Investimenti

Comprare azioni Huawei: Tutte le possibilità d’investimento

Se nomini i più grandi produttori di smartphone del mondo sicuramente vengono in mente Apple, il produttore dell’onnipresente iPhone e Samsung, il produttore del Galaxy. Ma potresti dimenticare uno che è salito in cima alla lista negli ultimi anni: Huawei, secondo solo a Samsung (per vendite). Ma Comprare azioni Huawei è un buon investimento?

Huawei offre prodotti innovativi popolari in tutto il mondo ed è un attore importante nel mercato globale degli smartphone, anche se i problemi politici con gli Stati Uniti sono emersi. Se la società decide di diventare pubblica, i potenziali investitori saranno interessati a una soluzione a quelle gravi accuse di sicurezza informatica.

Vediamo subito le migiori piattaforme per investire nel mercato cinese, fra queste eToro è certamente la più semplice da usare e la più ricca di strumenti all’avanguardia.

Migliori piattaforme per Comprare azioni Huawei

Ecco un elenco dei migliori broker autorizzati e regolamentati dalla Consob (per l’Italia) e da altri enti di regolamentazione per l’Europa, tutti sicuri e affidabili.

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Social Trading (Copia i migliori)
  • Semplice ed intuitivo
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Corso trading gratis
  • Segnali di trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo gratis
  • Corso trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Comprare azioni Huawei è possibile?

    Huawei è di proprietà privata solo dei dipendenti cinesi, ma chiunque lavori per l’azienda al di fuori della Cina non può acquistare.

    Gli azionisti della società ammettono, tuttavia, di non comprendere la struttura della società, di non ricevere informazioni aggiornate sulle loro partecipazioni e di non avere potere di voto. Trentatre membri del sindacato eleggono nove candidati per partecipare all’assemblea annuale degli azionisti . Gli azionisti ricevono pagamenti di dividendi e hanno il potenziale per guadagnare bonus in base alla performance. Anche i loro stipendi vengono rivisti su base annuale.

    Huawei è noto per vendere obbligazioni a investitori internazionali, ma potrebbero essere difficili da trovare. L’ultima volta la società ha emesso obbligazioni al di fuori della Cina nel febbraio 2017, secondo un articolo del Wall Street Journal del maggio 2019 , e non ci sono società di investimento non cinesi che commercializzano attivamente obbligazioni Huawei.

    Il Journal ha riferito che alcuni gestori patrimoniali con sede negli Stati Uniti potrebbero offrire obbligazioni Huawei in fondi comuni di investimento, sebbene i fondi specifici siano sconosciuti.

    Azioni Huawei quotazioni

    Il titolo Huawei è quotato a 2,67 CNY ora che stiamo scrivendo questa guida ma non è possibile Comprare azioni Huawei in modo diretto, si può solamente investire nel mercato cinese utilizzando i CFD (contratti per differenza).

    Questo tipo di contratti offre la possibilità di investire in molti titoli cinesi legati a Huawei oppure sui principali indici cinesi, il tutto senza commissioni e in modo semplice e rapido: è necessario solo registrarsi ad uno dei Broker di CFD che abbiamo elencato. Vediamo nel dettaglio le caratteristiche di ognuno di questi Broker.

    eToro

    Questo Broker è il più diffuso al mondo, attivo dal 2007 conta già oltre 7 milioni di utenti attivi.

    La piattaforma di questo Broker è molto semplice da utilizzare e permette d’investire in Azioni, Indici, ETF, Criptovalute, Materie Prime e molti altri Asset, fra i quali alcune aziende cinesi dello stesso settore di Huawei e l’indice cinese A50, molto adatto a seguire l’andamento dell’economia del paese.

    eToro permette di investire a commissioni zero , guadagnando solo dallo spread: la differenza fra prezzo d’acquisto e prezzo di vendita di un titolo.

    Per chi desidera fare pratica sulla piattaforma, eToro offre un conto Demo gratuito identico a quello reale ma con denaro virtuale.

    Clicca qui per accedere al conto Demo di eToro

    Lo strumento più rivoluzionario di eToro permette di fare Trading in modo automatico, basta selezionare i migliori Traders presenti sulla piattaforma e il software chiamato Copy Trading, ricopia tutte le operazioni a mercato dei Traders scelti.

    Il Copy Trading è gratuito e permette di ottenere rendimenti simili a quelli di un professionista del Trading pur essendo un principiante.

    Iscriviti a eToro e scopri quanto guadagnano i Top Traders

    ForexTB

    Broker ormai molto conosciuto, ForexTB sta diventando un punto di riferimento per il Tradign online.

    ForexTB permette di negoziare in molti mercati, compreso quello cinese, attraverso le sue piattaforme di Trading: la piattaforma web molto rapida e intuitiva e la Metatrader 4 per i Trader più esigenti.

    Questo Broker tiene molto alla formazione , infatti ha reso disponibile gratuitamente un corso di trading in formato ebook, molto utile per apprendere le basi dell’analisi tecnica.

    Clicca qui per scaricare gratuitamente il corso di ForexTB

    ForexTB offre a tutti i suoi utenti anche dei Segnali di Trading gratuiti. Queste indicazioni, eleborate dalla rinomata Trading Central, sono un valido aiuto nel Trading perchè hanno un alto tasso di successo (che sfiora l’80%) e permettono di investire risparmiando tempo.

    Registrati qui su ForexTB e richiedi i Segnali di Trading gratuiti

    Trade.com

    La caratteristica di questo Broker è l’elevato numero di prodotti negoziabili, con oltre 2.000 Asset permette di spaziare in ogni mercato compreso quello cinese (per seguire il titolo Huawei), il tutto grazie ai CFD gratuiti.

    Anche con questo Broker, si opera sulla famosissima Metatrader e gli spread sono molto bassi. Inoltre Trade.com ha investito in formazione e offre un ebook sul Trading a tutti gli iscritti, un corso base ricco di esempi molto chiari e informazioni utili a tutti i Trader.

    Per scaricare l'ebook di Trade.com clicca qui

    Punto di forza di Trade.com è il servizio di assistenza telefonica personalizzata. In pratica, un Trader esperto vi seguirà nei vostri investimenti in modo da farvi evitare i classici errori dovuti all’inesperienza.

    Il servizio di assistenza personale di Trade.com è gratuito e possono richiederlo tutti gli iscritti al Broker.

    Registrati su Trade.com e richiedi l'assistenza di un esperto

    Azioni Huawei in tempo reale

    Qui sotto vediamo il prezzo del titolo Huawei al momento della stesura di questa guida, in un grafico a 1 giorno:

    azioni Huawei in tempo reale

    Storia di Huawei

    Ren Zhengfei, ex ufficiale dell’Esercito popolare di liberazione, ha fondato Huawei (pronunciato Wah-Way) nel 1987. Da allora, la società con sede a Shenzhen, in Cina, è diventata uno dei maggiori produttori di smartphone al mondo accanto ad Apple ( AAPL ) e Samsung . L’azienda produce anche altri prodotti elettronici di consumo e costruisce apparecchiature e infrastrutture di comunicazione. È diventato un gigante multinazionale con un fatturato stimato di $ 120 miliardi nel 2019.

    Nonostante una crescita impressionante, Huawei rimane un ente privato interamente di proprietà dei dipendenti dell’azienda.

    Ciò significa che la società non è quotata in nessun mercato pubblico e che persone diverse dai dipendenti attuali non possono investire in essa. Nonostante l’incapacità di investire in Huawei, gli investitori potrebbero voler tenere d’occhio uno dei maggiori produttori di smartphone al mondo.

    Azioni Huawei oggi

    Le azioni di Huawei al momento della scrittura di questo articolo sono quotate 2,67 CNY ma non è possibile acquistarle direttamente.

    Oltre a realizzare smartphone, Huawei costruisce reti e servizi di telecomunicazione e fornisce soluzioni ai clienti aziendali. A partire dal 2019, Huawei contava oltre 190.000 dipendenti in oltre 170 paesi. Gestisce la maggior parte delle sue attività in Cina ed EMEA (Europa, Medio Oriente, Africa e regione Asia-Pacifico).

    Sebbene sia utile sapere dove Huawei fa affari, è molto più interessante sapere dove non funziona. Lo scetticismo globale su Huawei è cresciuto negli ultimi anni, a seguito di un rapporto del Congresso del 2012 che ha messo in luce i rischi per la sicurezza legati all’uso delle apparecchiature dell’azienda.

    Inoltre, mentre la società afferma di essere posseduta al 100% da dipendenti, i funzionari statunitensi sono scettici sul fatto che il governo cinese e il Partito comunista potrebbero interferire su Huawei. Una legge cinese che impone alle aziende cinesi di fornire assistenza nelle reti di intelligence nazionali approvate nel 2019 ha aumentato tali preoccupazioni.

    Molte aziende hanno già smesso di usare i prodotti Huawei. Grandi compagnie statunitensi come AT&T e Verizon hanno smesso di utilizzare i prodotti Huawei, l’Australia ha deciso di non utilizzare la tecnologia di Huawei per le sue reti mobili 5G, la Nuova Zelanda ha fatto lo stesso.

    Nonostante questi blocchi governativi, Huawei può ancora condurre affari con società private in ciascuno di questi paesi.

    Huawei azioni borsa grafico

    Vediamo nel grafico appena sotto le oscillazioni di borsa di Huawei anche in base ai recenti avvenimenti riguardanti l’azienda e la sua dirigenza.

    Il 1 ° dicembre 2018, funzionari canadesi hanno arrestato Meng Wanzhou, direttore finanziario di Huawei e figlia del fondatore dell’azienda, su richiesta del governo degli Stati Uniti. Il 29 gennaio 2019, il governo degli Stati Uniti ha presentato ufficialmente una richiesta formale di estradizione, sostenendo di aver violato le sanzioni statunitensi contro l’Iran. Gli Stati Uniti hanno anche vietato a Huawei di fare affari con aziende statunitensi a causa delle violazioni delle sanzioni.

    quotazione Huawei

    Nel giugno 2019, il presidente Trump ha revocato le restrizioni su Huawei nell’ambito dei negoziati di guerra commerciale USA-Cina in corso. Tuttavia, Huawei ha annunciato l’intenzione di tagliare 600 posti di lavoro a Santa Clara, in California e, entro dicembre 2019, aveva preso la decisione di spostare il centro in Canada.

    Huawei: tutti i numeri che contano

    Huawei opera nei segmenti carrier, enterprise e consumer del mercato. Poiché la società non è pubblica, non è quotata in nessun mercato azionario e non è tenuta a presentare la documentazione alla Securities Exchange Commission (SEC). La società riporta comunque i suoi numeri su base regolare.

    Nel suo rapporto annuale 2018, la società ha dichiarato che le entrate totali sono state di $ 107 miliardi, in crescita del 19,5% rispetto all’anno precedente. I profitti sono aumentati del 25%. La società ha dichiarato di aver venduto oltre 200 milioni di smartphone nel 2018, il che rappresenta un notevole aumento rispetto ai 3 milioni venduti nel 2010.

    Huawei ha riferito che gli affari in Cina, di gran lunga il suo più grande mercato, sono aumentati del 19% nel 2018. Gli affari nella regione dell’Asia del Pacifico sono cresciuti del 15%, sono cresciuti del 24,2% nell’EMEA, mentre i suoi affari nelle Americhe, il più piccolo mercato, sono diminuiti del 7% e ha mostrato un declino per il secondo anno consecutivo.

    Huawei entra in borsa

    Nel 2014, ai vertici di Huawei è stato chiesto se avrebbe preso in considerazione una quotazione in borsa, ma l’idea è stata respinta.

    Il debutto di Huawei sul mercato pubblico non può essere completamente escluso in futuro, soprattutto se in futuro la società avrà bisogno di capitale aggiuntivo. Non è probabile che Huawei possa farsi quotare negli Stati Uniti , in parte a causa delle sue scarse relazioni con il Paese e della crescente reputazione dell’azienda nell’uso della tecnologia per spiare gli utenti.

    Per quanto riguarda gli investimenti diretti in Huawei, in questo momento esiste solo una potenziale soluzione, ma è inverosimile. Per ricevere dividendi , dovresti diventare un dipendente dell’azienda a Shenzhen, in Cina.

    Se Huawei diventa pubblico, dovresti investire?

    I media hanno speculato sull’IPO a causa del recente appello delle autorità finanziarie cinesi alle società “unicorni” e alle principali società tecnologiche per farsi quotare sul mercato azionario A di Shenzen. Se Huawei risponde alla chiamata, sarebbe utile pensare ai pro e ai contro degli investimenti in azioni Huawei.

    Pro dell’acquisto di Huawei Stock

    • Forte quota di mercato: Huawei è recentemente diventata il secondo produttore di smartphone. Ora ha una quota di mercato del 15% e nel 2012 aveva meno del 4%.
    • Azienda redditizia: la società aveva un margine operativo del 9,3% nel 2017 e ha più che raddoppiato l’utile netto dal 2013.
    • Internet delle cose: la sua tecnologia NB-IoT è presente in oltre 500.000 stazioni base distribuite in tutto il mondo.
    • Strategia cloud: Huawei continua ad avanzare la sua strategia cloud, con oltre 350 contratti di virtualizzazione delle funzioni di rete (NFV) e 380 contratti commerciali di rete definita dal software (SDN) in tutto il mondo. Ha inoltre implementato oltre 30 reti commerciali CloudAIR con interfacce aeree wireless.
    • Tecnologia 5G: Huawei ha testato la sua tecnologia 5G con oltre 30 vettori leader in più di 10 città in tutto il mondo e le sue prestazioni di rete hanno superato di gran lunga le sue esigenze.

    Contro dell’acquisto di Huawei Stock

    • Blocco negli Stati Uniti: a causa delle minacce alla sicurezza informatica, i telefoni Huawei non sono disponibili per la vendita negli Stati Uniti. Le partnership pianificate con AT&T e Verizon sono crollate a causa delle pressioni politiche.
    • Blocco della tecnologia 5G: il governo degli Stati Uniti sta cercando di convincere i suoi alleati, Giappone, Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda a smettere di acquistare reti Huawei a causa di rischi per la sicurezza.
    • Detenzione del CFO di Huawei: il 1 ° dicembre, Meng Wanzhou, CFO di Huawei e figlia del fondatore, è stata arrestata in Canada su richiesta di estradizione degli Stati Uniti. L’arresto ha influenzato negativamente le relazioni tra Cina e Stati Uniti, che sono state già colpite dalla recente guerra commerciale.

    Alternative a Huawei

    Non puoi procedere all’acquisto di una partecipazione diretta in Huawei, ma non importa. Altri investimenti consentono di trarre profitto dalla crescita del mercato degli smartphone, dalla crescita in Cina e dall’espansione mondiale del progresso tecnologico.

    Molti dei concorrenti di Huawei sono quotati in borsa e hanno mostrato buoni risultati negli ultimi anni. Se diffidate dalla raccolta di singoli titoli, alcuni fondi comuni di investimento e fondi negoziati in borsa (ETF) includono i principali produttori di dispositivi.

    Se si desidera un’esposizione al mercato cinese, si può prendere in considerazione un fondo più ampio oppure negoziare direttamente l’indice cinese A50 che raccoglie le principali aziende quotate alla borsa di Shanghai e a quella di Shenzhen.

    Qui sotto vediamo la quotazione dell’indice con i CFD di eToro con il quale si può negoziare sia al rialzo che al ribasso:

    indice China50

    Clicca qui per registrarti su eToro e negoziare l'indice cinese A50

    Conclusioni

    Huawei è rapidamente diventato uno dei maggiori produttori di smartphone al mondo, superando Apple e restando dietro solo a Samsung dal 2019.

    Ma Huawei non è quotata in borsa, lasciando gli investitori incapaci di “incassare” la crescita dell’azienda. Una relazione tesa tra l’azienda e il governo degli Stati Uniti complica ulteriormente le cose per chiunque desideri investire nell’azienda.

    Come abbiamo visto ci sono delle alternative all’investimento diretto in Huawei, fra queste le più convenienti e pratiche riguardano i Broker che offrono i CFD. Per chi non si sente ancora pronto a rischiare denaro nel mercato cinese i Broker elencati in questa guida dispongono di un conto Demo gratuito per testare le proprie strategie e fare pratica.

    Ti potrebbero interessare anche le guide su come Comprare azioni:

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Sull'autore

    Valerio Sanna