si guadagnano in genere molti soldi, bisogna anche ammettere che per investire in questo modo occorre avere conoscenze molto approfondite non solo dell’azienda ma anche del mercato.

    Qual è la soluzione in questi casi?

    A nostro avviso, se non sei un investitore esperto ma vuoi lo stesso cimentarti nella tecnica del Value Investing puoi cominciare a farlo sulle piattaforme di trading online gratuite che prevedono anche la possibilità di aprire prima un conto demo. Ecco di seguito quelle che non solo secondo noi ma anche secondo il parere di altri utenti sono le migliori!

    eToro

    eToro è una delle piattaforme più utilizzate al mondo per il trading e il motivo è semplice: è la più sicura ed affidabile in assoluto poichè, ad esempio in Italiaa, gode della doppia autorizzazione ad operare rilasciata sia da Consob che da CySec! 

    Con eToro, inoltre, è possibile investire in oltre 2000 classi di asset differenti, fra cui azioni, forex, materie prime, criptovalute e CFD usufruendo di spread molto convenienti. L’iscrizione è gratuita ed è anche possibile aprire un proprio account demo gratuito di $100.000 con cui esercitarsi e sperimentare.

    Ma la vera grande novità di eToro è il Social Trading, chiamato anche Copy Trading. Tramite il programma “Popular Investor”, gli investitori meno esperti possono copiare gratuitamente, in maniera completamente automatica, le scelte di investimento dei trader più esperti. Questo è un meccanismo da cui tutti traggono vantaggio: i trader più anziani che acconsentono di essere copiati ottengono infatti pagamenti aggiuntivi in base al numero di follewer; i trader principianti, invece, possono ambire a profitti più elevati semplicemente copiando quello che fanno gli investitori più di vecchia data.

    Riepiloghiamo qui in modo sintetico i vantaggi di fare Value Investing con eToro:

    • Piattaforma regolamentata;
    • Copy Trading;
    • Iscrizione gratuita;
    • Spread bassi;
    • Account demo gratuito di $100.000

    Per tutti questi motivi, eToro è la scelta perfetta non solo per tutti i trader  alle prime armi e , ma anche per quelli più esperti che possono ottenere performance più alte grazie agli spread bassi e al guadagno aggiuntivo ottenuto grazie alla loro adesione programma “Popular Investor”.

    Clicca qui per aprire subito un conto gratuito con eToro.

    IQ option

    Con IQ Option puoi fare trading in modo  assolutamente facile e sicuro, infatti si tratta della piattaforma più semplice da usare oggi esistente. Ciò non toglie che sia anche sicura, poichè regolamentata presso la CySec, ente internazionale di controllo sull’investimento finanziario con sede a Cipro.

    Come le precedenti, anche IQOption ammette l’investimento in CFD, in più consente di aprire un conto demo illimitato e gratuito con cui sperimentare per tutto il tempo che si vuole. Quando deciderai di iniziare davvero ad investire, non dovrai far altro che fare un deposito di sole 10 € e iniziare a seguire le indicazione delle guide sui migliori investimenti da fare.

    Riassumiamo quindi qui tutti gli aspetti positivi di fare Value Investing su IQ option:

    • Piattaforma semplice da usare
    • Consigli di trading di guide esperte
    • Conto demo illimitato
    • Deposito minimo di sole 10 €

    Ritieni che questa piattaforma di trading sia quella giusta per te? Allora corri subito ad iscriverti su IQ option cliccando qui.

    Conclusioni

    Il Value Investing è una modalità d’investimento  che ha come obiettivo quello di comprare i migliori titoli azionari quando il loro prezzo è inferiore al loro valore intrinseco.

    Questa strategia, nata negli anni’30 grazie alle idee dell’economista Benjamin Graham e portata avanti da suo allievo Warren Buffet, comporta la necessità di analizzare approfonditamente i dati relativi alla condizione finanziaria della società e naturalmente di conoscere i meccanismi di funzionamento del mercato. Solo in questo modo  è, infatti, possibile comprendere che le oscillazioni di un titolo azionario non sono legate a delle perdite ma che invece queste possono essere sinonimo di una sua futura crescita.

    Tuttavia, non tutti sono in grado di fare Value Investing proprio perché è necessaria una grande preparazione e conoscenza del mercato azionario. In questi casi, è preferibile affidarsi a broker online gratuiti che dispongono anche di un conto demo come ad esempio eToro, OBRinvest e iqOption.

    Per comodità ti riportiamo di seguito i link attraverso cui accedere al modulo di iscrizione:

    Domande frequenti

    Cos’è il Value Investing?

    Il Value Investing è una tecnica di investimento finanziario che consiste nel comprare azioni che presentano una quotazione significativamente più bassa rispetto al loro valore di mercato.

    Chi ha ideato il Value Investing?

    Questa tecnica nasce dalle idee di investimento e speculazione che Benjamin Graham e David Dodd iniziarono a insegnare alla Columbia Business School nel 1928. In seguito queste idee divennero una teoria vera e propria con la pubblicazione del libro “Security analysis” di Graham nel 1934

    Che caratteristiche deve avere un Value Investor?

    Un Value Investor deve prima di tutto essere ben preparato in materia finanziaria, conoscere in modo approfondito e studiare la società su cui intende investire ma soprattutto essere controccorrente rispetto agli altri investitori che fanno scelte guidati da fattori irrazionali.

    Dove fare Value Investing senza rischi?

    Se sei un principiante e vuoi cimentarti nel Value Investing, il nostro consiglio è quello di affidarsi a broker online gratuiti e regolamentani che dispongono di meccanismi automatici di investimenti e conto demo. Fra tutti, ti consigliamo soprattutto: eToro, OBRinvest e iqOption. Scopri maggiori dettagli nell’articolo.

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Sull'autore

    Sara Nicoli